Storie

di Nathan Algren

Turchia - Le Pontificie Opere Missionarie, con il Papa, accanto alla gente

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Secondo le ultime stime sarebbero oltre 41mila le vittime del devastante sisma che ha colpito Turchia e Siria. Un bilancio destinato purtroppo ad aumentare, una immane ed immensa tragedia umana di fronte alla quale, sin dalle prime ore, da tutto il mondo sono partite innumerevoli iniziative di solidarietà.

Le Direzioni Nazionali delle Pontificie Opere Missionarie (POM), impegnate nell’ordinario a sostenere i territori di missione, di fronte ad una emergenza di queste proporzioni e raccogliendo gli appelli di Papa Francesco a sostenere le popolazioni colpite dal terremoto con la preghiera e con azioni concrete, hanno subito dato vita ad una raccolta fondi ad hoc.
Gli aiuti, che si stanno raccogliendo in queste ore man mano che le direzioni nazionali delle POM si stanno attivando, saranno gestiti, tramite l’Arcivescovo Emilio Nappa, Presidente delle POM, in diretto collegamento con le Direzioni Nazionali delle POM di Siria e Turchia, che conoscono le esigenze e le urgenze delle Chiese locali.
“Il mio messaggio è un invito alla preghiera e alla generosità non solo ora ma anche dopo – ha affermato padre Padre Adrian E. Loza, OFM, direttore POM Turchia in una nota diffusa dalla Direzione nazionale delle POM Australia. “Trascorsi i primi momenti” aggiunge padre Adrian “inizierà la seconda e la terza fase. Dal lutto alla ricostruzione. Dovremo ricostruire e riparare molti edifici e chiese al servizio della gente, oltre ad aiutare le persone ad andare avanti”.
Tra le prime direzioni nazionali delle Pontificie Opere Missionarie che hanno lanciato l’appello a favore delle popolazioni di Turchia e Siria, attraverso gli strumenti di comunicazioni e le reti sociali, vi sono quelle di Stati Uniti, Svizzera, Francia, Spagna, Malta e Australia.
“La situazione ad Aleppo oggi è catastrofica, siamo circondati da caos e desolazione”, spiega in un comunicato delle Pom spagnole monsignor Mounir Saccal, direttore nazionale delle POM in Siria, e anche Vicario generale della Chiesa siro-cattolica ad Aleppo. “Oggi – aggiunge monsignor Mounir “ seppelliamo i nostri morti, e capiamo l’entità di questo disastro, rendendoci conto che da soli non siamo in grado di far fronte alle necessità economiche per riparare i danni. Aiutateci perché i nostri fedeli che sono rimasti, continuino a rimanere qui, per custodire la “culla” del cristianesimo. E pregate, pregate affinché abbiamo la forza di dare conforto al nostro popolo, in modo che possa trovare fede e speranza in giorni migliori”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

14/02/2023
2902/2024
Sant'Augusto Chapdelaine martire

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Chiesa

Giornata in memoria dei missionari martiri

Una giornata dunque per chi offre il proprio aiuto gratuitamente agli altri ed in alcuni casi viene ripagato con disprezzo e violenza tanto da arrivare a mettere a repentaglio la propria vita.

Leggi tutto

Politica

ORA OCCORRE SOPRATTUTTO STARE UNITI

Il ddl Zan è esattamente questo, una legge che calpesta la libertà d’espressione. Non è una legge che tutela gli omosessuali dalle violenze, perché gli omosessuali sono persone e tutte le persone sono tutelati dalla legge se subiscono violenze. Se poi si intende aggredire un gay o una lesbica proprio per l’orientamento sessuale compresi le aggravati dall’articolo 61 del codice penale, che aumenta la pena per i “motivi abietti e futili” del gesto violento. Dunque, l’impostazione intenzionale dei proponenti è impedire il dissenso e la proposta alternativa a quella dello stravolgimento dell’istituto matrimoniale, della modifica del concetto stesso di famiglia come costituzionalmente definito all’articolo 29 della Carta repubblicana, dell ’ imposizione della cultura genere e omogeneità della pratica anche attraverso la pratica criminale dell’utero in affitto. Vorrei che chi si oppone a questo programma politico sia impossibilitato a esprimere le sue idee e tacciato come omofobo, se alzato la voce finirà immediatamente catalogato come istigatore all’odio e la pena arrivare arrivare fino ai sei anni di carcere.

Leggi tutto

Chiesa

L’incontro delle Famiglie di Roma

Presentato in Sala Stampa vaticana l’evento in programma dal 22 al 26 giugno 2022, presieduto dal Papa. Sarà l’atto conclusivo dell’Anno pastorale Amoris laetitia. Nei nove mesi preparatori al via numerosi progetti solidali alla periferia della Capitale.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco all’Angelus: il Signore cerca cuori che sanno ascoltare

Papa Francesco ritorna sul tema dell’ascolto e commentando le letture del giorno, afferma che la Parola del Signore “non può essere ricevuta come una qualsiasi notizia di cronaca: ma va ripetuta, fatta propria e custodita”

Leggi tutto

Chiesa

Il videomessaggio del Papa al pontificio consiglio culturale

In un videomessaggio alla plenaria del Pontificio Consiglio della Cultura, il Papa indica la necessità di ritrovare “il senso e il valore dell’umano in relazione alle sfide che si devono affrontare”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano