Media

di Nathan Algren

Nepal - Indagini sull’aereo precipitato

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un aereo della Yeti Airlines con 72 persone a bordo è precipitato domenica mattina a Pokhara, in Nepal. Il volo proveniva dalla capitale Kathmandu e il tempo era sereno, ha detto portavoce dell’autorità per l’aviazione civile del Nepal. Il portavoce della compagnia, come riportato dal The Kathmandu Post, ha riferito che l’aereo è caduto tra il vecchio aeroporto e l’aeroporto internazionale di Pokhara, e ha confermato il numero delle persone a bordo, tra cui tre neonati e altri tre bambini.

Secondo la tv indiana News 18, tutte le 72 persone a bordo sono decedute. Sul velivolo c’erano 68 passeggeri e quattro membri dell’equipaggio. “Metà dell’aereo è sul fianco della collina - hanno riferito residenti del posto all’agenzia Reuters - l’altra metà è caduta nella gola del fiume Seti”. Altre fonti locali sostengono che ci sono dei superstiti nello schianto del volo della Yeti Airlines. Il vice capo del distretto di Kaski nel Nepal centrale dove è avvenuto l’incidente ha detto che sono stati “mandati in ospedale” alcuni sopravvissuti per le cure. Un precedente bilancio diffuso dall’Autorità per l’Aviazione nepalese parlava di 40 morti. Il quotidiano indiano The Economic Times riporta che diversi stranieri erano a bordo dell’aereo, inclusi cinque indiani, quattro russi, un irlandese e due sudcoreani.

E l’incidente è più grave in Nepal dal marzo 2018, quando un volo turboelica Dash 8 USA-Bangla da Dhaka si è schiantato durante l’atterraggio a Kathmandu, provocando la morte di 51 delle 71 persone a bordo, secondo Aviation Safety Network. Almeno 309 persone sono morte dal 2000 in incidenti aerei o elicotteri in Nepal, dove si trovano otto delle 14 montagne più alte del mondo, tra cui l’Everest. Nel Paese asiatico il tempo può cambiare improvvisamente e creare condizioni pericolose. L’Unione Europea ha bandito le compagnie aeree nepalesi dal suo spazio aereo dal 2013, adducendo problemi di sicurezza.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/01/2023
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ecco il programma del viaggio del Papa in Congo e Sud Sudan

E’ stato reso noto dalla Sala Stampa della Santa Sede il programma del viaggio apostolico di Papa Francesco nella Repubblica Democratica del Congo e in Sud Sudan,

Leggi tutto

Società

Corinaldo e le tre mele avvelenate

La distruzione, come in una gotica fiaba di Biancaneve, è veicolata da tre mele avvelenate che rappresentano tre dipendenze. Il brutto è che sono dipendenze diffusissime. Il bello è che si possono combattere, come tutte le dipendenze. Le tre mele avvelenate sono: l’alcool, la droga, la bulimia di denaro. Parto da quest’ultima: si è diffuso nel mondo musicale legato proprio a rap e trap questo metodo del cosiddetto dj set. Il dj set non è un concerto vero e proprio, il cosiddetto artista si fa vedere in tre o anche quattro location differenti nella stessa sera, “canta” due o al massimo tre pezzi, i più noti, si fa pagare un cachet stellare, sempre a cinque cifre. ....

Leggi tutto

Storie

NIGERIA -  I veri motivi della strage nella chiesa di Owo

Leggi tutto

Politica

I brigatisti di via Fani tutti liberi da anni

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella si è recato al monumento che conserva memoria del vile attentato ad Aldo Moro e alla sua scorta, ma gli attentatori sono tutti impenitenti e a piede libero, ricercati e intervistati.

Leggi tutto

Storie

Ragazza tedesca “si fidanza” con un aereo

Si tratta di quella che viene definita “oggettofilia”, ovvero l’attrazione fisica per gli oggetti inanimati. Secondo quanto riportato dal Mirror l’ultima passione di Sarah è per un aereo, un Boeing 737. La giovane racconta di viaggiare con regolarità solo su quel modello di aereo e di averne 50 esemplari in miniatura in casa. Per lei il Boeing 737 è il suo “fidanzato”.

Leggi tutto

Chiesa

Il programma ufficiale del viaggio spirituale di Papa Francesco in Ungheria e Slovacchia

Tre giorni ricchissimi di impegni, dal 12 al 15 settembre prossimi, per Papa Francesco che presiederà la Messa finale del Congresso Eucaristico internazionale a Budapest per poi trasferirsi a Bratislava. Visite nelle città di Košice, Prešov e Šaštin. Appuntamenti con giovani, vescovi, rom e una Divina liturgia bizantina.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano