Società

di Giuseppe Bruno

Solo una questione di gusto

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Le polemiche, soprattutto politiche, montano, ma solo nel Centrodestra che però rappresenta la maggioranza che governa, mentre la Sinistra, col codazzo dei giornaloni compiacenti, come al solito più è imbarazzata (per l’ “improvvisato” tentativo di volgare propaganda politica a suo favore in fase di silenzio preelettorale) più alza la voce. In realtà uno spettacolo come quello di Sanremo dovrebbe soprattutto piacere, come un bel piatto cucinato da uno chef veramente esperto. Quello che invece manca sempre più al nostro festival nazionale (di quale nazione?) è proprio quello: il gusto. Infatti alla base di tutti i tentativi di sdoganare i “cavalli di battaglia” del “politicamente corretto” c’è un pesante cattivo gusto che rende il “piatto” sempre più indigesto, se non peggio. E così dovrebbe essere per chi è di Sinistra, di Destra o di Centro. Infatti di fronte ad un piatto cattivo non ci sono tendenze politiche che tengano si rigetta senza eccezioni di sorta. Tranne che a furia di vederli gustare dall’influencer di turno – o perché lo vuole l’Europa - non ci si abitui a mangiare persino gli insetti più ripugnanti (speriamo non sia una profezia!). Si vuol sdoganare la droga, l’aborto, l’eutanasia, il matrimonio gay, la famiglia arcobaleno, l’utero in affitto, la poligamia e tutti i temi del “politicamente corretto”? Tutto si può fare, ma cerchiamo almeno di salvare il gusto. Mettere tutto ciò insieme in un “piatto” come Sanremo, come è accaduto con record di cattivo gusto quest’anno, significa che lo “chef” ha perso il senso della misura, che ha sbagliato gli ingredienti e le dosi e soprattutto che ha omesso di assaggiare il risultato finale contando sul fatto che “Sanremo è Sanremo!” e tutto passa in cavalleria. Ma è proprio così? Lasciando stare il non rispetto della “par condicio” nell’imminenza delle elezioni che, se l’Italia è ancora un Paese democratico, dovrebbe avere serie conseguenze sui vertici della Rai (TV, ricordiamocelo, di stato finanziata coi nostri soldi) credo, comunque di no, credo e spero che non sarà così. Credo invece che chi ha avuto la sventura di vederselo tutto “Sanremo” fino alla fine, se non ha avuto una sorte peggiore, abbia fatto almeno nella notte gli incubi tipici dell’indigestione grave e dentro di se abbia detto “ma chi me l’ha fatto fare, in quel “ristorante” non torno più!”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/02/2023
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Diocleziano ed il martirio dei cristiani

Le maggiori persecuzioni contro i cristiani di cui si hanno chiari resocontia sono state quelle sotto Marco Aurelio, una seconda con Decio e Valeriano e di una terza, detta la “grande persecuzione”, con Diocleziano. Finirono con l’editto di Nicomedia del 311 emanato dall’imperatore Galerio, confermato dall’editto di Milano del 313 promulgato da Costantino I

Leggi tutto

Storie

Beirut, al via la causa di beatificazione del martire padre Nicolas Kluiters

Nato a Delft (Olanda) nel 1940, Kluiters era entrato nel 1966 nei gesuiti dopo studi di Belle arti. Tuttavia, egli ha preferito rinunciare ai suoi pennelli come san Pietro aveva rinunciato alle sue reti da pesca. Nei 10 anni successivi, dopo aver completato gli studi di teologia, egli è stato ordinato sacerdote. Ha quindi soggiornato in Libano, imparato l’arabo e ottenuto un diploma di assistente sociale dalla Usj. Poi nel 1976, in accordo con i suoi superiori, in particolare con il superiore generale dei gesuiti p. Peter-Hans Kolvenbach egli sbarca nel Paese dei cedri per iniziare la propria missione.

Leggi tutto

Storie

Roma concerto di Pasqua - Ucraini e russi insieme in musica contro la guerra

Eva Dorofeeva e Liudmilla Chepurnaia protagoniste del tradizionale evento del Festival di Pasqua quest’anno alla sua XXV edizione

Leggi tutto

Politica

Sinistra europea impedisce il dibattito sui cristiani perseguitati

La sinistra europea ha bocciato (244 a 231) la richiesta avanzata da un eurodeputato francese del gruppo Id, sostenuta da Ecr e Ppe, di inserire all’ordine del giorno della plenaria in corso a Bruxelles un dibattito sulla persecuzione dei cristiani nel mondo, a seguito del barbaro omicidio della studentessa nigeriana Deborah Samuel”

Leggi tutto

Storie

INDIA - Aumento della violenza contro chiese e cristiani

Un intervento giudiziario e politico urgente per controllare e fermare il rapido aumento di episodi di violenza, coercizione e falsi arresti, che traumatizzano la comunità cristiana in India.

Leggi tutto

Storie

USA - Campi estivi per bambini Lgbt

Questi campi – negli Stati Uniti - accolgono appositamente bambini e ragazzi “LGBT” e le loro famiglie per una o due settimane. Le fasce d’età normalmente sono dai 6 ai 18 anni (chiaramente un bambino a 6 anni, che ancora non sa distinguere la destra dalla sinistra, può dire di essere transgender o gay, giusto?) ed accolgono campeggiatori da tutti gli Usa ed oltre.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano