Chiesa

di Nathan Algren

Libano: aperta l’Assemblea sinodale delle Chiese cattoliche del Medio Oriente

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo una preghiera per le vittime del terremoto che ha colpito la Siria e la Turchia, padre Khalid Alwan, segretario generale del Consiglio dei Patriarchi cattolici d’Oriente e coordinatore generale dell’Assemblea sinodale ha aperto in Libano, nell’hotel Bethania-Harissa, i lavori dell’Assemblea continentale per il Medio Oriente, ricordando quella che ha definito la road map sinodale: la lettera del 1992 con cui i Patriarchi Cattolici d’Oriente parlavano della presenza cristiana in Oriente, come testimonianza e messaggio, incarnati nel patrimonio arabo, al servizio dell’uomo senza distinzioni o discriminazioni.

Una presenza, quella cristiana, basata sullo spirito ecumenico e di dialogo interreligioso per una comune cooperazione. In questi giorni si riuniscono sette Chiese cattoliche: copti, siriaci, maroniti, melchiti, caldei, armeni e latini, giunti da Terra Santa, Giordania, Libano, Siria, Egitto, Iraq e Armenia, per ascoltare “ciò che lo Spirito dice alle Chiese” e per pregare e riflettere insieme sulle preoccupazioni comuni e condividere le aspirazioni future con una speranza che non delude. “Molte cose ci uniscono, siamo uniti dalle condizioni dei nostri Paesi, dove a tutti noi spesso mancano la libertà di credo, la libertà di espressione, la libertà per le donne e per i bambini. Cerchiamo tutti - è stato detto - secondo le nostre energie, di combattere la corruzione nella politica e nell’economia. Cerchiamo tutti di praticare la trasparenza nelle nostre istituzioni religiose e sociali, e desideriamo praticare una cittadinanza responsabile e combattere la povertà e l’ignoranza. Tutti soffriamo per l’emigrazione dei nostri figli, i cui orizzonti di una vita dignitosa si sono ristretti, diminuendo così la nostra esistenza. Tuttavia, noi, figli della Chiesa, non solo siamo uniti dalle preoccupazioni e dalle difficoltà della vita, ma siamo anche uniti da un solo battesimo, una sola fede, un solo amore e una sola speranza”.

Padre Alwan ha sottolineato la diversità delle espressioni liturgiche delle Chiese d’Oriente ma anche l’originalità della loro spiritualità e degli orizzonti teologici, la forza della loro testimonianza nel corso dei secoli, e spesso fino al martirio. Ha parlato della diversità nella Chiesa come di un elemento che da sempre è fonte di arricchimento a livello universale. “Sfortunatamente - ha spiegato - si è trasformata in divisione a causa dei peccati degli uomini e della loro distanza dallo Spirito di Cristo. Tuttavia, ciò che ci unisce è più importante di ciò che ci separa, e non ci impedisce di incontrarci e collaborare. Una è la chiamata, una è la testimonianza, uno è il destino”. Pertanto - ha proseguito padre Khalid - siamo chiamati a lavorare insieme, in vari modi e mezzi, per consolidare le radici dei credenti a noi affidati, in spirito di fratellanza e di amore, in diversi campi a cui ci spinge il bene comune di tutti i cristiani”. In Oriente, o siamo cristiani insieme o non lo siamo, ha scandito precisando che, se i rapporti tra le Chiese d’Oriente non sono stati sempre buoni per tanti motivi, interni ed esterni, allora è giunto il momento di “purificare la memoria cristiana dai depositi negativi del passato”.

Il cardinale Jean-Claude Hollerich, coordinatore della XVI Assemblea Generale del Sinodo dei Vescovi, si è detto onorato di essere presente in Medio Oriente, dove “la sinodalità ha una lunga tradizione”. È mio desiderio sperimentarla e impararla da voi, ha aggiunto, sottolineando anche come ‘camminare insieme’ sia un concetto facile da esprimere a parole, ma non facile da mettere in pratica. Il cardinale Mario Grech, Segretario Generale del Sinodo dei Vescovi, ha ripetuto, come aveva già fatto nell’Assemblea europea a Praga, che pratica del Sinodo non mette mai in competizione vescovi e popolo di Dio, ma li mantiene in un rapporto costante, consentendo ad entrambi di svolgere la propria funzione. “La Chiesa sinodale è una Chiesa di ascolto”, ha detto precisando che questo non può e non deve ridursi a una frase retorica. “Sono certo - ha affermato - che attraverso questo cammino sarà possibile fare progressi anche nel dialogo ecumenico”.
A intervenire è stato poi il cardinale Mar Bechara Boutros Al-Rahi che ha ricordato il testo guida finora dei lavori, il Documento della fase continentale, che è l’esito della prima fase consultiva a livello locale. Il Patriarca maronita ha proseguito indicando il duplice fondamentale tema del cammino sinodale: come si realizza oggi, a livello locale e globale, questo “camminare insieme” che permette alla Chiesa di annunciare il Vangelo secondo il messaggio che le è stato consegnato? E poi, quali ulteriori passi ci spinge a fare lo Spirito Santo per crescere come Chiesa sinodale? Non è pura materia accademica, ma si tratta di farsi ispirare dalla preghiera, e dall’ascolto reciproco, per definire le priorità che saranno studiate nella prossima assemblea generale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/02/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Una risposta a Melloni, inquisitore dei laicisti

In un disinvolto corsivo comparso ieri sulle colonne di Repubblica, lo storico bolognese del cristianesimo ha raccolto sotto i suoi consueti strali l’ormai crivellato padre Cavalcoli, Antonio Socci, Radio Maria e noi del Family Day. A questo punto è opportuno mettere in chiaro alcuni concetti

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Media

Il manuale d’imperfezione e resistenza firmato Costanza Miriano

Spiritualità nell’era del web, comunione dei santi all’età della connessione perpetua, digiuno e preghiera. I temi dell’ennesimo libro della giornalista perugina cadono sul mercato come una doccia nel deserto, raccogliendo i lettori in quella grande famiglia che l’autrice stessa chiama “compagnia dell’Agnello”

Leggi tutto

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

Chiesa

Ecce Quaresima

La parola “Quaresima” deriva dal termine anglosassone “Lencten”, che significa primavera. Nella maggior parte delle lingue romanze, slave e celtiche viene tuttavia usato un derivato della parola latina
“quadragesima”, che si riferisce al “40°” giorno prima della Pasqua.

Leggi tutto

Società

Nuove vie di rinascita personale e sociale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano