Storie

di Nathan Algren

Gerusalemme: leader cristiani contro le violenze

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un invito alla “moderazione” per scongiurare “un ciclo di violenza” sempre più “crescente e insensato”, che rischia di provocare nel futuro prossimo “solo dolore e sofferenza”. È l’appello lanciato ieri dai Patriarchi e capi delle Chiese di Gerusalemme, davanti all’escalation fra israeliani e palestinesi che dall’inizio dell’anno ha già causato decine di vittime e rischia di precipitare, secondo alcuni esperti, in una terza intifada. “Un tale stato di cose - osservano con preoccupazione i leader cristiani - poterà quasi certamente atti efferati, allontanandoci tanto dalla pace e stabilità che tutti noi cerchiamo”.

Nel messaggio, le autorità cristiane parlano di “deplorevole situazione” in un quadro di “proliferazione della violenza” che ha portato alla morte “ingiustificata” in meno di un mese di 32 palestinesi e sette israeliani, destinata ad “auto-perpetuarsi”. Questi ultimi sono vittime dell’attacco alla sinagoga del 27 gennaio, in risposta al raid dell’esercito in un campo profughi a Jenin - l’obiettivo dei militari era una cellula della Jihad islamica - che aveva provocato nove morti e innescato una guerriglia e proteste in tutta la Cisgiordania. Per scongiurare una intensificazione, essi invocano un “intervento deciso da parte dei leader comunitari e politici di tutte le parti”.

Per i leader cristiani serve un “processo politico” basato sui “principi di giustizia” che porti a una “pace duratura”, cui si deve unire il rispetto della “fede religiosa” dell’altro, partendo dai luoghi di culto. Il riferimento è ai numerosi episodi di intolleranza delle ultime settimane, dalla “camminata” del ministro ultra-ortodosso Ben-Gvir alla Spianata delle moschee a Gerusalemme, agli attacchi e alle provocazioni subite dai cristiani stessi. Dalla profanazione del cimitero cristiano sul Monte Sion a inizio anno, fino all’assalto la scorsa settimana di un gruppo di coloni nel quartiere cristiano a Gerusalemme, che ha coinvolto residenti e visitatori stranieri. Una provocazione, denunciava nei giorni scorsi la Conferenza dei vescovi cattolici, conclusa solo con l’intervento della polizia che ha allontanano gli aggressori ma che richiede una risposta decisa e sanzioni deterrenti per evitare che si ripetano nel rispetto della sacralità della città santa.

“Tutti dobbiamo lavorare insieme - esortano i Patriarchi e capi delle Chiese di Gerusalemme - per disinnescare le attuali tensioni e avviare un processo politico basato su principi di giustizia consolidati, che porti a una pace duratura e alla prosperità per tutti”. Pregando per le vittime e i feriti, conclude il messaggio, i leader cristiani invocano “saggezza e prudenza” ai leader politici e alle persone “influenti” per aiutarci a “superare la violenza” e “lavorare instancabilmente per raggiungere una soluzione giusta e pacifica per la nostra amata Terra Santa”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

30/01/2023
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Il Monte degli Ulivi non verrà modificato senza consultare le Chiese

Il progetto israeliano di includere l’area del Monte degli Ulivi nel Parco naturale nazionale delle mura di Gerusalemme “non sarà portato avanti senza il coinvolgimento di tutte le parti interessate, incluse, naturalmente, le Chiese della zona

Leggi tutto

Storie

Iraq - Card. Sako: elezioni anticipate unica via per la pace

Il porporato, a Roma per l’incontro dei cardinali col papa, ha seguito con “profonda preoccupazione” le violenze degli ultimi giorni

Leggi tutto

Storie

/INDIA - Non si ferma la violenza interetnica in Manipur

Il bilancio delle vittime delle violenze in corso nello Stato indiano di Manipur (in India nordoccidentale) tra le comunità etniche Kuki e Meitei è salito a 98 persone uccise, come ha comunicato l’ufficio del Primo Ministro del Manipur

Leggi tutto

Società

Ecuador: vescovi preoccupati per l’aumento della violenza

I presuli: “inaccettabile che i diversi attori sociali e politici ipotechino il futuro del Paese per perseguire i propri interessi”.

Leggi tutto

Storie

Yangon, guerra civile: 100 edifici religiosi distrutti

A essere colpiti chiese e monasteri buddisti. L’esercito non riesce a prevalere negli Stati Chin e Kayah a causa della resistenza della popolazione. Nei giorni scorsi bombardati anche obiettivi civili nel Kayin

Leggi tutto

Storie

Congo: rivendicazione dell’Isis

I miliziani dell’Iscap, branca dell’Isis attiva in Africa centrale, firmano l’attentato compiuto in una chiesa pentecostale a Kasindi, nel nord est. I terroristi hanno piazzato e fatto esplodere un ordigno, provocando 17 morti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano