Storie

di Nathan Algren

Thailandia: pericolo bullismo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sarebbe stato il bullismo stato il bullismo subito in a portare al suicidio la 15enne che in un villaggio nella provincia di Chachoengsao si è impiccata in casa lasciando un messaggio che confermava la situazione di disagio a cui era sottoposta e lo stato depressivo che l’ha spinta al gesto estremo. La sua vicenda ha riacceso in Thailandia il dibattito sul bullismo scolastico, un fenomeno diffuso e da molti ancora visto come parte di un processo educativo, di crescita, piuttosto che di sottomissione arbitraria e abuso. In un certo senso, sono le stesse strutture scolastiche a promuovere l’obbedienza senza discussione alle “buone regole del passato”, spesso oggi contrarie alle finalità educative e agli stessi regolamenti che dovrebbero tutelare sviluppo e autonomia degli studenti.

Una condizione non rara, dato che quattro anni fa un’indagine del Dipartimento per la salute mentale aveva dato come risultato che il Paese del sorriso ospitava ben 600mila studenti vittime di fenomeni riferibili al bullismo, il secondo numero più alto al mondo. A confermarlo poi era stata un’indagine statistica raccolta ed elaborata due anni fa dal Network of Legal Advocates for Children and Youth. Diffusi durante un simposio organizzato dalla Fondazione thailandese per la promozione della salute, i dati avevano segnalato con chiarezza la penetrazione del bullismo nelle aule, dato che il 92% degli studenti thailandesi interpellati avrebbe subito una qualche forma di bullismo dai coetanei e il 30% attraverso i social network. Pesanti le conseguenze: il 28% delle vittime dichiarava di sentirsi più introverso o depresso, il 26% di manifestare vari livelli di stress, il 18% lamentava scarsa concentrazione, il 16% avrebbe preferito non frequentare le lezioni.

Il coordinatore dell’indagine, Athiwat Niammeesee, aveva sollecitato il ministero dell’Istruzione ad affrontare il problema con serietà e a promuovere una cultura della sicurezza sia a scuola, sia in famiglia.

Diversi studi hanno indicato nella cultura patriarcale la base del bullismo che non di rado si manifesta tra gli adolescenti maschi con scontri fisici tra singoli o bande. Tra le femmine il fenomeno, sebbene più diffuso, viene spesso vissuto nella sopportazione e nel silenzio, in accordo con la visione tradizionale. Fino a quando la pressione o il senso di colpa diventano insostenibili. Non a caso, se in Thailandia sono soprattutto gli uomini a portare a termine il suicidio, le donne sono la maggioranza di coloro che lo tentano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Sul filo del rasoio

Una riflessione sui momenti di debolezza e sconforto che tutti noi abbiamo. Arriva il momento in cui vediamo tutto nero e veniamo sopraffatti dal dolore. Arriviamo a un punto in cui non abbiamo più margini di manovra per affrontare le difficoltà e le traversie che incontriamo nel nostro percorso. Lì accadde qualcosa che ribalta tutto, accettiamo la nostra debolezza; le difese si abbassano e possiamo far esplodere le nostre emozioni. Da lì, come liberati da un macigno che ci faceva affondare, possiamo ripartire con un nuovo Spirito. Siamo di nuovo pronti ad affrontare la vita e riprendere a vivere, consapevoli che corriamo sul filo del rasoio; però sappiamo che non siamo mai soli.

Leggi tutto

Storie

Ciclisti trans nelle gare femminili dei Commonwealth Games

Un portavoce ha affermato che il nuovo regolamento “sarà in linea con i principi stabiliti nel quadro del CIO sull’equità, l’inclusione e la non discriminazione sulla base dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale”.

Leggi tutto

Storie

Pakistan - 8 anni nel braccio della morte

La drammatica storia di due coniugi cattolici di Lahore arrestati con l’accusa di blasfemia, rivelatasi poi falsa.

Leggi tutto

Politica

Sako: i cristiani iracheni sono veri patrioti

Nel suo contributo, tra le altre cose, il Patriarca ribadisce che “dalla caduta del precedente regime, nell’aprile 2003, in Iraq non ha ancora visto la luce una vita politica normale, visti i continui fallimenti dei governi nel realizzare ciò di cui il popolo ha bisogno”. Il Primate della Chiesa caldea critica anche il fatto che la Costituzione citi solo l’islam come fonte della legislazione, offrendo la base giuridica per pratiche politiche e sociali che finiscono inevitabilmente per discriminare i cristiani e gli appartenenti a altre comunità di fede come “cittadini di serie B”.

Leggi tutto

Media

ALLA RICERCA DELL’ INFORMAZIONE PERDUTA

Siamo di fronte ad un informazione gravemente malata, dove vale la legge della giungla in cui a primeggiare sono solamente i più forti, economicamente parlando ovviamente. Il calo delle vendite sta spingendo a strumentalizzare qualsiasi cosa, a gridare titoli spropositati, a enfatizzare scontri tra le parti in maniera indecorosa, a dare etichette ignobili verso chi la pensa, anche solo leggermente, in maniera diversa

Leggi tutto

Storie

Un bambino al minuto colpito da malnutrizione acuta grave

Dall’inizio dell’anno, ogni giorno, 1 bambino al minuto è stato colpito da malnutrizione acuta grave”. Il duro impatto della crisi globale della nutrizione si sta facendo vedere con la rapida crescita del numero di bambini sotto i 5 anni che soffrono di malnutrizione.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano