Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Il Papa agli studenti degli atenei congolesi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un incontro previsto ma non per questo meno emozionante per ragazze e ragazzi che, al crocevia dell’esistenza in cui sono, possono dire a se stessi: voglio “giocarmi la vita per amore”, perché “quando l’amore è al centro, tutte le decisioni sono feconde”. Francesco lo ha detto come invito e come sfida da intraprendere ai 38 universitari di atenei cattolici congolesi con cui si è fermato in nunziatura a Kinshasa, non appena rientrato verso le 11 dal grande incontro con i giovani allo Stadio dei Martiri.

Dopo essersi intrattenuto con il premier della Repubblica Democratica del Congo Jean-Michel Sama Lukonde e i suoi familiari, il Papa - ha informato la Sala Stampa vaticana - ha accolto la quarantina di universitari di varie parti del Paese accompagnati dal padre gesuita Toussaint Kafarhire Murhula. I giovani, ricorda la nota vaticana, “erano una rappresentanza di coloro che avevano potuto conversare con il Papa il primo novembre scorso in occasione dell’incontro sinodale “Building Bridges Across Africa”, svoltosi online e promosso assieme alla Pontificia Commissione per l’America Latina, con il contributo tra gli altri del segretario della Commssione, la professoressa e teologa argentina Emilce Cuda. A impreziosire e rendere più intenso lo scambio, il canto eseguito dai giovani, composto dal provinciale dei gesuiti, anche lui presente all’incontro, utilizzando le parole pronunciate da Francesco il 23 novembre 2017 in San Pietro durante la preghiera per la pace nella Repubblica Democratica del Congo e in Sud Sudan.

Oltre all’invito a giocarsi “la vita per l’amore”, altro tema di conversazione è stato quello messo dal Papa alla base delle sue affermazioni in questa prima tappa del viaggio apostolico, in particolare ieri pomeriggio, ovvero la violenza nell’est del Paese che proprio ieri, sempre in nunziatura a Kinshasa, ha visto i sopravvissuti condividere col Papa, in una narrazione terribile e commovente, orrori e brutalità seriali assieme a un desiderio ardente di rivedere la propria terra rinascere riconciliata.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

02/02/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Società

Senza bambini non si cresce

Il vescovo Negri dice che sei milioni di aborti hanno contribuito alla crisi del Paese e ha ragione

Leggi tutto

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Chiesa

Beatificazione di padre Tiburcio Arnaiz Munoz

Tiburcio Arnaiz Muñoz nacque a Valladolid, in Spagna, l’11 agosto 1865. I suoi genitori, Ezequiel e Romualda, di professione tessitori, lo portarono al fonte battesimale della parrocchia di Sant’Andrea due giorni dopo la nascita, nel giorno in cui si ricorda appunto san Tiburzio. Ad appena cinque anni, rimase orfano di padre. Sua madre, allora, cercò in ogni modo di mantenere sia lui che l’altra figlia, Gregoria, che aveva sette anni in più. Anni dopo, lui raccontò che da piccolo, una notte, ebbe un incubo: sognò di cadere all’inferno. Impaurito, chiamò sua madre, ma lei non lo sentì. Sempre più terrorizzato, invocò la Madonna Addolorata, che gli apparve dicendo: «Non cadi all’inferno né mai vi cadrai» e lo coprì col suo manto.

Leggi tutto

Società

Italia che strano Paese

Che strano Paese che siamo. L’Italia meravigliosa e gloriosa di una storia che affonda le sue radici in migliaia di anni fa, che inventato il diritto e le forme più belle dell’arte, che racchiude come in uno scrigno tesori anche naturali senza pari, oggi proprio da un virus scatenatosi in natura viene deturpata. Paghiamo anche l’incompetenza degli uomini che ci governano, i loro ritardi, le loro vanità, i loro pasticci. Non siamo per niente un modello, siamo il Paese con più morti al mondo a causa loro, sarebbe davvero il tempo che Conte la smettesse di rendersi ridicolo autoelogiandosi in ogni conferenza stampa.

Leggi tutto

Chiesa

Al via a Budapest il Congresso Eucaristico Internazionale

Con la Messa del cardinale Angelo Bagnasco, presidente del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, si è aperto il congresso eucaristico internazionale, l’evento che chiama tutta la Chiesa a riflettere sul tema: “Sono in Te tutte le mie sorgenti”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano