Storie

di Jack Harper

Basic Instinct in convento, esce Benedetta di Verhoeven

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Controverso, scandaloso, arriva in sala due anni dopo la premiere a Cannes 2021 BENEDETTA di Paul Verhoeven, con Virginie Efira e Charlotte Rampling. Il film sarà distribuito in Italia da Movies Inspired dal 2 marzo.

La base è autentica: Benedetta è liberamente ispirato al saggio “Atti impuri: Vita di una monaca lesbica nell’Italia del Rinascimento”, della professoressa Judith C. Brown, che a sua volta documenta il processo a Benedetta Carlini, badessa del monastero di Pescia all’inizio del Seicento, mistica e visionaria, accusata di omosessualità ed eresia. Date le premesse storiche, nelle mani del regista olandese di Basic Instinct si può immaginare il risultato: sul fronte choc mantiene le promesse: la suora lesbica sogna Gesù, ha (o si fa venire?) le stimmate per il potere dell’abbazia di Pescia e fa l’amore con la consorella usando una statuetta della Vergine trasformata in sex toy. La bellezza di Virginie Efira è ostentata nuda nel drammone storico con Charlotte Rampling madre superiora. Per i credenti c’è poco da aggiungere: sarà pure una storia vera ma è anche blasfema.

Al netto di questo, però, c’è anche molto altro in un film che sconfina spesso nel grottesco e nell’eccesso, ma è anche stato designato Film della Critica dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani. Benedetta Carlini, suora lesbica nell’Italia rinascimentale, dopo essersi ritirata in un convento, inizia una storia d’amore con un’altra consorella, Bartolomea (Daphne Patakia). Le inquietudini della giovane suora esaltate dalla sua forte capacità visionaria mostrano che il suo personale Gesù, quello che sogna quasi ogni notte, non è solo per lei quasi un supereroe pronto a salvarla, ma anche un uomo in carne e ossa con cui è possibile fare l’amore. Così in una scena lo avvicina quando è sulla croce e, a un certo punto, è lo stesso Gesù a baciarla. Ed è ancora ‘blasfemia’ quando la bella statuetta lignea, che la madre le aveva regalato al suo ingresso in convento, grazie anche alle sue misure perfette, viene resa con piccoli ritocchi un giocattolo d’amore che le due amanti si scambiano con grande piacere. Nel cast del film anche Lambert Wilson (il nunzio) e Clotilde Courau (Midea Carlini)

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/02/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Cinema “PerdutaMente” di Paolo Ruffini ed Ivana Di Biase

In questo nuovo lavoro, Ruffini si mette in viaggio per l’Italia alla ricerca di incontri, esperienze, confronti con persone affette dall’Alzheimer, e con chi se ne prende cura: parenti, amici, affetti.

Leggi tutto

Media

Religion Today Film Festival

Fede, arte e cinema sono gli ingredienti per promuovere una cultura della pace. Si apre a Trento la manifestazione all’insegna del dialogo interculturale e religioso

Leggi tutto

Politica

Ficarra e Picone protagonisti del nuovo film di Roberto Andò “La Stranezza” 

Gli attori siciliani Salvo Ficarra e Valentino Picone sono i protagonisti del nuovo film di Roberto Andò “La Stranezza”

Leggi tutto

Storie

Film su sant’Andrea Kim

“Il film ‘A Birth’ narra la vita di Sant’Andrea Kim Taegon. Gli esempi e le virtù del nostro santo ci pongono domande spirituali su come vivere oggi. Il titolo del film vuole riferirsi alla nascita di Sant’Andrea Kim nei nostri cuori, che non è altro se non la risurrezione e la vita in Cristo dentro ciascuno di noi”

Leggi tutto

Media

Cinema: in uscita “Tre sorelle”

Da ieri su su Prime Video l’ultimo film di Enrico Vanzina Tre sorelle, una commedia tutta al femminile interpretata da Serena Autieri, Giulia Bevilacqua, Chiara Francini, Rocío Muñoz Morales e Fabio Troiano, con la partecipazione straordinaria di Luca Ward.

Leggi tutto

Storie

Disney e cartoni gay

Nonostante il flop dei suoi due primi film in salsa arcobaleno, la Disney continuerà a fare propaganda LGBT anche attraverso i cartoni animati. Secondo quanto riportato dal New York Times, infatti, il nuovo CEO della Disney, Bob Iger, si è impegnato a non bloccare ma anzi ad incrementare il numero di film animati per bambini che contengono “narrazioni” LGBT.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano