Politica

di Roberto Signori

PAKISTAN - Nuova Commissione nazionale per i diritti delle minoranze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nei giorni scorsi il Primo Ministro del Pakistan Shahbaz Sharif ha annunciato durante una riunione a Islamabad che è in lavorazione un disegno di legge per istituire una Commissione nazionale per i diritti delle minoranze (National Commission for Minorities’ Rights). “Sebbene si tratti di un’iniziativa lodevole, è necessario valutare l’opera delle istituzioni nazionali per i diritti umani già esistenti prima di creare un nuovo organismo”, afferma il laico cattolico pakistano Peter Jacob, direttore del “Centro per la giustizia sociale” (CSJ). Jacob cita la Commissione nazionale per la condizione delle donne (NCSW), istituita nel nel 2000; la Commissione nazionale per i diritti umani (NCHR) costituita nel 2015, neutrale e permanente; la Commissione nazionale sui diritti dell’infanzia, costituita nel 2020. “In generale va detto che le raccomandazioni politiche delle Commissioni vengono ignorate o l’azione su di esse è ritardata dal Ministero federale dei diritti umani”, nota Jacob. Anche le province pakistane, ricorda, hanno istituito organismi per la tutela dei diritti umani (commissioni, uffici e dipartimenti) ma “questi organismi sono enormemente carenti di risorse, competenze e il loro funzionamento risulta limitato”, rileva.

Tali commissioni, nota, dovrebbero operare “come ponte tra i portatori di doveri (governo) e i portatori dei diritti (le persone)” , ma spesso “la governance non trasparente pone limiti al loro funzionamento”. “Il sistema richiede che tutti gli organismi si sottomettano all’autorità del governo, mentre tali Commissioni, secondo logica, dovrebbero operare in modo autonomo rispetto alle strutture di autorità, al fine di monitorarle e accertarne eventuali responsabilità”, argomenta. Comprendere queste dinamiche - nota Jacob - può essere utile nel pensare a una nuova Commissione per le minoranze.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/01/2023
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

LA CROCE FESTEGGIA I 500 NUMERI

Il Popolo della Famiglia e La Croce sono strettamente uniti, pur in una reciproca sostanziale autonomia, perché fin dal primo numero noi abbiamo indicato una soluzione politica a questa terribile condizione di una pallina che rotola sul piano inclinato della nichilista cultura della morte che anima i nostri legislatori: farsi legislatori. Impegnarsi a dare un pugno al piano inclinato ribaltandolo, cercando consenso dopo aver svolto una capillare opera di informazione sui rischi che normative come quelle approvate contro la vita e contro la famiglia in questa legislatura comportano. Il cristiano non può disinteressarsi a quel che sta accadendo, non può rinunciare a battersi pensando che il male che si sta facendo non è affar suo o non può fermarlo. Non è davvero il tempo di cristiani tiepidi e mosci che alzano le mani e si arrendono senza aver neanche reso testimonianza alla grazia fondamentale derivante dall’incontro con Cristo e cioè la scoperta che non può esserci alcuna libertà fuori dalla verità. La Croce è nata per ribadire questa testimonianza cristiana, per analizzare con spirito di verità quel che “il mondo” ci propone nel tempo in cui ci è dato di vivere, senza ficcare la testa sotto la sabbia e comprendendo che alcuni atti che sono violentissimi perché legislativi necessitano una risposta competente, mediaticamente efficace e anche politicamente organizzata.

Leggi tutto

Politica

E la ripresa valoriale?

Niente per le famiglie numerose, nessuna politica per la natalità, nessun sostegno all’impresa di famiglia, nessuna politica per i giovani che vogliono metter su famiglia, niente sulla libertà scolastica e sulla possibilità di far scegliere ai papà e alle mamme la scuola dove mandare i propri figli: il “contratto di governo” di Lega e Movimento 5 Stelle si annuncia come uno scriteriato prospetto per varare (in deficit) il reddito di cittadinanza e la flat tax.

Leggi tutto

Politica

La terza via sulla quale deve puntare il popolarismo sturziano dopo le Europee

Impossibile pensare di indulgere – come fanno i movimenti populisti – sull’opzione di vellicare “la pancia del Paese” (cioè le sue voglie e le sue paure)

Leggi tutto

Società

ALTRO CHE DDL ZAN: LA LEZIONE DELLA ROWLING

La scrittrice ha sottolineato: “Mi sono allontanato da Twitter per alcuni mesi prima e dopo aver condiviso il mio sostegno per Maya, perché sapevo che non fosse fatto bene alla mia salute mentale. Sono ritornata da solo perché volevo condividere gratis un libro per bambini durante il l ‘’ ogni donna è coinvolta in questo dibattito in - TERF “.La sigla TERF è un termine coniato dagli attivisti Lgbt che significa femminista radicale trans-esclusivo e comprende molte diverse tipologie di persone come una madre che ha paura suo figlio voglia cambiare sesso per sfuggire al bullismo omofobico e una signora anziana che ha ammesso di non usare più fare acquisti da Marks & Spencer perché hanno permesso a un uomo che si identifica come donna di accedere ai camerini destinati alle donne, e molti altri esempi.

Leggi tutto

Media

La Croce, uno tra i pochissimi media liberi

La ragione astratta dunque svuota le persone e le rende più facilmente manipolabili da una scienza falsamente neutra, sempre in realtà a vantaggio dei potenti del momento. Come ritiene, pro domo sua, di poter fare a meno di una crescita libera così impone i propri canoni pseudo scientifici che spogliati appunto di vissute libere ricerche incasellano la cultura in branche specialistiche vivisezionate

Leggi tutto

Politica

OSTIA DI NUOVO “DORMITORIO”; PAPA FRANCESCO LA CHIAMAVA “ CITTA’ ”

Un quartiere ‘dormitorio’. Così veniva chiamata Ostia e il suo Territorio tanti anni fa quando veniva usato solo per ‘dormirci’ appunto e tutte le attività che contavano e le decisioni e i posti buoni per lavorare erano nella Capitale o altrove. Poi lunghi e faticosi percorsi di partecipazione, di coscienza e consapevolezza identitaria l’hanno a fatica portata ad acquisire una certa considerazione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano