Storie

di Nathan Algren

Vescovi: allarme Birmania

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’ultima settimana in Myanmar è stata ancora una volta pesantemente segnata dalle violenze che sono arrivate a colpire direttamente anche un luogo simbolo della comunità cattolica locale, la storica chiesa di Nostra Signora dell’Assunzione nel villaggio di Chan Thar, incendiata e rasa al suolo dall’esercito. Una nuova ferita nell’abisso di guerra in cui il Paese è stato trascinato dal golpe di due anni fa, che ha visto i militari deporre e incarcerare nuovamente Aung San Suu Kyi. In questo contesto i tre arcivescovi cattolici del Paese - il card. Charles Bo di Yangon, l’arcivescovo di Mandalay mons. Marco Tin Win e l’arcivescovo di Taunggyi mons. Basilio Athai - hanno lanciato a nome di tutti i leader religiosi un nuovo accorato appello intitolato “La pace è un pellegrinaggio, percorriamolo insieme”, che riportiamo qui sotto.

Caro popolo del Myanmar e parti in conflitto, statali e non statali: la pace sia con tutti voi.

Come leader delle principali religioni e fedi del Myanmar, rivolgiamo questo appassionato appello per la pace, esortando tutti a intraprendere il pellegrinaggio della pace.

Gli ultimi mesi hanno visto grandi minacce alla sacralità della vita umana, vite perse, vite sfollate, vite che muoiono di fame. In un Paese benedetto da tante grandi risorse, la distruzione di vite umane è una tragedia straziante.

Sempre più spesso i luoghi di culto e i monasteri, dove le comunità hanno cercato pace e riconciliazione, sono esse stesse oggetto di attacco e massacro. Strumenti internazionali come la Convenzione dell’Aia invitano a proteggere i luoghi di culto, i luoghi di insegnamento e i luoghi di cura. Con dolore e angoscia, ci chiediamo perché questi luoghi sacri vengano attaccati e distrutti.

Come nazione, abbiamo bisogno di guarire. E la guarigione passa attraverso un profondo senso di relazione reciproca. I luoghi di culto promuovono questa interdipendenza, per costruire la pace. Quando vengono bruciati senza pietà, tornare alla normalità diventa una grande sfida.

Come leader delle diverse tradizioni religiose, il nostro appassionato appello a tutte le parti in conflitto in Myanmar è che abbiamo sofferto a sufficienza come popolo: lasciamo che tutte le armi tacciano, raggiungiamo tutti, come fratelli e sorelle iniziamo il sacro pellegrinaggio della pace, uniti come nazione e come popolo.

La pace è possibile, la pace è l’unica via.
Con preghiere per la pace e la riconciliazione, a nome dei leader religiosi.

card. Charles Bo
arcivescovo di Yangon e presidente della Conferenza episcopale del Myanmar

mons. Marco Tin Win
arcivescovo di Mandalay

mons. Basilio Athai
arcivescovo di Taunggyi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/01/2023
2701/2023
Sant'Angela Merici

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Chiesa

XAVIER NOVELL, il vescovo che gli LGBT detestano

Giovane, colto e carismatico vescovo spagnolo: stava commentando Amoris Lætitia con il suo popolo.
Gli omosessualisti insorgono tacciandolo di “omofobia”

Leggi tutto

Chiesa

L’altra faccia del convegno vaticano sull’eutanasia

E’ balzata alla ribalta dell’attenzione nazionale la notizia del WMA European Region Meeting on End-of-Life Questions che coinvolgerà una trentina di specialisti della materia in una due-giorni ospitata in Vaticano. L’evento non sembra studiato per far discutere, ma semmai per pura accademia

Leggi tutto

Chiesa

Sette volti di una santità nuova e antica

L’invito alla speranza che Gesù offre ai discepoli, «perché tutto è possibile a Dio», corrisponde a tutte le storie dei sette santi canonizzati domenica in Piazza San Pietro. Che un gracile prete bresciano venga chiamato a compiti sempre più gravosi fino al ministero delle Somme Chiavi, che un vescovo reazionario si converta inciampando nella miseria di un popolo. E molto altro….

Leggi tutto

Società

News sulla Violenza Ostetrica: parla la Relatrice Speciale delle Nazioni Unite (parte prima)

Il motivo principale presupposto dei maltrattamenti è la diseducazione dilagante generale. Se ognuno di noi si recasse in diversi reparti di diversi nosocomi pubblici - e anche privati - di modo tale da poter osservare, come potrebbe fare una mosca, il trattamento che viene riservato a ogni singolo paziente durante le ore del giorno e della notte e in diverse circostanze, non rimarrebbe stupito nel constatare che in ogni turno, composto da diversi operatori sanitari (medici, infermieri, ostetriche, ausiliari) vi è chi possiede tatto - e quindi comunica in una certa maniera sia coi colleghi e i sottoposti, sia coi pazienti - e chi pare proprio mostri una condotta sbagliata - con colleghi, sottoposti e/o pazienti

Leggi tutto

Storie

ODE A DIEGO ARMANDO MARADONA

Ho letto che da qualche giorno, il 23 ottobre, Pelè ha compiuto ottant’anni e che tra qualche giorno, il 30 ottobre, Diego Armando Maradona ne compirà sessanta. Non so se avremo un’altra occasione con la cifra tonda per celebrarli entrambi in vita e non so neanche dire se sia più facile che Pelè non arrivi ai novanta che piuttosto Maradona non arrivi ai settanta. So per certo però che ora possiamo congratularci e sorridere con lor

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano