Politica

di Mirko De Carli

RAVENNA - KIEV, PASSANDO PER CUBA: LE VIE DELLA PACE POSSIBILE

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sono giornate spesso dedicate ad affrontare la complessa sfida del giudizio storico sulla figura e sul pontificato di Benedetto XVI e tante immagini degli ultimi decenni tornano d’attualità: oggi ne rievochiamo una, in particolare, che riguarda il pontefice compianto e la mia città natale, Ravenna.

Era il 2007 e tra 7 e il 15 ottobre si tenne nella capitale bizantina la decima plenaria della Commissione mista per il dialogo tra cattolici e ortodossi: le delegazioni firmarono un documento destinato a cambiare in parte la strada del dialogo ecumenico all’interno della cristianità: per la prima volta, in un documento ufficiale, cattolici e ortodossi concordarono sul fatto che la Chiesa è universale e che il vescovo di Roma, la Chiesa che presiede nella carità, rappresenta in essa un «protos» tra i patriarchi.

Questo frammento di storia, troppo spesso dimenticato (sopratutto in questi mesi di conflitto in terra d’Ucraina dove regolarmente vengono chiamati in causa Papa Francesco e il Patriarca Kirill), andrebbe riproposto come metodo con cui tentare di aprire un varco di speranza nella coltre di nebbia fatta di bombardamenti senza sosta che avvolge questa martoriata regione europea. È evidente a tutti che i principali leader mondiali, Stati Uniti in testa, non hanno alcun interesse o intenzione a cedere rispetto alla prerogativa di poter vincere la guerra in corso: abbiamo toccato con mano la conferma di tutto ciò con il rifiuto di Zelensky e degli americani di accettare la proposta di Putin per un cessate il fuoco durante il Santo Natale ortodosso appena celebratosi.

L’ideologia dall’avere ragione prevale sulla consapevolezza che solo un tavolo di pace dove si ritrovano entrambi i belligeranti possa costruire una possibile via d’uscita da questa maledetta carnefici di civili e militari. Per questo oggi è più che mai necessario che la politica italiana, europea ed occidentale rilanci il grido di pace che salì verso il cielo da Cuba, il 12 febbraio 2016, quando Francesco e Kirill si incontrarono per firmare una dichiarazione congiunta nel solco dello straordinario lavoro prodotto e offerto al mondo intero da Ravenna nel 2007.

Al punto 27 del documento si parlò espressamente dei conflitti religiosi in terra d’Ucraina e, già allora, si posero le basi per una possibile risoluzione: “Auspichiamo che lo scisma tra i fedeli ortodossi in Ucraina possa essere superato sulla base delle norme canoniche esistenti, che tutti i cristiani ortodossi dell’Ucraina vivano nella pace e nell’armonia, e che le comunità cattoliche del Paese vi contribuiscano, in modo da far vedere sempre di più la nostra fratellanza cristiana”

Queste parole risuonino oggi, a poche ore dal Natale dei fratelli ortodossi, nei cuori e nelle menti dei potenti e si chieda un azione risolutrice dei due leader spirituali più influenti sulla terra senza la quale il rischio del perdurare di morti e violenza in Europa è un’incontrovertibile certezza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/01/2023
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Vaticano: stop alle spese militari!

A Ginevra, alla Conferenza della revisione della CCW, monsignor Putzer esorta a proseguire ogni sforzo verso un disarmo generale

Leggi tutto

Chiesa

Papa: Dio, ascolta la preghiera di chi fugge dal frastuono delle armi

Nuovo tweet di Papa Francesco diffuso dall’account @Pontifex, anche in lingua russa e ucraina.

Leggi tutto

Chiesa

Iraq -  Sako: la luce della Pasqua di Cristo illumini le tenebre

Riferendosi esplicitamente alle guerre che dilaniano il mondo, il Patriarca caldeo invita “tutti i credenti, cristiani e musulmani, che attualmente digiunano per il Ramadan, e anche gli ebrei, a guardare alla tragedia in Ucraina e nei Paesi del Medio Oriente, alla loro umiliazione e allo smantellamento del loro bellissimo mosaico”. Oggi più che mai – fa notare il Cardinale iracheno - la celebrazione della Pasqua rappresenta un’occasione propizia per riconoscere anche in questo tempo “l’amore di Dio per gli uomini, la sua vicinanza e la sua infinita misericordia verso tutti”, che si manifesta “attraverso la risurrezione di Cristo”, avvenuta “per la salvezza dell’umanità”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: nella nebbia dei nostri tempi custodiamo gli anziani

Nel Commonwealth Stadium di Edmonton Francesco celebra la Messa davanti a circa 50 mila persone, nel giorno della festa di Sant’Anna, ricordando l’importanza dei nonni, “radici” di una storia da costruire insieme fra generazioni

Leggi tutto

Storie

Il contributo delle chiese asiatiche

Entrati nella settimana conclusiva i lavori della Conferenza generale promossa in occasione dei 50 anni della Fabc, la Federazione delle Conferenze episcopali del continente

Leggi tutto

Società

Ucraina, Gallagher: tutti sconfitti dalla guerra

A Roma, nella basilica di Santa Maria in Trastevere, il segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati ha presieduto una speciale Preghiera per la pace nella nazione est europea, lanciando un forte appello ai responsabili politici: impegniamoci a rinnovare i cuori

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano