Storie

di Nathan Algren

HAITI - Nessuna notizia sul missionario sequestrato

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“Padre Jean-Yves è ancora nelle mani dei rapitori. Non rispondono alle nostre telefonate e la pressione aumenta”. E’ quanto riferisce all’Agenzia Fides padre Nestor Fils-Aimé, Superiore provinciale del Canada dei Chierici di San Viatore, in merito alla vicenda del confratello sequestrato a Croix des Bouquets .

“Sono arrivato ad Haiti in visita pastorale mercoledì 8 marzo 2023 - racconta - ed è stato proprio p. Jean-Yves a venire ad accogliermi in aeroporto, poi venerdì 10 è stato portato via da una banda armata mentre stava celebrando un funerale.”
“Purtroppo – aggiunge p, Nestor - i sequestri da parte di bande armate qui ad Haiti sono all’ordine del giorno. Rimango ancora qui per sostenere e accompagnare i miei fratelli in questo momento tanto delicato. Tutte le nostre comunità sono raccolte in preghiera e offriamo le nostre Celebrazioni eucaristiche per la liberazione del nostro fratello. Continuiamo a ricevere tante testimonianze di solidarietà sia a livello nazionale che internazionale, e siamo grati a tutti per il supporto”.
La Congregazione dei Chierici di San Viatore, CSV, fu fondata a Vourles, vicino a Lione (Francia) da padre Louis Querbes il 3 novembre 1831. I Chierici sono coinvolti nell’educazione a diversi livelli e nel ministero ecclesiale con particolare enfasi sulla liturgia e la catechesi.
La Congregazione conta attualmente poco meno di cinquecento religiosi, sparsi in tredici Paesi di quattro Continenti. I laici (uomini e donne) si sono uniti ai religiosi condividendo il carisma della Congregazione. Ci sono circa duecento associati nella comunità viatoriana.
I CSV del Canada hanno fondato la missione di Haiti nel 1965. Erano arrivati in sostituzione dei Gesuiti che erano a capo del Seminario Maggiore di Port-au-Prince e che furono espulsi dal Paese dal dittatore François Duvalier.
Oggi i CSV ad Haiti sono quasi quaranta. Lavorano principalmente nel campo dell’istruzione attraverso otto scuole. Amministrano anche due parrocchie nell’arcidiocesi di Port-au-Prince. Padre Jean-Yves Médidor è parroco di Christ-Roi a Croix-des-Bouquets, roccaforte di una banda criminale chiamata “400 mawozo”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/03/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Cassero, il delirio continua: “La Chiesa inquina con la sua ortodossia”

Replica delirante e unitaria di tutte le associazioni LGBT a difesa della vergognosa iniziativa blasfema del circolo gay di Bologna

Leggi tutto

Chiesa

Viganò diffida dall’esegesi del Papa eretico

Quando Francesco disse – affacciandosi sulla piazza quella prima sera del suo pontificato – di venire dalla fine del mondo, certo non avrebbe immaginato, né lo immaginavano i fedeli, quale difficoltà avrebbe comportato la traduzione quotidiana di questa provenienza da un luogo e da una mentalità differente da quella europea. Ma è accaduto e, pian piano, anche gli addetti alla comunicazione in Vaticano ne stanno prendendo atto. Papa Francesco va compreso in quelle che sono le specificità del proprio modo di comunicare e poi va opportunamente raccontato: questo è il messaggio che arriva da mons. Viganò. C’è dunque un altro passo avanti: nelle parole del Monsignore si riscontra sì la necessità di dire che devono essere evitare “letture eretiche”, ma – al tempo stesso – c’è l’ammissione indiretta che gli equivoci non nascono soltanto dalla malafede, ma da un realistico ostacolo, per la mentalità europea/occidentale, di raccontare il pontificato di Papa Francesco. Perché il Papa non viene da un altro pianeta, ma per il nostro modo di pensare, ragionare, anche catalogare, a volte è stato come se fosse stato così.

Leggi tutto

Politica

A Torino si lava il cervello alla P.A.

L’unica cosa sulla quale concordo con l’assessore ArciGay Giusta è il fatto che il tema del linguaggio non sia una questione di puntiglio. Per i motivi esattamente opposti ai suoi. Il linguaggio esprime sempre una struttura di valori e costumi che si porta dietro e più in generale potremmo dire davvero che veicola una visione antropologia precisa. Ogni lingua ha una storia, ogni lingua è espressione della cultura di un popolo. Ed è per questo motivo che oggi più che mai è necessario puntigliosamente tornare a ridare alla parole il loro originario e reale significato. Altrimenti si rischia solo di violentare non solo un linguaggio, ma evidentemente l’insieme dei valori e storie che esso (il linguaggio) si porta con sé e veicola. Un linguaggio che forzosamente livella le differenze non solo violenta l’uso delle parole, ma soprattutto appiattisce a ribasso la bellezza variegata della realtà.

Leggi tutto

Storie

Avrebbe compiuto oggi 50 anni Santa Scorese

Santa Scorese è nata a Bari il 6 febbraio 1968, nella sua casa in Via Dante. Quattro anni prima di lei, i genitori avevano avuto Rosa Maria. Quasi venti giorni dopo la nascita, il 25 febbraio, Santa fu portata al battesimo. Una vicenda comune diventata nota grazie alla pubblicazione del Diario, che rischiava di essere distrutto, delle Lettere e di due biografie. Una continua scelta di Dio.

Leggi tutto

Politica

Ministro Bonetti: 30 milioni per i campi estivi

Non si coglie come sia possibile immaginare l’apertura di centri estivi – e chi dovrebbe educare i bambini ai giusti comportamenti all’interno dei medesimi? – se non si riconoscono le condizioni adeguate per riaprire le scuole. Si tratterebbe comunque di luoghi di “assembramento sociale”, in che spazi? Gestiti da chi? Insomma, le risposte del ministro contengono sempre una parte di giudizio interessante, a tratti anche condivisibile («i nostri figli hanno diritto di giocare», «la priorità è sostenere le famiglie e investire nel valore sociale che continuano a mettere in campo»), purtroppo innestate – quasi innaturalmente – in una concezione talmente ideologica e statalista per cui gli “aiuti” vanno promessi – si spera prima o poi anche erogati – al fine di un «cambio di paradigma» della società, che deve diventare come il ministro desidera.

Leggi tutto

Politica

I talebani al potere: il racconto della drammatica situazione dell’Afghanistan

Resta molto grave la situazione in Afghanistan. I Talebani sono pericolosi. Hanno fatto man bassa nei depositi d’armi degli americani creando una situazione di instabilità e terrore in tutto il Paese.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano