Storie

di Roberto Signori

Naufragio migranti, “il barcone è esploso, un’ecatombe”

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“C’è stata un’esplosione a bordo, lo ha riferito ai soccorritori uno dei migranti salvati. Alcuni cadaveri presentano infatti delle bruciature. Il barcone è esploso, per questo è in mille pezzi. Uno scenario apocalittico. Un’ecatombe”. Lo riferisce all’AdnKronos un soccorritore intervenuto a Steccato di Cutro, a circa 30 km da Crotone, dove all’alba è avvenuto il tragico naufragio.

L’esplosione si è verificata quando il barcone era vicino alla costa, e poi si è frantumato – spiega il soccorritore - Osservando l’imbarcazione è chiaro che non è un barcone che si è frantumato sugli scogli per poi ridursi a pezzi. E’ compatibile con un’esplosione, come riferito da uno dei migranti messi in salvo. Sulla battigia hanno trovato per almeno 300/400 metri i pezzi dell’imbarcazione. Così come i cadaveri, che non sono concentrati. Molti cadaveri sono nudi. Forse perché già quando erano sottocoperta, stivati, le persone avevano caldo. L’esplosione e il mare mosso ha fatto il resto. L’esplosione è stata la causa di tutto. L’impatto è fortissimo, traumatizzante”.

“Qualcuno ha visto il barcone e ha avvisato la Capitaneria di Porto o la Guardia di Finanza – afferma il soccorritore -, è accaduto tutto intorno alle 4.30 del mattino. Sono partiti dalla Turchia con un barcone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

27/02/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Copasir: pericolo radicalizzazione islamica

Copasir - Il rischio di fenomeni di radicalizzazione jihadista c’è ed è tangibile anche in Italia. Lo ricorda, nero su bianco, il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica chiedendo al più presto un intervento legislativo non più rimandabile.

Leggi tutto

Chiesa

Il dolore del Papa per la strage in Thailandia

In un telegramma a firma del cardinale Parolin, Papa Francesco prega per le vittime dell’eccidio avvenuto in un asilo nido di una piccola località rurale, dove un ex poliziotto ha ucciso 22 bambini più altre 13 persone prima di togliersi la vita

Leggi tutto

Media

Grecia contro vignetta sul terremoto

In risposta alla scandalosa vignetta condivisa dalla rivista francese Charlie Hebdo, a seguito del terremoto devastante, in cui hanno perso la vita migliaia di persone in Türkiye e Siria, un fumettista greco ha condiviso una vignetta in cui si scrive “Tutti noi siamo turchi”.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa e la giornata del rifugiato

L’appello del Papa nel messaggio per la Giornata del Migrante e del Rifugiato, del prossimo 24 settembre: ovunque ci sia sempre una comunità pronta ad accogliere, senza lasciare fuori nessuno

Leggi tutto

Politica

La Apostolico continua la “guerra” al governo

Ancora un decreto pro-migranti dal giudice Iolanda Apostolico, che dopo essersi chiusa in camera di consiglio ha deciso di non convalidare i trattenimenti nel Cpr di Pozzallo disposti dal questore di Ragusa nei confronti di quattro migranti tunisini. Una sentenza che, a grandi linee, sembra ricalcare in toto quella di fine settembre con la disapplicazione del decreto Cutro. La procura di Catania, con le decisioni dei suoi giudici della sezione Immigrazione, sembra aver lanciato una sfida al governo, che non si esclude possa ricorrere anche contro questa decisione, così come ha già annunciato che farà per la precedente sentenza di Apostolico. Il gruppo di Catania sembra essere compatto, come dimostra anche la sentenza del giudice Rosario Maria Annibale Cupri.

Leggi tutto

Storie

PER NON DIMENTICARE RAVANUSA

Un mese fa succedeva l’impossibile e sembra ieri ma non bisogna dimenticare la tragedia di Ravanusa

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano