Chiesa

di Tommaso Ciccotti

Papa: no alle sanzioni alla Siria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Nella Siria devastata dal terremoto “non vi siano ragioni o sanzioni che ostacolino gli urgenti e necessari aiuti alla popolazione”. Lo ha affermato oggi papa Francesco in un discorso a una delegazione di giovani sacerdoti e monaci delle Chiese ortodosse orientali incontrati questa mattina in Vaticano. A causa di un forte raffreddore il papa ha consegnato loro il testo scritto preparato, ma ha voluto comunque incontrarli. E sapendo della presenza di alcuni religiosi provenienti dalla Siria ha espresso l’occasione per esprimere “una vicinanza particolare a quel caro popolo, provato, oltre che dalla guerra, dal terremoto che, come in Turchia, ha provocato tante vittime e devastazioni terribili. Di fronte alla sofferenza di tanti innocenti, bambini, donne, mamme, famiglie, auspico che si faccia tutto il possibile per la gente”.

Ad Aleppo aveva fatto tappa sabato e domenica scorsa a nome di Francesco il prefetto del dicastero per le Chiese Orientali, l’arcivescovo Claudio Gugerotti, che ha poi raggiunto anche la Turchia, devastata dal terremoto. “A tutti - ha scritto sulla situazione della Siria il dicastero in una nota sul viaggio diffuso oggi - è stato possibile esprimere la vicinanza e l’affetto del Santo Padre, che tutti hanno accolto con viva commozione. Comune è emersa la testimonianza di quanta indicibile sofferenza sia stata vissuta in un contesto già stremato da dodici anni di guerra”.

Tra le situazioni più gravi constatate dal prefetto in Siria “la condizione degli anziani soli in casa, a causa dell’emigrazione dei congiunti, e privi di pensione che è molto frequente e drammatica”. Ma mons. Guggerotti ha avuto modo di approfondire anche la situazione della provincia di Idlib, “che non è sotto controllo governativo e dove sono rimaste circa 210 famiglie cristiane assistite non solo pastoralmente da due frati della Custodia di Terra Santa, con quanto è possibile ricevere nonostante le enormi difficoltà di approvvigionamento”.
“Si è avuta l’impressione - scrive ancora il dicastero per le Chiese Orientali - che il sisma abbia ulteriormente indebolito una popolazione sfinita dalla guerra e dagli effetti delle sanzioni, che hanno reso quella Terra irriconoscibile rispetto alla relativa prosperità precedente: per questo il prefetto ha molto sottolineato come sia necessario, superata l’emergenza, preparare un futuro che sia anche testimonianza e impegno dei cristiani a favore dell’intera popolazione siriana”.

E proprio quello della testimonianza comune è stato l’orizzonte indicato da papa Francesco anche ai giovani sacerdoti e monaci delle Chiese ortodosse orientali. “Dobbiamo credere – ha scritto loro - che, quanto più camminiamo insieme, tanto più saremo misteriosamente accompagnati da Cristo, perché l’unità è un pellegrinaggio comune”.
“Bisogna desiderare l’unità – ha concluso - con la preghiera, con tutto il cuore e le forze, con insistenza, senza stancarsi. Perché, se il desiderio dell’unità è spento, non basta camminare e dialogare: tutto diventa qualcosa di dovuto e formale. Se invece il desiderio spinge ad aprire le porte a Cristo insieme al fratello, tutto cambia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

23/02/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

L’esempio del Papa: i poveri invitati a pranzo

Anche dell’iniziativa di Francesco, che ha voluto pranzare con 500 persone in stato di bisogno, si è parlato ieri sera su Radio Mater

Leggi tutto

Politica

CON UN ATTO DI ARROGANTE IMPERIO

Ora sta ai cristiani, in Italia in particolare ai cattolici, decidere come reagire davanti a questa furibonda offensiva che nega il diritto stesso di agire come cristiani in ambito politico proclamando alcune banalissime idee che sono alla base della nostra fede. Per ognuno di noi la vita umana va difesa fin dal suo concepimento, Papa Francesco è arrivato ad affermare che “abortire è come affittare un sicario” ed è una frase che se fosse stata pronunciata da un candidato del principale partito di governo ne avrebbe comportato l’immediata espulsione con la relativa cancellazione del diritto all’elettorato passivo.

Leggi tutto

Politica

Al Paese serve la nostra lucida e visionaria follia

I prossimi quattro anni saranno per il Popolo della Famiglia i più impegnativi dalla sua nascita, perché saranno quelli in cui bisognerà porre le premesse operative per andare al governo del Paese.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco saluta la Slovacchia: “siate profeti”

Papa Francesco conclude e il viaggio apostolico con la Messa nel Santuario di Šaštín, per la Solennità della Madonna dei Sette Dolori, patrona della Slovacchia. A questo popolo devoto, Francesco lascia la sua benedizione ma anche un preciso mandato: essere “profeti”. Perché di profeti “ha bisogno oggi la Slovacchia”: “Non si tratta di essere ostili al mondo, ma di essere ‘segni di contraddizione’ nel mondo”, dice il Papa nell’omelia, richiamando il Vangelo. Ed è proprio la bellezza del Vangelo che i cristiani devono mostrare “con la vita”.

Leggi tutto

Chiesa

Il chirografo di Francesco

Papa Francesco istituisce una Fondazione per gli ospedali cattolici. Sarà guidata dal presidente dell’APSA Nunzio Galantino.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano