Storie

di Giuseppe Udinov

Cognome usato come insulto.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Può un video promozionale girato per una buona causa che ha per protagonista una fava “umanizzata” alla guida di un automobile essere causa di polemica, al punto da indurre una residente ad attaccare il Comune dopo essersi offesa? In diciannove regioni su venti, probabilmente no. Se però lo spot in questione è stato realizzato e distribuito in Toscana, dove il termine è usato in più accezioni (e non tutte positive, anzi) può succedere eccome. Ed è quel che è successo a Grosseto, dove una cittadina che vive in provincia, tale Angela Fava, non ha affatto gradito l’iniziativa del Comune e dopo averlo fatto presente pubblicamente, non è escluso che possa adire le vie legali. Andiamo per ordine: tutto è iniziato nei giorni scorsi, quando il capoluogo della Maremma ha lanciato il progetto “Torna al tuo posto”, la campagna di comunicazione per sensibilizzare i cittadini al rispetto dei parcheggi gialli e rosa destinati alle categorie protette promossa dal Comune e realizzata dall’agenzia studio Kalimero Comunicazione & Marketing. Protagonista dello spot è un baccello “umanizzato” che posteggia la propria auto in uno stallo destinato ai disabili, per indurre lo spettatore a stigmatizzare tale comportamento. E lo slogan coniato dall’agenzia è particolare: “Non fare la fava!”. Si tratta di un gioco di parole: nel vernacolo toscano, la parola “fava” non indica solo il noto legume, ma viene utilizzata anche per indicare l’apparato genitale maschile e (come in questo caso) come sinonimo di “stupido” o “idiota”.

“L’idea di attivare questa iniziativa nasce dall’esigenza di riflettere su un tema molto delicato, su cui proprio in queste settimane si è tornati a dibattere: la tutela e la protezione di chi si vede privato di un diritto da parte di qualcuno che, incivilmente crede di poterne disporre - ha spiegato il sindaco di centrodestra Antonfrancesco Vivarelli Colonna - un motto accattivante e simpatico che attirerà sicuramente l’attenzione. E, ed è quello che speriamo, innescherà una vera riflessione e presa di coscienza”. Il calcolo del primo cittadino si è rivelato esatto: la campagna sta facendo parlare molto a livello provinciale e regionale e va detto che numerosi utenti del web l’hanno accolta con favore e con un sorriso. Tanti, ma non tutti a quanto pare: fra chi non ha apprezzato c’è proprio la signora Angela Fava, che ha manifestato tutto il proprio disappunto in una lettera aperta inviata al quotidiano online MaremmaOggi. Una lunga lettera nella quale la sessantenne bolognese ha ricordato gli episodi di bullismo che subì da bambina quando si trasferì in Toscana, proprio a causa del suo cognome. E non ha risparmiato un duro attacco ai promotori della campagna. “Mi chiamo Angela Fava e sono nata a Bologna dove, come nel resto d’Italia, il mio cognome significa solo ed esclusivamente ciò che riporta il vocabolario della lingua italiana: “erba annua della famiglia delle leguminose”. Poi mi sono trasferita in Toscana durante l’infanzia e da subito sono iniziati i vari sfottò, dato che solo in questa regione il termine assume più che altro l’appellativo di organo genitale maschile o di persona che tende a fare sciocchezze - si legge - a volte, quando nell’ufficio le impiegate devono chiamarmi lo fanno chiamandomi per nome, mai per cognome. Ma io sono orgogliosa di portarlo. A distanza di anni potrei affermare di esser stata bullizzata e vi assicuro che all’inizio non è stato facile. Per fortuna sia io che la mia famiglia abbiamo sempre deciso di lasciar perdere le persone che ne traevano piacere. Oggi però alla soglia dei sessant’anni apprendo con disappunto che una nota agenzia di pubblicità incaricata dal Comune di Grosseto per una campagna di sensibilizzazione tappezzerà la città con manifesti che usano tale cognome per far sentire le persone che parcheggiano in determinati stalli “delle fave”. Chi mi conosce sa bene che ora io sono la prima ad ironizzare, ma penso che potrebbero esserci ancora bambini o bambine con il mio cognome. Buongusto e rispetto, questi sconosciuti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

07/02/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Una repubblica fondata sulla canzonetta

Criticata e idolatrata, pare che di rado la canzone di Mahmood sia statacompresa: perfino mentre veniva presentata si aveva l’impressione che cantasse di un generico amore travagliato. L’ombra della politica tuttavia si stende sempre sull’Ariston, contribuendo a rendere meno sereno e disteso ciò che potrebbe e dovrebbe essere una grande liturgia nazionale italiana.

Leggi tutto

Media

Netflix Italia celebra l’utero in affitto

La pellicola, di Marco Puccioni e Luca De Bei, ha come protagonisti una coppia di uomini che hanno avuto un bambino grazie al ricorso all’utero in affitto e, come viene dichiaratamente espresso anche nello stesso trailer, il film fa passare un messaggio “positivo” nel far uso di questa abominevole pratica.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano - Nominato il nuovo Superiore generale dei Camilliani

“Sono cosciente delle difficoltà e delle sfide che abbiamo ma sono anche cosciente delle nostre opportunità”. Si è rivolto con queste parole alla Consulta dei Ministri degli Infermi, MI, riuniti in occasione del LIX Capitolo generale padre Pedro Tramontin, eletto 61° Superiore generale dell’Ordine.

Leggi tutto

Storie

Il buddhismo e la crisi in Thailandia

Le trasformazioni del Paese ma anche i comportamenti opinabili di diversi esponenti religiosi ha ridotto sensibilmente il numero dei giovani che entrano in monastero entro i 20 anni

Leggi tutto

Storie

Figli di vip e gender

Il figlio di Musk cambia genere e nome

Leggi tutto

Storie

19 Luglio 1992: Grazie a Paolo Borsellino

Ci sono giornate che non si possono dimenticare, vi sono personaggi che magari non hai mai avuto la fortuna di incontrare ma che ti restano in fondo al cuore. Te ne raccontano i nonni, i genitori e tu racconterai di personaggi come loro ai tuoi figli e magari anche ai tuoi nipoti. Uno di quei giorni è il 19 Luglio, uno di quei pochi personaggi che non bisogna mai dimenticare si chiamava (anzi si chiama), Paolo, Paolo Borsellino.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano