{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} SERIE TV – LA VERA STORIA DI “BUONGIORNO MAMMA”

Media

di Raffaele Dicembrino

SERIE TV – LA VERA STORIA DI “BUONGIORNO MAMMA”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Buongiorno mamma, la fiction in onda su Canale Cinque con protagonista Raoul Bova arrivata alla seconda stagione, è tratta da una storia vera. Nello show l’attore veste i panni di Guido Borghi, un uomo molto innamorato di sua moglie e disposto a tutto pur di difendere la sua famiglia.

La fiction racconta le vicende della famiglia Borghi tramite piani temporali differenti dal 1955 sino ai giorni nostri. Al centro di tutto ci sono Guido (Raoul Bova) e Anna (Maria Chiara Giannetta) uniti da un amore capace di vincere qualsiasi difficoltà coronato da un matrimonio e dalla nascita di quattro figli. A sconvolgere le loro vite un dramma che costringerà la famiglia a fare i conti con il passato, fra segreti ed emozioni forti.

La serie conta dodici episodi, è diretta da Giulio Manfredonia e sceneggiata da Lea Tafuri, Mario Ruggeri ed Elena Bucaccio che è dietro al successo di Che Dio ci aiuti. La showrunner ha raccontato di aver scritto Buongiorno mamma partendo da un fatto di cronaca: la storia di Angela Moroni che è stata in coma per 29 anni, vegliata dal marito che non l’ha mai abbandonata, e dal resto della famiglia. “Ci sono storie che sono tue ancora prima di scriverle – ha svelato Elena nel comunicato di presentazione della fiction -. La storia di Anna e della sua famiglia è una di quelle. Mia figlia era nata da poco quando, aprendo il giornale, ho letto un trafiletto che parlava della moglie di Nazzareno e di quello che le era successo. Qualche ora dopo ero nell’ufficio di Luca Bernabei e piangendo gli raccontavo le emozioni che quelle poche righe mi avevano dato. La settimana seguente avevo iniziato a scrivere “Buongiorno, mamma!”.

Angela Moroni era madre di cinque figli un brutto giorno si sentì male. Da quel momento suo marito Nazzareno iniziò ad assisterla insieme ai figli, senza lasciarla mai sola. L’uomo ha rilasciato una lunga intervista a La Croce quotidiano. “Angela è stata un dono, un privilegio – ha raccontato tempo fa -. Si sentì male all’improvviso, la situazione precipitò. Il primo anno fu un susseguirsi di viaggi della speranza da una clinica all’altra, per cercare di vedere se fosse possibile trovare il modo affinché Angela potesse uscire dal coma e riprendere una vita pienamente funzionale. Nessun medico però ci dava speranze in tal senso e allora abbiamo deciso che Angela dovesse tornare a casa sua, a casa nostra. È stata la scelta più giusta che ho fatto in vita mia e la rifarei. Angela per 29 anni è stata al centro della nostra famiglia”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/02/2023
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

ETIOPIA - Proseguono le indagini sull’omicidio di 4 monaci

Proseguono le indagini sull’omicidio di 4 monaci ortodossi dello storico monastero di Ziquala in Oromia

Leggi tutto

Storie

Nuove speranze per Charlie

La vita di questo bambino innocente è diventata suo malgrado il campo sul quale l’ideologia della cultura della morte ha scatenato la battaglia finale per impossessarsi del diritto di disporre della vita delle persone anche contro la loro stessa volontà ovvero di chi ne ha la potestà, in questo caso genitoriale.

Leggi tutto

Società

L’aborto non è un diritto

Monica Cirinnà ha istericamente attaccato il manifesto prolife dell’associazione di Antonio Brandi. Tracotanza infinita. Ma noi non ci fermiamo perchè le battaglie siamo abituati a vincerle!

Leggi tutto

Chiesa

Suor Serena: “nulla di quello che avevo chiesto è accaduto, eppure sono pienamente felice”

Ho deciso d’intervistare Suor Serena perché il suo sorriso è contagioso. No, non è uno scherzo. Lei ride. Ride alla vita. I suoi occhi scintillanti guardano il viso dei suoi giovani e raggiungono il loro cuore. Fu la mia bambina che, quando la vide, disse proprio: “Quella suora mi fa ridere il cuore!”, era fuor di dubbio che io avrei voluto sapere tutto, di lei. Questo è il racconto della sua vita, “impastata e stesa” da Dio.

Leggi tutto

Storie

Diocleziano ed il martirio dei cristiani

Le maggiori persecuzioni contro i cristiani di cui si hanno chiari resocontia sono state quelle sotto Marco Aurelio, una seconda con Decio e Valeriano e di una terza, detta la “grande persecuzione”, con Diocleziano. Finirono con l’editto di Nicomedia del 311 emanato dall’imperatore Galerio, confermato dall’editto di Milano del 313 promulgato da Costantino I

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco benedice le campane “La voce dei non nati”

Sulla campana dei pro life polacchi sono incise le parole del beato Jerzy Popiełuszko, “La vita di un bambino inizia sotto il cuore della madre”, assieme al messaggio esplicito del Quinto Comandamento dato da Dio a Mosè “Non uccidere”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano