Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa: basta con l’odio!

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

”È tempo di compassione, è tempo di solidarietà. Basta con l’odio, basta con le guerre e le divisioni che portano all’autodistruzione. Nel dolore uniamoci, aiutiamo chi soffre in #Turchia e #Siria, costruiamo la pace e la fraternità nel mondo”.

Nuovo appello da parte di Papa Francesco alla comunità internazionale, dopo la tragedia che ha colpito le popolazioni dei due Paesi, devastati dal violento terremoto di lunedì. Ancora una volta il Pontefice si affida al suo account Twitter @Pontifex, in nove lingue, per diffondere un messaggio di incoraggiamento alla pace, a partire dal dramma, e di vicinanza a tutta la gente colpita. Già ieri, al termine dell’udienza generale, Francesco aveva detto: “Incoraggiato tutti alla solidarietà per questi territori, in parte già martoriati da una lunga guerra”.
Intanto sul terreno, il bilancio delle vittime - ancora provvisorio - sale di ora in ora e ha superato i 21mila morti. Dati certi arrivano solo da Ankara. I soccorritori lavorano giorno e notte per cercare segni di vita tra le macerie di migliaia di edifici abbattuti, ma c’è chi teme che il numero dei morti sia ben oltre superiore alle stime attuali. La macchina dei soccorsi turca si è mossa immediatamente, più di 9 mila persone sono state estratte vive. Più incerta la situazione della Siria. Molte delle case crollate nel nord del Paese sono fuori dal controllo dell’esercito di Assad e i dati forniti dal governo non contemplano diverse aree settentrionali.

Intanto l’Ue si è detta “pronta ad aumentare ulteriormente” il sostegno alle zone terremotate della Turchia meridionale “in stretto coordinamento con le autorità turche”. “I nostri pensieri continuano ad essere con voi e con il vostro popolo”, hanno scritto i capi di Stato e di governo dell’Ue, in una lettera al presidente turco Recep Tayyip Erdogan. E vista gravità della situazione, la presidenza della CEI ha deciso di indire una colletta nazionale, da tenersi in tutte le chiese italiane domenica 26 marzo 2023

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

10/02/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Chiesa

Tre giorni di Fede e sport in Vaticano

Si è aperta ieri la conferenza globale su fede e sport che vedrà, in Vaticano, per tre giorni (dal 5 al 7 Ottobre) riunirsi atleti e rappresentati di fede per parlare e testimoniare i principi su cui dovrebbe basarsi lo sport e su cui, in un modo profondo, può innestarsi l’esperienza di fede di ogni singolo sportivo, qualsiasi essa sia.

Leggi tutto

Chiesa

L’ordinario militare ci parla di Fatima

Monsignor da Silva Rodrigues Linda, prelato personale dell’ordinariato militare lusitano, oltre che presidente della commissione ecumenica della Conferenza episcopale del Portogallo, che è stato domenica in visita a Roma, ha rilasciato una intervista esclusiva per “La Croce”, in occasione delle celebrazioni del centenario della Regina del Santo Rosario

Leggi tutto

Società

Yann Moix: “non potrei mai amare una cinquantenne”

Yann Moix: “Potrebbe mai amare una donna di 50 anni?“, “Ah no, non esageriamo, è impossibile“. “Ma si rende conto che è orribile?”, domanda allora la giornalista. E lui risponde: “Dico la verità, a 50 anni non potrei mai amare una donna di 50”. “Ma perché?”, continua l’intervistatrice. “Le trovo troppo vecchie, forse quando avrò 60 anni ne sarò capace, allora una donna di 50 mi sembrerà giovane”. A dire queste frasi in un’intervista a Marie Claire è lo scrittore francese Yann Moix, che di anni ne ha proprio 50 e non è certo Brad Pitt. Non contento, poi ha rincarato la dose:  “Le 50enni per me sono invisibili, preferisco i corpi della donne giovani, tutto qua. Punto. Il corpo di una donna di 25 anni è straordinario, quello di una donna di 50 anni non lo è affatto”.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: “Il cuore guarisce ascoltando”

All’appuntamento con l’Angelus della prima domenica di settembre il Papa si sofferma sulla guarigione del sordomuto narrata nel Vangelo di Marco. Al termine della preghiera mariana ricorda il popolo afgano, le popolazioni Usa colpite dall’Uragano e il viaggio in Ungheria e Slovacchia ormai in arrivo.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aborto e eutanasia e l’abitudine a uccidere

Il Papa: l’aborto è omicidio, la Chiesa sia vicina e compassionevole non politica A questo grido, il Papa aggiunge quello delle tante “vittime della cultura dello scarto”: “C’è lo scarto dei bambini che non vogliamo ricevere, con quella legge dell’aborto che li manda al mittente e li uccide direttamente. E oggi questo è diventato un modo ‘normale’, una abitudine che è bruttissima, è proprio un omicidio”,

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano