Politica

di Nathan Algren

Brasile, Argentina e la moneta comune

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il presidente argentino Alberto Fernández e quello brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva – entrambi di sinistra – hanno annunciato sabato sul settimanale argentino Perfil di voler creare una valuta comune al Sudamerica. Il ministro dell’Economia argentino, Sergio Massa, ha precisato al Financial Times che il progetto è ancora in una fase preliminare. Ha detto che all’inizio si vorrebbe introdurre la nuova moneta in Argentina e Brasile, e solo successivamente anche nel resto del continente: sarebbe a quel punto la seconda area valutaria più grande al mondo (dopo quella dell’euro), pari al 5 per cento del PIL mondiale, secondo i calcoli del Financial Times.

Un annuncio ufficiale e più preciso potrebbe arrivare nei prossimi giorni da parte di Fernández e Lula, che si incontreranno questa settimana a Buenos Aires in una riunione della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC). Il progetto comunque non è nuovo. Brasile e Argentina ne discutono da anni, ma per un motivo o per l’altro non se n’è mai fatto nulla.
Secondo alcuni funzionari sentiti dal Financial Times, all’inizio la nuova moneta servirebbe per le sole transazioni finanziarie, per le importazioni e le esportazioni. Per le operazioni più ordinarie resterebbero le due monete locali, il real brasiliano e il peso argentino, che si userebbero per esempio per il pagamento degli stipendi, delle pensioni, per fare la spesa e così via. Non si sa ancora il nome della nuova moneta. Potrebbe chiamarsi sur, sud in spagnolo, un nome che è stato spesso evocato dal presidente brasiliano Lula nell’ultima campagna elettorale quando parlava di questa idea.

Per il progetto si prevedono tempi molto lunghi, anche perché non ci sarà un cambio di moneta improvviso e le valutazioni richieste sono moltissime. Basti pensare che per la creazione dell’euro ci vollero decenni, e allora si trattava di mettere insieme economie che avevano già intrapreso un percorso di grande integrazione economica e che erano già forti e avanzate.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2023
3001/2023
Santa Martina

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Argentina- Il 2 luglio la beatificazione dei Martiri del Zenta

Monsignor Luis Antonio Scozzina, OFM, Vescovo di San Ramón de la Nueva Orán, ha comunicato la notizia della data di Beatificazione dei “Martiri del Zenta”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: fede e ragione sono in armonia

Il Papa ha ricevuto i membri della Fraternidad de Agrupaciones Santo Tomás de Aquino, associazione internazionale di fedeli di Diritto pontificio nata in Argentina nel 1962

Leggi tutto

Politica

Papa Francesco prega la Vergine di Lourdes

Papa Francesco si rivolge con un videomessaggio ai fedeli argentini, riuniti per la festa mariana nel Santuario di Nostra Signora di Lourdes a El Challao, nella provincia argentina di Mendoza, intitolato alla Madonna apparsa a Bernadette

Leggi tutto

Chiesa

ARGENTINA - “Paternità responsabile”

La promozione di una paternità responsabile “non dovrebbe mai aprire la strada a metodi che minano la dignità della persona, che limitano la nozione di libertà umana o che assumono decisioni per le persone che non hanno ancora raggiunto la maturità necessaria per decidere su processi irreversibili”.

Leggi tutto

Storie

Vescovi: preghiere e solidarietà per il Brasile

In Brasile è salito a quasi 100 morti, di cui 8 bambini, e 34 dispersi il bilancio delle vittime delle piogge torrenziali che hanno colpito Petropolis, località turistica sulle colline a Nord di Rio de Janeiro. I vescovi si uniscono in preghiera ed esprimono vicinanza alle popolazioni colpite

Leggi tutto

Storie

BRASILE - Donne e bambini vittime della violenza

Dati raccapriccianti: omicidi aumentati del 150%, diminuisce il “lavoro schiavo”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano