Società

di Jack Harper

La drammatica storia di Angela

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Mi chiamo Angela Sepe, ho 61 anni e un tumore al fegato. Vivo per strada dall’estate del 2021 assieme a mio figlio malato di cuore. Ci laviamo tutte le mattine nei bagni dell’ospedale Niguarda”.

Va subito dritta al punto questa donna con le mani sciupate dal gelo e una tosse insistente mentre racconta all’AGI come si sia inabissato il suo orizzonte nel giro di tre anni. Ex impiegata delle Ferrovie dello Stato nel deposito milanese dei treni di via Tucidide, poi cassiera in un supermercato, nel 2018 viene sfrattata dalla casa popolare dove viveva pochi mesi dopo la morte della madre a cui era intestato l’alloggio: “Quando mi hanno buttata fuori con mio figlio, soffrivo già di una patologia al fegato e facevo una cura sperimentale. Ho provato a farlo presente ma non hanno voluto vedere i documenti. Il maresciallo del commissariato locale mi ha suggerito di uscire senza creare problemi e assicurato che nel giro di 15 giorni saremmo potuti rientrare”.
Il centro di accoglienza e il lavoro notturno per Amazon
Non è andata così. “Per 18 mesi sono stata in un centro di accoglienza gestito dagli evangelisti in via Padova mentre mio figlio era ospite da amici. Eravamo una ventina in una grande stanza, c’erano solo due bagni. Chi arrivava prima si faceva la doccia, gli altri no perché a un certo punto non c’era più acqua e dopo le 20 le docce erano vietate. Così mi sono presa una brutta infezione alle vie urinarie”. Quando la signora Angela è uscita dall’ospedale non è potuta tornare nel centro “perché era finito il ‘Piano Freddo’ e stavano chiudendo e poi sono stata ospite di un centro gestito da un prete”.
In quel momento però succede qualcosa di buono: viene assunta, tramite una cooperativa, in un centro di smistamento di prodotti Amazon a Buccinasco, cittadina appena fuori Milano: “Ma lavoravo di notte e quindi per me non era più possibile accedere ai centri di accoglienza. Però guadagnavo qualcosa e con lo stipendio sono riuscita ad affittare una stanza a Saronno, in provincia di Varese, a 450 euro, dove sono andata a vivere con mio figlio”.
“Perdo il lavoro perché le cooperative chiudono e andiamo a vivere da un’amica vicino a Pavia. Quando ricevo la diagnosi di cancro lei si spaventa per le conseguenze delle cure e ci manda via”. Dopo l’operazione al fegato (“Il tumore è stato tolto , per fortuna, ma devo fare della terapia con le pastiglie al posto della chemio ”), finisce sulla strada. “Il mio ex cognato mi regala un’auto che avrebbe dovuto far demolire e dormiamo lì. Spaventati dai cinghiali e da altri animali, anche i lupi che a volte si fanno vivi in quella zona, decidiamo di tornare a Milano nel quartiere Niguarda dove ho sempre vissuto dagli anni Settanta. Con mia madre dopo che mi sono lasciata col padre di mio figlio”.
Questa volta però senza un tetto e col ragazzo che soffre di disturbi psichiatrici sempre più gravi ed è in cura da uno psicologo (“gratis, almeno per questo c’è il sistema sanitario”) e per una pericardite non ancora risolta.
Hanno i problemi di tutti quelli che sono come loro sono diventati: mangiare e lavarsi. Il problema della dignità. “Non sempre riusciamo a mettere insieme i pasti, da un mese mi è stato concesso un reddito di cittadinanza di 366 euro e sono in attesa della pensione di invalidità che è appena stata accettata”. “All’ospedale andiamo a lavarci nei bagni al piano delle prenotazioni delle visite, a volte mangiamo anche lì”. E di giorno cosa fate? “Giriamo per strada cercando un riparo, in un bar o altrove. Vediamo qualche amico”. Con lei, durante il nostro incontro, c’é Savina, una residente animatrice di molte iniziative di solidarietà nel quartiere. A gennaio le è stata respinta una nuova domanda per un alloggio popolare. La gestione di queste case è divisa tra il Comune e la Regione ed è stata più volte al centro di duri scontri tra il sindaco di Milano Giuseppe Sala e il presidente della Regione Attilio Fontana per i costanti problemi che si presentano tra i quali la morosità degli inquilini, gli sfratti, gli appartamenti sfitti in attesa di venire riassegnati, le questioni di ordine pubblico.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2023
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Intervista con la presidente di “Jamais sans Marwa”

Non è una faccenda di scontro di civiltà, l’accostamento di questi due innocenti tanto vicini eppure lontani ce lo ricorda. Anzi, Justine, la fondatrice e presidente dell’associazione “Jamais sans Marwa”, ci tiene a ribadirlo: «Per quanto riguarda la parte religiosa, durante questa battaglia abbiamo espressamente fatto in modo di tenercela nell’intimità: noi veniamo da ogni luogo e abbiamo ogni tipo di origine; è una battaglia umana, non di ingiustizia religiosa». Appunto con lei ci siamo intrattenuti per osservare da vicino “il piccolo principe” inglese e la “principessina” francese, riservandoci di commentare più avanti gli sviluppi giuridici del caso Gard per come si stanno snodando nelle udienze di Mr. Justice Nicholas Francis.

Leggi tutto

Società

VEGETALI TERMINABILI, ADESSO NEL REGNO UNITO I MEDICI SARANNO ANCHE GIUDICI

Lady Black, della Corte Suprema dell’UK, ha decretato che non sarà più necessario rivolgersi alla Corte di Protezione per togliere cibo e acqua ai malati

Leggi tutto

Società

Giuseppe Noia ginecologo contro l’aborto

Giuseppe Noia nasce a Terranova da Sibari il 14 Gennaio 1951.
Nel 1975 si laurea in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”.
Nel 1980 consegue la specializzazione in Ginecologia e Ostetricia e nel 1988 quella in Urologia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
E’ docente di Medicina dell’Età Prenatale presso la facoltà di Medicina e Chirurgia, Scuola di Specializzazione in Ginecologia e Ostetricia, Scuola di Specializzazione in Genetica e diploma di laurea di Ostetricia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma. E’ docente dei corsi di Perfezionamento e dei Master in Bioetica presso il Pontificio Consiglio per gli studi sulla famiglia Istituto Giovanni Paolo II.
E’ Presidente dell’Associazione Italiana Ginecologi Ostetrici Cattolici (AIGOC).

Leggi tutto

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

Storie

È pronta per diventare operativa la macchina per il suicidio assistito

Stampata in 3D si chiama Sarco ed è una macchina nella quale viene immesso azoto e sottratto ossigeno, predisposta per il suicidio assistito automatizzato.

Leggi tutto

Media

Volo solo chi osa farlo

in questi giorni l’autrice dell’articolo ho trovato questo libro ed ha pensato di parlarcene In un tempo dove il più grande punto interrogativo sono i giovani, la scuola, questo libro di Michele Smecca è la certezza che il nostro sguardo deve essere rivolto a questi ragazzi e al loro potenziale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano