Società

di Nathan Algren

India: ricchezza nelle mani di pochi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’1% più ricco della popolazione indiana detiene oltre il 40,5% della ricchezza del Paese, mentre il 50% compreso nella fascia con i redditi più bassi detiene appena il 3% della ricchezza totale. Sono i dati riferiti all’India per l’anno 2021 del rapporto sulla disuguaglianza diffuso ogni anno da Oxfam International in occasione del World Economic Forum in corso a Davos. L’indagine incrocia le notizie ricavate da fonti come Forbes e Credit Suisse sui grandi patrimoni con i documenti ufficiali sul bilancio dell’Unione indiana.

Secondo questo studio dall’inizio della pandemia, i miliardari indiani hanno visto la loro ricchezza aumentare del 121%, pari a 36 miliardi di rupie al giorno (più di 400 milioni di euro). Se si allarga lo sguardo al 5% di indiani con i redditi più alti la quota della ricchezza posseduta sale al 60%.

Il rapporto afferma che se i patrimoni delle 10 persone più ricche dell’India venissero tassati al 5%, si potrebbe ricavare l’intero denaro necessario per affrontare il problema dell’abbandono scolastico. E aggiunge: “Una tassa una tantum sui guadagni dal 2017 al 2021 di un solo miliardario, Gautam Adani (uno degli uomini più ricchi del mondo ndr), raccoglierebbe 1,79 miliardi di dollari, sufficienti per assumere più di cinque milioni di insegnanti di scuola primaria indiani per un anno”.

Il rapporto “Survival of the Richest” ha inoltre rilevato che se i miliardari indiani venissero tassati anche una solo volta con un’aliquota del 2% della loro ricchezza totale, si otterrebbero 404,23 miliardi di rupie (più di 4,5 miliardi di euro) che sosterrebbero l’alimentazione delle persone malnutrite nel Paese per i prossimi tre anni.

Il rapporto parla anche della disuguaglianza di genere: le lavoratrici guadagnano solo 63 centesimi per ogni rupia guadagnata dai lavoratori maschi. Inoltre, la differenza è ancora più netta per le caste classificate e i lavoratori rurali: le prime guadagnano solo il 55% di quanto guadagnano i gruppi avvantaggiati, mentre i secondi guadagnano solo la metà dei guadagni urbani nel periodo 2018-19.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

18/01/2023
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

India: Mumbai aborto ‘terapeutico’ per condizione sociale

Con un verdetto controverso i giudici hanno autorizzato l’interruzione di gravidanza alla 26ma settimana per una diciottenne non sposata il cui feto è sano e non presenta rischi fisici per la salute fisica della donna.

Leggi tutto

Società

La povertà alimentare in Italia

L’articolo pubblicato su Social Indicators Research fa parte di una serie di studi sulla povertà che alcuni degli statistici dell’Università di Pisa portano avanti da diversi anni, facendosi promotori e membri dal 2015 del Centro Interuniversitario di Ricerca e Servizi sulla Statistica Avanzata per lo Sviluppo Equo e Sostenibile – Camilo Dagum.

Leggi tutto

Storie

Economia - +25% per le attività che gestiscono le spiagge italiane

È la riviera romagnola la “culla” delle imprese impegnate nelle attività di “gestione di stabilimenti balneari”: 1.063 su 7.173 complessivamente operanti alla data del 31 dicembre scorso (il 25% in più di 10 anni fa), come rivela l’indagine di Unioncamere-InfoCamere sulla base dei dati del Registro delle Imprese delle Camere di Commercio.

Leggi tutto

Società

Turismo - Cresce il turismo in Italia nonostante i rincari

I turisti stranieri sono tornati nel nostro Paese: il 75% degli americani e l’88% dei brasiliani che viaggiano in Europa indicano l’Italia come destinazione preferita.

Leggi tutto

Politica

Cop 26

Finalmente dopo Roma e Glasgow il Cop 26 è terminato e si possono fare alcune considerazioni. Non valutazioni, perché ben altri e più esperti potranno esprimere i pareri su questa grande e impegnativa operazione di salvataggio del mondo

Leggi tutto

Società

L’uso problematico dei videogiochi in adolescenza

Una ricerca dell’Istituto di fisiologia clinica del Cnr, dell’Università di Padova e della Flinders University ha rivelato come fattori socioeconomici possano influenzare il rischio di gaming problematico negli adolescenti europei. Lo studio riporta che il 20% dei giovani è ad alto rischio e che i ragazzi sono tre volte più esposti rispetto alle coetanee. Danimarca e Romania presentano rispettivamente la percentuale più bassa (12%) e più alta (30%) del fenomeno. L’Italia è al di sopra della media europea con circa il 24%. Positivo il ruolo della famiglia e delle politiche sociali. La ricerca è stata pubblicata su Addiction

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano