Storie

di Nathan Algren

Thailandia: pericolo bullismo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Sarebbe stato il bullismo stato il bullismo subito in a portare al suicidio la 15enne che in un villaggio nella provincia di Chachoengsao si è impiccata in casa lasciando un messaggio che confermava la situazione di disagio a cui era sottoposta e lo stato depressivo che l’ha spinta al gesto estremo. La sua vicenda ha riacceso in Thailandia il dibattito sul bullismo scolastico, un fenomeno diffuso e da molti ancora visto come parte di un processo educativo, di crescita, piuttosto che di sottomissione arbitraria e abuso. In un certo senso, sono le stesse strutture scolastiche a promuovere l’obbedienza senza discussione alle “buone regole del passato”, spesso oggi contrarie alle finalità educative e agli stessi regolamenti che dovrebbero tutelare sviluppo e autonomia degli studenti.

Una condizione non rara, dato che quattro anni fa un’indagine del Dipartimento per la salute mentale aveva dato come risultato che il Paese del sorriso ospitava ben 600mila studenti vittime di fenomeni riferibili al bullismo, il secondo numero più alto al mondo. A confermarlo poi era stata un’indagine statistica raccolta ed elaborata due anni fa dal Network of Legal Advocates for Children and Youth. Diffusi durante un simposio organizzato dalla Fondazione thailandese per la promozione della salute, i dati avevano segnalato con chiarezza la penetrazione del bullismo nelle aule, dato che il 92% degli studenti thailandesi interpellati avrebbe subito una qualche forma di bullismo dai coetanei e il 30% attraverso i social network. Pesanti le conseguenze: il 28% delle vittime dichiarava di sentirsi più introverso o depresso, il 26% di manifestare vari livelli di stress, il 18% lamentava scarsa concentrazione, il 16% avrebbe preferito non frequentare le lezioni.

Il coordinatore dell’indagine, Athiwat Niammeesee, aveva sollecitato il ministero dell’Istruzione ad affrontare il problema con serietà e a promuovere una cultura della sicurezza sia a scuola, sia in famiglia.

Diversi studi hanno indicato nella cultura patriarcale la base del bullismo che non di rado si manifesta tra gli adolescenti maschi con scontri fisici tra singoli o bande. Tra le femmine il fenomeno, sebbene più diffuso, viene spesso vissuto nella sopportazione e nel silenzio, in accordo con la visione tradizionale. Fino a quando la pressione o il senso di colpa diventano insostenibili. Non a caso, se in Thailandia sono soprattutto gli uomini a portare a termine il suicidio, le donne sono la maggioranza di coloro che lo tentano.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/01/2023
0602/2023
Ss. Paolo Miki e compagni

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

Media

“Il cuore nel cuore” di Francesco Giannelli Savastano

Questo libro “Il cuore nel cuore” è un diario personalissimo e corale allo stesso tempo. Francesco racconta la sua avventura, racconta i suoi drammi nel viverla, e il dolore che prova ogni volta che incontra una nuova famiglia con il suo carico di sofferenze.

Leggi tutto

Chiesa

Spunti sulla preghiera

Riflessioni sulla preghiera

Leggi tutto

Politica

Castelguidone - Un solo candidato sindaco, zero voti

Le elezioni del piccolo comune di Castelguidone, in provincia di Chieti, non hanno prodotto un nuovo sindaco. Non solo c’era un unico candidato alla carica di primo cittadino, ma dei 278 aventi diritto soltanto uno ha ritirato la scheda per le amministrative

Leggi tutto

Storie

Kenya, Etiopia e Somalia allarme cibo

Aumento del prezzo dei prodotti alimentari, siccità, conflitti armati e conseguenze della pandemia di Covid-19 stanno trascinando alcuni Paesi più poveri dell’Africa orientale nella carestia.

Leggi tutto

Storie

A Santiago de Compostela record di pellegrini

Estate dei record nel capoluogo della Galizia

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano