Storie

di Roberto Signori

Bolzano - Non sa bene il tedesco, bimbo escluso da una scuola

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

«Il caso dell’esclusione da una scuola in lingua tedesca della provincia autonoma di Bolzano di un bambino, a seguito di un test linguistico, entra in contrasto con i principi costituzionali che prevedono l’erogazione dell’educazione scolastica senza limiti e non condizionati da alcun test preventivo ed appare grave che ciò sia avvenuto nell’ambito di una scuola dell’obbligo». Lo dichiara il capogruppo di FdI in Commissione affari costituzionali della Camera Alessandro Urzì. In Alto Adige vige il principio dell’insegnamento nella madre lingua (tedesco, italiano oppure ladino). Soprattutto nei centri urbani le scuole di lingua tedesca registrano però un grande afflusso anche di alunni che non sono di madre lingua tedesca. «Mi sono per questo rivolto al ministro per l’istruzione e il merito Valditara - aggiunge Urzì - per sollecitare una profonda riflessione anche a livello nazionale su quanto accaduto e per accertare responsabilità e conseguenze di questo atto«. Urzì dichiara «apprezzabile che lo stesso assessore altoatesino alla scuola in lingua tedesca Philipp Achammer abbia dichiarato inammissibile la procedura seguita. Il tema in ogni caso - sottolinea Urzì - fa seguito alla richiesta, anche questa irricevibile, posta dall’assessore Ramoser della Svp al Comune di Bolzano di test di accesso generalizzati per i bambini di lingua italiana che richiedano le iscrizioni nelle scuole in lingua tedesca». «Il tema - conclude Urzì - è impegnarsi acchè siano le scuole in lingua italiana a garantire la più ampia offerta di insegnamento in lingua tedesca offrendosi come luogo di educazione per la formazione completa sul piano anche plurilinguistico degli alunni garantendo la piena risposta a tutta la domanda. In questo senso l’appello al ministro Valditara per studiare di concerto con le autorità locali la più ampia formazione e reclutamento di personale docente plurilingue adeguato alla richiesta altoatesina», conclude Urzì.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

20/03/2023
2402/2024
San Sergio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Lo scrittore, la politica ed i quattrini

Questo progetto si chiama “Rapsodia – scrittori nelle scuole” e per il 2016/2017 prevede l’incontro con Giacomo Mazzariol, giovanissimo autore di Castelfranco Veneto, che ha scritto un libro commovente sul fratello down. Il progetto, come accordo tra la scuola e le case editrici, prevede che gli autori vengano a titolo gratuito, ma in cambio almeno l’80% degli studenti presenti deve aver acquistato il libro.

Leggi tutto

Società

SCUOLA – NO INQUISIZIONE SULLO STATO VACCINALE DEGLI STUDENTI

Soddisfazione per l’emanazione della nota Miur sulla tutela dei dati personali riguardo lo stato vaccinale di bambini e ragazzi a scuola . *Siamo soddisfatti di quanto ottenuto* in termini di pronunciamento pubblico, prima da parte del Garante della Privacy, e subito dopo dal Miur, sulla protesta sollevata dalla nostra associazione *Non si Tocca la Famiglia.*

Leggi tutto

Politica

USA: mamme contro il gender nelle scuole

Il movimento ‘Moms for Liberty’ cresce e continuerà a svilupparsi sempre più in tutti gli Stati degli USA. Ben 85mila mamme per la libertà si candidano infatti ai consigli scolastici locali in tutti gli Stati Uniti, per combattere l’indottrinamento LGBTI, l’ipersessualizzazione e promuovere la libertà educativa e i diritti dei genitori.

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa agli insegnanti cattolici: attenti alle colonizzazioni ideologiche

Papa Francesco agli insegnanti: “la colonizzazione ideologica distrugge la personalità umana”

Leggi tutto

Storie

Bolzano - Test di tedesco per gli alunni italiani

Rissa sulle lingue a Bolzano, l’assessore comunale alla scuola getta benzina sul fuoco.

Leggi tutto

Società

Kim Jong-un contro la denatilità: madri più comuniste

Il dittatore nordcoreano si è rivolto nei giorni scorsi alle donne chiedendo di contrastare nei figli “la tendenza antisocialista” che anche a Pyongyang sta spingendo molte giovani coppie a non avere figli. Il tasso di natalità è sceso a 1,8 per donna e la popolazione comincia a invecchiare.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano