Società

di Roberto Signori

Siracusa, costringeva minori alla prostituzione con riti voodoo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Con la minaccia di riti voodoo contro i lori cari, a Siracusa una donna nigeriana costringeva giovani, anche minorenni, alla prostituzione. La donna è stata arrestata con l’accusa di tratta di esseri umani, riduzione in schiavitù, aggravati dall’aver agito anche in danno di minori, immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione e autoriciclaggio dei proventi dell’attività delittuosa. Minacciando di ricorrere a un rito denominato “Ju-Ju”, l’indagata sarebbe riuscita a convincere le vittime a scappare dai centri di accoglienza, dove erano stati portati dopo l’arrivo in Italia. La nigeriana è accusata inoltre di aver esposto le sue vittime a un grave pericolo per la vita e l’integrità fisica, facendo attraversare il continente di origine sotto il controllo di criminali che le sottoponevano a privazioni di ogni genere e a diverse forme di violenza, e le facevano giungere in Italia via mare.

Immigrazione clandestina e prostituzione La donna nigeriana arrestata avrebbe gestito in pochi mesi il viaggio dalla Nigeria di almeno 8 ragazze (tre delle quali giunte in Italia nello stesso periodo) e la prostituzione di due ragazze, controllando anche diverse postazioni lavorative di prostitute su strada. Nel corso dell’indagine sono state rilevate numerose transazioni economiche di denaro dall’Italia verso la Nigeria che sarebbero state effettuate dalla indagata, utilizzando denaro proveniente dallo sfruttamento sessuale delle vittime giunte in Italia. Sarebbero emersi anche investimenti immobiliari realizzati in Nigeria. Molti e continui i trasferimenti di somme non sempre destinati alla stessa persona, attraverso mediatori che offrivano il servizio di rimesse all’estero secondo un sistema bancario non tracciabile.

Il racconto di un’immigrata L’indagine, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catania, è scattata in seguito alle dichiarazioni di una giovane nigeriana, che al momento dello sbarco al porto commerciale di Augusta nel luglio 2016, aveva dichiarato di avere intrapreso un lungo viaggio in autobus dalla Nigeria fino in Libia e da lì verso l’Italia, contraendo un debito di 30mila euro quale corrispettivo per “le spese di viaggio”. Durante il periodo di “prigionia” in Libia la donna apprendeva della sua destinazione al mercato della prostituzione e comprendeva di esser stata ingannata con false promesse subendo violenze fisiche e psichiche dai “sorveglianti”. In Italia aveva deciso di chiedere aiuto alla polizia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/02/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Haiti: chiesto un riscatto per la liberazione dei missionari rapiti

17 milioni di dollari, questa la cifra chiesta dalla banda armata che ha sequestrato nei giorni scorsi un gruppo di missionari cristiani, compresi donne e bambini.

Leggi tutto

Media

Volo solo chi osa farlo

in questi giorni l’autrice dell’articolo ho trovato questo libro ed ha pensato di parlarcene In un tempo dove il più grande punto interrogativo sono i giovani, la scuola, questo libro di Michele Smecca è la certezza che il nostro sguardo deve essere rivolto a questi ragazzi e al loro potenziale.

Leggi tutto

Società

Erbil: Maria, 20 anni, uccisa dai parenti per la conversione al cristianesimo

La giovane aveva decine di migliaia di follower sui social, dove promuoveva battaglie a favore dei diritti e delle libertà. Appena 12enne era stata costretta dalla famiglia musulmana a sposare un uomo da cui si era separata quattro anni più tardi.

Leggi tutto

Chiesa

Svelate al pubblico le carte private di Giovanni Paolo I

Convegno di studi su Giovanni Paolo I che si svolge sulla base delle carte d’archivio ed è interamente dedicato al suo Magistero.

Leggi tutto

Storie

Associazione medica trans e contenuti sadici e pedopornografici

Il documento afferma: “Le persone che s’identificano come eunuche possono condividere con altre persone di genere diverso il desiderio di riduzione o eliminazione delle caratteristiche fisiche maschili, dei genitali maschili o del funzionamento genitale”.

Leggi tutto

Chiesa

Cambogia - Una chiesa per la città di Kampot

Intitolata a Sant’Agostino viene consacrata il 4 giugno dal vicario apostolico mons. Schmitthaeusler.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano