Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Papa - ll Signore ci dia la forza di capire e di piangere

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ll Signore ci dia la forza di capire e di piangere”. A una settimana dalla tragedia nelle acque di Cutro, con la morte di decine di migranti al largo delle coste italiane di Crotone, papa Francesco è tornato all’Angelus a lanciare un forte appello contro il dramma dei viaggi della speranza che si trasformano in tragedia.

“Esprimo il mio dolore – ha detto Francesco ai fedeli riuniti in piazza San Pietro -. Prego per le vittime del naufragio, per i familiari, per i sopravvissuti. Manifesto il mio apprezzamento e la mia gratitudine alla popolazione locale e alle istituzioni per la solidarietà e l’accoglienza verso questi nostri fratelli e sorelle. Rinnovo a tutti il mio appello affinché non si ripetano simili tragedie - ha aggiunto -. I trafficanti di esseri umani siano fermati, non continuino a disporre della vita di tanti innocenti. I viaggi della speranza non si trasformino mai più in viaggi della morte. Le limpide acque del Mediterraneo non siano più insanguinate da tali drammatici incidenti”.

Prima della preghiera dell’Angelus - commentando il brano di Vangelo della Trasfigurazione proposto dalla liturgia in questa seconda domenica di Quaresima - papa Francesco si era soffermato a riflettere sulla bellezza manifestata da Gesù. “Che sorpresa per i discepoli - ha osservato -. Avevano avuto sotto gli occhi per tanto tempo il volto dell’Amore, e non si erano mai accorti di quanto fosse bello. Solo adesso se ne rendono conto, con immensa gioia”.

Ma Gesù con questa esperienza sta formando i suoi discepoli, preparandoli al passo più importante. “Di lì a poco - ha proseguito Francesco - dovranno saper riconoscere in Lui la stessa bellezza, quando salirà sulla croce e il suo volto sarà sfigurato. Pietro fatica a capire: vorrebbe fermare il tempo, mettere la scena in ‘pausa”, stare lì e prolungare questa esperienza meravigliosa; ma Gesù non lo permette. La sua luce, infatti, non si può ridurre a un momento magico. Così diventerebbe una cosa finta, artificiale, che si dissolve nella nebbia dei sentimenti passeggeri. La bellezza di Gesù non è alienante, non ti fa nascondere: ti porta sempre avanti”.

Di qui il pontefice ha indicato ai fedeli un messaggio legato alla vita quotidiana di ciascuno: “Ci insegna - ha spiegato - quanto è importante stare con Gesù, anche quando non è facile capire tutto quello che dice e che fa per noi. È stando con Lui, infatti, che impariamo a riconoscere, sul suo volto, la bellezza luminosa dell’amore che si dona, anche quando porta i segni della croce. Ed è alla sua scuola che impariamo a cogliere la stessa bellezza nei volti delle persone che ogni giorno camminano accanto a noi”.

“Quanti volti luminosi – ha concluso - quanti sorrisi, quante rughe, quante lacrime e cicatrici parlano d’amore attorno a noi! Impariamo a riconoscerli e a riempircene il cuore. E poi partiamo, per portare anche agli altri la luce che abbiamo ricevuto, con le opere concrete dell’amore, tuffandoci con più generosità nelle occupazioni quotidiane, amando, servendo e perdonando con più slancio e disponibilità”.

Nei saluti ai fedeli dopo la preghiera Francesco ha ricordato anche le vittime dell’incidente ferroviario in Grecia, tra cui molti giovani studenti: “Prego per i defunti, sono vicino ai feriti e ai familiari”, ha detto. Rivolgendosi, infine, a una rappresentanza della comunità ucraina di Milano a Roma per un pellegrinaggio nel nome di san Giosafat, ne ha lodato l’impegno per l’accoglienza ai connazionali e invitato tutti a continuare a pregare perché Dio doni la pace a questo martoriato popolo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

06/03/2023
2206/2024
San Paolino da Nola

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco: i cristiani credibili fanno quello che dicono

Nella sua catechesi prima dell’Angelus, sulle parole di Gesù su scribi e farisei che “dicono e non fanno”, il Papa invita tutti, specialmente chi ha responsabilità nella società o nella Chiesa, a non avere “il cuore doppio” e a non preoccuparsi solo “di mostrarci impeccabili all’esterno”

Leggi tutto

Chiesa

PAPA - E’ urgente formare uomini capaci di relazioni sane

Il Papa, ricevendo in udienza le delegazioni di Federazione Italiana Settimanali Cattolici, Unione Stampa Periodica Italiana, Associazioni “Corallo” e Aiart, parla delle ultime drammatiche notizie di violenza contro le donne per ribadire la necessità di educare al rispetto e alla cura: “Prudenza e semplicità ingredienti educativi basilari nella complessità di oggi, specialmente del web, dove non bisogna cedere alla tentazione di seminare odio”

Leggi tutto

Chiesa

Beato il cardinale Pironio

La Messa di beatificazione nel santuario di Nostra Signora di Luján, patrona dell’Argentina, dove il nuovo beato è sepolto, è stata presieduta dal cardinale Vérgez Alzaga.

Leggi tutto

Storie

Nicaragua, ordinati nuovi sacerdoti

Il cardinale Brenes ha ordinato a Managua nove sacerdoti, mentre l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani chiede al governo nicaraguense di rendere noto il luogo di detenzione del vescovo di Siuna, Isidoro Mora: la nuova ondata di arresti di religiosi mina il “diritto alla libertà religiosa, pilastro di ogni Stato democratico”

Leggi tutto

Chiesa

Il 28 aprile Papa Francesco sarà a Venezia

Il Papa visiterà il Padiglione della Santa Sede alla Biennale d’Arte, presso il Carcere Femminile della Giudecca, e incontrerà la Comunità Ecclesiale del Patriarcato

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa adegua la legge propria della Segnatura

Con il motu proprio di Francesco “Munus Tribunalis” vengono stabilite alcune modifiche tecnico-lessicali alle norme che reggono il Supremo Tribunale che dirime le contese sorte per gli atti di potestà amministrativa ecclesiastica

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano