Politica

di Giuseppe Udinov

Ungheria: no alla NATO in Ucraina

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Presidente ungherese Katalin Novak giovedì ha esortato la comunità internazionale a impedire l’ingresso della NATO nella guerra in Ucraina e ha invitato a “pensare alla sopravvivenza dell’Europa” mentre continua l’invasione del territorio da parte della Russia.

Parlando a un incontro a cui hanno partecipato gli ambasciatori stranieri che lavorano sul territorio ungherese, ha sottolineato la necessità di “essere pragmatici”, oltre a tenere conto della “sopravvivenza dell’Europa”.

“La NATO deve rimanere fuori dalla guerra, non possiamo permettere che si lasci trasportare dai sentimenti e che venga coinvolta nel conflitto”, ha detto, invitando i diplomatici a lavorare in uno spirito di “rispetto reciproco” tra le diverse culture.
Ha sottolineato che gli ungheresi “sono bravi a resistere alle crisi” e ha indicato che, fortunatamente, il Paese “è già riuscito a superare la pandemia di coronavirus”, secondo le informazioni del quotidiano “Magyar Hirlap”.

“Dobbiamo ancora affrontare le conseguenze economiche e sociali. La guerra in Ucraina è scoppiata e molti Paesi europei hanno problemi di approvvigionamento energetico”, ha dichiarato, aggiungendo che “la pressione migratoria sta aumentando ai confini meridionali del Paese”.

In questo senso, ha ammesso che c’è una certa “incertezza tra la popolazione” e ha sottolineato che “i salari non sono competitivi in alcuni settori”, a cui si aggiungono le “controversie con Bruxelles”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/01/2023
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Curiosità sul G20

Vaccini, clima e salute al centro dell’agenda del capi di Stato. In programma oggi il meeting congiunto dei ministri delle Finanze e della Salute per fare il punto sui vaccini e sulla situazione pandemica.

Leggi tutto

Politica

Sara Reho (PDF): “Le donne non sono merce da allevamento intensivo

A Kiev non riescono a consegnare i 21 bambini nati con la maternità surrogata. Sara Reho (Popolo della Famiglia): “Le donne non sono merce da allevamento intensivo ed in Italia la GPA è ancora reato”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco a Kirill: diventiamo operatori di pace

Il Pontefice invia una lettera di auguri per la Pasqua al patriarca di Mosca: “Il passaggio dalla morte alla nuova vita in Cristo diventi una realtà per il popolo ucraino, desideroso di una nuova alba che porrà fine all’oscurità della guerra”

Leggi tutto

Politica

Ucraina, sull’invio di armi approvata la mozione della maggioranza

​Sull’invio di armi all’Ucraina, dalla Camera è arrivato il via libera alla mozione della maggioranza. Il testo, che contiene anche l’ok a proseguire con i rifornimenti a Kiev, è stato votato anche dall’opposizione.

Leggi tutto

Chiesa

Il “partito” di Pio XII ha un sostenitore eccellente Papa Francesco

Come è stato più volte ribadito in questi anni, anche la prima recezione dell’operato di Pio XII presso la comunità ebraica del tempo appare positiva. Un ebreo convertito al cattolicesimo, come il rabbino capo di Roma Israel Zolli, assume proprio il nome di Eugenio come atto di riconoscenza per quanto Papa Pacelli aveva fatto per la comunità ebraica romana. Atteggiamento diametralmente opposto rispetto alla nota congiunta firmata nel 2009 dai rappresentati dell’ebraismo italiano di allora, Il rabbino capo di Roma, Riccardo Di Segni, il presidente dell’Unione delle Comunità ebraiche italiane Renzo Gattegna e il presidente della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici, pubblicata in occasione della firma di Papa Ratzinger al decreto che proclamava la venerabilità di Pio XII. Nota che esprimeva la persistenza di una valutazione critica

Leggi tutto

Storie

Afghanistan: cedere un figlio per sfamare gli altri

Nel Paese oltre il 97% della popolazione scenderà al di sotto della soglia di povertà entro la metà del 2022.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano