Politica

di Roberto Signori

Italiani contrari alle armi all’Ucraina

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’istituto Ipsos in un sondaggio per il Corriere della sera realizzato tra il 21 e il 23 febbraio ha rilevato che solo il 34% degli intervistati è a favore dell’invio di armi all’Ucraina. Gli italiani continuano ad essere preoccupati per il conflitto, ne temono soprattutto i risvolti economici più che quelli umanitari, e non prevedono che le ostilità possano cessare a breve. Anzi, ci vorrà da uno a più anni.

L’invio di armi è visto con favore solo dal 34 per cento degli italiani, il 45 per cento è invece contrario. Percentuale ancora più marcata all’interno del partito della presidente del Consiglio, nella coalizione di centrodestra più ostili a nuovi aiuti sono gli elettori della Lega. I favorevoli prevalgono solo tra i sostenitori di Forza Italia come gli elettori del Pd e di quelli di Azione-Iv, contrari i cittadini che votano Movimento.

Sarà interessante vedere se Meloni che sta ‘sfidando’ parte dei suoi elettori, ne pagherà un prezzo in termini di voti. Il 79 per cento degli “italiani confermano di essere preoccupati per il perdurare del conflitto — spiega Nando Pagnoncelli, direttore di Ipsos —. Lo sono soprattutto per le sue ricadute economiche più che per le conseguenze umanitarie”. Cresce anche il timore che la guerra possa “degenerare in un conflitto mondiale”.

Le previsioni di un prossimo cessate il fuoco non sono ottimistiche per gli italiani intervistati. Per il 30 per cento la guerra durerà ancora per “diversi anni”, secondo un altro 30 ci vorrà almeno un anno per arrivare ad uno stop.

Pagnoncelli osserva dai dati emersi nell’indagine che “è cresciuta la quota (dal 38 al 46 per cento) di coloro che non si schierano con nessuna delle due parti”. È scesa anche la percentuale degli italiani favorevoli alle sanzioni alla Russia (erano il 55 per cento nel marzo 2022, e oggi sono il 46 per cento, mentre i contrari sono passati dal 31 al 38 per cento).

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/02/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Ucraina - Monsignor Visvaldas Kulbokas: è bello non sentirsi soli

In una intervista ai media vaticani monsignor Visvaldas Kulbokas parla della situazione di crisi che vive il Paese, su cui si agita lo spettro di un conflitto ma ringrazia il Papa per la sua vicinanza

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: accompagniamo il popolo ucraino che soffre

All’udienza generale, nel giorno in cui comincia il cammino quaresimale, si eleva la supplica per l’Ucraina: chiediamo intensamente al Signore il dono della pace.

Leggi tutto

Storie

Moro vive nei cuori di chi conosce!

Il 16 Marzo del 1978 avvenne la strage di via Fani atto violento che sconvolse l’intero Paese. Aldo Moro era un personaggio scomodo per chi “controlla” la politica mondiale.

Leggi tutto

Politica

L’Unione Europea contro l’omofobica Georgia

L’Unione Europea si scaglia ingiustamente contro la Georgia definendola pro Putin ed omofobica. La solita politica due pesi, due misure

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il Rosario per la pace

Papa Francesco al termine della preghiera mariana, ricorda l’iniziativa del Rosario per la pace pregato dai bambini e promossa da Aiuto alla Chiesa che soffre.

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina, Francesco: basta guerra

A ormai un anno dal “triste anniversario” dell’inizio dell’invasione russa, il Papa chiede alle autorità di impegnarsi concretamente per la fine del conflitto e vicinanza al martoriato popolo ucraino: “Vorrà il Signore perdonare tanti crimini e tanta violenza? Egli è il Dio della pace”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano