{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Trump: “mettere fine a questa guerra folle è facile”

Politica

di

Trump: “mettere fine a questa guerra folle è facile”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Donald Trump entra a gamba tesa sulla guerra in Ucraina criticando la decisione di Joe Biden di inviare i carri armati alle forze di Kiev. «Prima arrivano i tank, poi le testate nucleari», tuona in un post sul suo social media Truth. «Bisogna mettere fine a questa guerra folle adesso. È così facile», aggiunge.

La decisione americana di inviare tank all’Ucraina è seguita a settimane di tensione dietro le quinte fra gli alleati dell’Ucraina, risolte poi da Joe Biden che ha optato per l’invio degli Abrams M1 per mostrare un fronte unito della coalizione. Lo riportano i media americani ricostruendo le intese trattative dietro le quinte per sbloccare i tank. Biden alla fine ha ceduto, seppure con riluttanza, al dare il suo via libera, che ha sbloccato l’invio dei Leopard da parte della Germania e di altri Paesi.

Meta reintegra Donald Trump. Dopo due anni di sospensione gli account Facebook e Instagram dell’ex presidente torneranno operativi fra qualche settimana. «In via generale non vogliamo intralciare il dibattito sulle nostre piattaforme, soprattutto in un contesto di elezioni democratiche. Il pubblico deve essere in grado di ascoltare quello che i politici hanno da dire - il bello, il brutto e il cattivo - in modo da poter effettuare scelte informate ai seggi», afferma Nick Clegg, il presidente dei global affairs di Meta, ricordando come la «sospensione» di Trump nel gennaio del 2021, dopo l’assalto al Congresso, è «stata una decisione straordinaria presa in circostanze straordinarie». La sua riammissione «non vuol dire che non vi sono limiti a quello che si può dire sulla nostra piattaforma. Quando c’è un rischio chiaro di danni al mondo reale allora agiamo», aggiunge Clegg Il divieto «è una cosa che non sarebbe mai dovuta accadere a un presidente in carica», tuona Trump su Truth dopo l’annuncio di Facebook che, aggiunge, ha «perso miliardi di dollari di valore da quando il vostro presidente preferito, io, è stato defenestrato». Gli account del tycoon saranno ripristinati nelle prossime settimane e Trump, «alla luce delle sue violazioni, si trova a dover fare i conti con sanzioni maggiori» in caso di offese ripetute. Se dovesse postare ulteriori contenuti in violazione alle regole vigenti, questi «saranno rimossi e lui sarà sospeso per un periodo fra il mese e i due anni, a seconda della gravità della violazione», mette in evidenza Clegg. Meta aveva sospeso Trump il 7 gennaio 2021 spiegando che i suoi post incitavano alla violenza. E la sua decisione era stata seguita anche da altri social, quali YouTube e Twitter. La sospensione dell’ex presidente venne aspramente criticata, con Facebook accusata di censurare Trump. Non è chiaro ora se, con la rimozione della sospensione, l’ex presidente tornerà sulle piattaforme Meta. Su Twitter che lo ha reintegrato non è tornato, preferendo restare sulla sua Truth. Ma l’avvicinarsi delle elezioni del 2024, per le quali si è candidato, potrebbe tentarlo e farlo tornare sui social maggiori con i quali avrebbe una maggiore visibilità.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/01/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Residenza permanente USA per Charlie Gard

L’azione politica degli USA, cioè la concessione della residenza permanente, potrebbe rappresentare l’ultima spinta per convincere i soggetti coinvolti dell’opportunità di una soluzione del contenzioso a favore della famiglia Gard, ma potrebbe anche essere accolta dagli inglesi come un’indebita ingerenza nei propri affari interni, esacerbando ancora di più gli avvocati e il giudice Francis, inducendoli a non cedere alle nuove evidenze per il solo motivo di mostrare al mondo la superiorità del loro sistema legislativo. Francis ha già dichiarato alla seduta della settimana scorsa che è suo preciso dovere perseguire il bene del bambino e applicare la legge indipendentemente dalle ingerenze politiche e mediatiche.

Leggi tutto

Storie

Yemen: il dramma dei bambini

Il conflitto nello Yemen ha appena raggiunto un altro spaventoso risultato: 10.000 bambini sono stati uccisi o mutilati dall’inizio dei combattimenti nel marzo 2015, vale a dire quattro bambini ogni giorno

Leggi tutto

Società

L’Ema autorizza Novavax

Via libera degli esperti in Europa al vaccino prodotto dalla casa farmaceutica statunitense Novavax. E ‘l’unico vaccino degno di tale appellativo perché il primo
(e l’unico) tra quelli autorizzati a rispondere a requisiti di tipo tradizionale

Leggi tutto

Politica

Arizona: aborto vietato dopo 15 settimane

Usa, il Senato dell’Arizona approva la legge che vieta l’aborto dopo 15 settimane di gravidanza: vale anche in caso di stupro o incesto

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: accompagniamo il popolo ucraino che soffre

All’udienza generale, nel giorno in cui comincia il cammino quaresimale, si eleva la supplica per l’Ucraina: chiediamo intensamente al Signore il dono della pace.

Leggi tutto

Storie

Ciclisti trans nelle gare femminili dei Commonwealth Games

Un portavoce ha affermato che il nuovo regolamento “sarà in linea con i principi stabiliti nel quadro del CIO sull’equità, l’inclusione e la non discriminazione sulla base dell’identità di genere e dell’orientamento sessuale”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano