Storie

di Nathan Algren

Il monaco Jacques Mourad: il terremoto, “misura colma” del dolore”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Mancava solo questo terremoto per riempire fino all’orlo il calice della sofferenza. E adesso, proprio in questa situazione, passa ancora la speranza, la carità, la solidarietà tra tutti, grazie a Dio. Oggi passa lungo queste rovine il mistero della nostra fede». Padre Jacques Mourad, il monaco siriano del monastero di Deir Mar Musa, ai primi di marzo sarà ordinato Arcivescovo di Homs dei siro cattolici. Ma ieri, martedì 7 febbraio, era tra le vie devastate di Aleppo. La sua testimonianza racconta le nuove ferite aperte dal sisma nella città martire, che è anche la sua città natale. E nel contempo, senza aggiungere parole inutili, racconta anche la sua fede.

Durante gli anni di guerra, padre Jacques, membro della comunità monastica fondata dal gesuita romano Paolo Dall’Oglio, ha vissuto una vicenda senza uguali. Nel 2015 è stato sequestrato e tenuto per lunghi mesi in ostaggio da miliziani jihadisti del sedicente Stato Islamico (Daesh), che hanno devastato e profanato il monastero di Mar Elian a Quaryatayn, di cui era Priore. Dopo la sua liberazione ha vissuto per lungo tempo a Sulaymanyia, nel Kurdistan iracheno, presso la locale casa della sua comunità monastica. In quel tempo, ha assistito spiritualmente e materialmente tanti profughi cristiani iracheni fuggiti da Qaraqosh e da altre città della Piana di Ninive davanti all’avanzare dei jihadisti di Daesh. Ora, quando chiama in causa i dolori della guerra per dare la misura delle sofferenze provocate dal sisma, padre Jacques non usa parole a caso. Sa di cosa parla. E la sua saggezza spirituale di monaco siriano dona spunti preziosi anche per guardare con sguardo di fede alla nuove tragedie che mordono le vite di moltitudini di persone tra Siria e Turchia. «Cerco di essere vicino, c’è tanto dolore e paura nel cuore di tutti. Quello che ha fatto questo terremoto è incredibile. La paura della gente è più forte di quando c’era la guerra». Nei volti di tante persone padre Jacques vede espressioni di resa e depressione totale. E poi, in una inermità che non trova in se stessa nessuna forza di reazione, torna a brillare il coraggio, il soccorso gratuito verso chi è più ferito. «Le scosse, ieri, si sentivano ancora. Fa freddo, c’è umidità, in tanti sono già ammalati, in tanti si ammaleranno Ma le persone vivono e si aiutano nelle chiese, nelle moschee, sulla strada, nelle automobili».

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/02/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Il tour di Gianna fa scuola in Italia

Mentre le polemiche sull’obiezione di coscienza dei medici antiabortisti infiammano il Paese (in fondo sono buone per ogni stagione), Gianna Jessen, nota a moltissimi per la sua storia narrata in
“October Baby”, gira lo stivale. Libero dà voce all’“unico medico abortista” del Molise come a un eroe, mentre il Paese reale corre ad ascoltare la testimonianza della Jessen: il futuro passa da lì, lo sa bene

Leggi tutto

Società

La morte vince sulla giustizia?

Il processo a Marco Cappato si sta rivelando per la passerella di radicali che a suo tempo annunciammo. Fummo facili profeti: ieri il PM Tiziana Siciliano ha chiesto l’assoluzione per Marco Cappato, addirittura arrivando a dire che «oggi lo Stato è Marco Cappato», e torcendo nella sua arringa le parole di Primo Levi e di Thomas More. L’alternativa è rivedere direttamente l’art. 580.

Leggi tutto

Politica

La scelta di essere mamma

Gregory Pincus (pillola) era un uomo, Robert Edwards (PMA), Patrick Steptoe (PMA), Julius From (preservativo), tutti uomini. Quindi, tornando al convegno sulla fertilità, non trovo granché strano che siano uomini, i medici che sono stati invitati. E non mi si dica che di donne scienziate non ne esistono poiché obbligate al focolare, perché  Marie Curie e Irène Joliot-Curie, Rita Levi Montalcini, Rosalind Franklin, Dorothy Crawfoot Hodgkin, Francoise Barré-Sinoussi, sono tutte donne (alcune anche madri). Le donne, all’interno del mondo della fertilità, esistono, ma alcune si distinguono non certo per grande spirito femminile, o meglio, fanno parte di tutte quelle donne che credono di sostenere le donne attraverso la promozione dell’aborto volontario (che, per inciso, uccide anche le donne nel grembo materno, quindi
non è certo campanilismo femminista): parliamo di Faye Alyce Wattleton o Margaret Louise Higgins Sanger, ‘mamme’ di Plannet Parenthood, ente non proprio sano e a favore della salute pubblica. Per contro noi possediamo Flora Gualdani e Paola Bonzi (e tantissime altre volontarie e ostetriche che si muovono nel silenzio e nel nascondimento), che difendono la vita del bambino sapendo che la donna che riesce a non abortire, poi ringrazierà dell’essere divenuta madre.

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Politica

La discriminazione del ddl Zan è realtà

L’ira di cattolici e associazioni Pro vita: “La scure della censura sui nostri valori”. A pochi giorni dal voto al Senato che ha affossato il ddl Zan, passa in Aula al Senato una norma che contiene l’espressione «identità di genere».

Leggi tutto

Storie

I test prenatali falsi che convincono ad abortire

Il test per la delezione 1p36, comune in una nascita su 5.000, è sbagliato all’84 per cento, mentre il test molto più raro della sindrome Cri-du-chat è sbagliato all’80 per cento delle volte. I test della sindrome di Wolf-Hirschhorn, invece, sono sbagliati l’86% delle volte per un disturbo che colpisce 1 nascita su 20.000 e i test della sindrome di Prader-Willi e Angelman sono sbagliati il 93% delle volte.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano