Politica

di Giuseppe Udinov

Quei conti che non tornano nel boom di iscritti dem

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Effetto Schlein». Così è stato ribattezzato l’inatteso incremento di tesserati al Pd che si è verificato dopo la vittoria alle primarie della neo-segretaria. «Abbiamo riaperto le iscrizioni, sono più di diecimila in una settimana, è un segnale di vitalità importate, continuiamo così», ha dichiarato domenica la Schlein nel corso del suo intervento all’assemblea del Pd che ha incoronato lei come segretaria ed eletto il suo rivale, Stefano Bonaccini, alla carica di presidente del partito. «Stiamo risvegliando una speranza, non dobbiamo deludere l’aspettativa di questa straordinaria partecipazione», ha aggiunto trionfante la nuova segretaria. Diecimila nuovi iscritti in circa una settimana, per un partito come il Pd che vive da anni un calo vertiginoso di iscrizioni, possono sembrare un’enormità, ma in realtà non è così. Ma si tratta di un’illusione ottica.

Il percorso congressuale che ha portato alla nascita del «nuovo Pd», infatti, aveva una finalità ben precisa: «riportare a casa» gli ex bersaniani di Articolo Uno, che nel 2017 se ne andarono perché non si riconoscevano più in quello che definivano «PdR» (Partito di Renzi). Oggi, a differenza di sei anni fa, c’è una nuova classe dirigente e Roberto Speranza (nella foto), segretario di Articolo Uno, ha caldeggiato il nuovo corso piddino. «Care compagne e cari compagni, sin dalla nascita di Articolo Uno ci siamo battuti per costruire una sinistra nuova nel nostro Paese con l’obiettivo di ricucire la profonda frattura», si legge nella lettera che Speranza ha indirizzato agli iscritti di Articolo Uno il 24 gennaio scorso, ricordando loro lo «spirito» con cui negli ultimi mesi hanno partecipato al «percorso Costituente» del nuovo Pd. L’ex ministro della Salute, in qualità di leader di Articolo Uno, ha chiesto ai suoi iscritti di sottoscrivere «il modulo di impegno ad aderire al nuovo Pd nel 2023 a conclusione del processo costituente».

In estrema sintesi, il «boom di iscrizioni» che si è registrato in questi giorni era previsto. Non è possibile sapere con assoluta certezza se tutti i diecimila nuovi iscritti al Pd siano tutti ex militanti di Articolo Uno. Quel che, però, si sa con certezza è che dei 13mila iscritti al partitino guidato da Speranza ben 9mila avevano aderito alla fase congressuale per poter sostenere e votare Schlein sin dall’inizio, così come richiesto dal loro segretario nella missiva del 24 gennaio scorso. Partendo da questo dato si possono formulare alcune ipotesi.

La prima è che ai novemila iscritti di Articolo Uno se ne siano aggiunti altri mille che hanno deciso di aderire al Pd solo dopo la vittoria della Schlein alle primarie. La seconda è che di questi 10mila nuovi iscritti solo mille non provengano da Articolo Uno. La terza e ultima ipotesi (assai rara) è che, per assurdo, gli ex militanti di Articolo Uno che hanno aderito al «percorso costituente» siano meno di 9mila. In tal caso, «l’effetto Schlein» avrebbe investito molte «new-entry», ossia giovani o meno giovani che nulla hanno avuto a che fare con Articolo Uno. Indipendentemente da quale che sia l’ipotesi più realistica, allo stato attuale, l’unica conclusione che si può trarre è che parlare di «boom» è fuorviante, dal momento che i nuovi iscritti al Pd sarebbero di numero inferiore rispetto ai militanti di Articolo Uno.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

15/03/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Storie

La lezione di un piccolo borgo

Il modello politico del Popolo della Famiglia si consolida e, dopo le arrembanti esperienze delle amministrative 2016, si è confermato maturato a quelle del 2017. Mirko De Carli ha sfiorato la soglia del 15% a Riolo Terme: questo e altri risultati elettorali dimostrano che là dove il PdF non sia irretito da inadeguatezza di mezzi comunicativi, ovvero dove lo si riesca a vedere, il popolo lo premia.

Leggi tutto

Politica

La politica che lucra sulle dipendenze

Se il centrodestra ha Salvini che promuove la prostituzione, a sinistra Civati vanta i soldi che si farebbero con la droga. Sui nostri figli!

Leggi tutto

Politica

Zingaretti, il Pd e l’utero in affitto

“Fecondazione medicalmente assistita e gestazione per altri: la possibilità di un figlio nel 2019” è il titolo del convegno che si terrà a Roma il 19 giugno prossimo nella sede nazionale della CGIL. Ben due proposte di regolamentazione dell’utero in affitto saranno presentate dall’ufficio “Nuovi Diritti” del sindacato, “Certi diritti”, “Famiglie Arcobaleno” e “Articolo 29”. Zingaretti ambiguo.

Leggi tutto

Storie

Sandokan era un vescovo italo-spagnolo

Sandokan il pirata creato da Emilio Salgari era un vescovo!  Infatti le memorie di Carlos Cuarteroni, di Cadice, ispirarono a Emilio Salgari le avventure del pirata. Secondo quanto ricostruito Emilio Salgari, era un attento topo di biblioteca, nelle cui mani capitò un incredibile rapporto presentato a Papa Pio IX nel 1849. Quando lo lesse, credette sicuramente che gli fosse caduto un dono dal cielo tra le mani. Il contenuto di quel rapporto erano le memorie di un marinaio spagnolo che dopo mille incredibili avventure era diventato frate trinitario e Prefetto Apostolico, e si dedicava a lottare contro il traffico di schiavi nel Borneo, a Sumatra e in Malesia.

Leggi tutto

Politica

DDL ZAN: I PRIMI A NON CREDERCI SONO LORO

Le prospettive di arrivare ad una nuova legislatura senza più pericoli di un’accelerata improvvisa rispetto alla follia del reato di omofobia sono reali e concrete. Un dettaglio, fondamentale, va comunque sottolineato e non sminuito: qualsiasi accenno di trattativa che tentasse di intavolare il Partito Democratico su questo fronte il centrodestra, soprattutto quello governativi

Leggi tutto

Società

Amnesty: più conflitti e meno diritti nel mondo

Il Rapporto 2021-2022 di Amnesty International, pubblicato in Italia da Infinito Edizioni, contiene un’introduzione della segretaria generale Agnès Callamard, cinque panoramiche regionali e schede su 154 Stati e territori. Tra i temi principali la pandemia di Covid-19, il razzismo, la lotta alle disuguaglianze e la cura del Creato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano