Storie

di Roberto Signori

Bambino di sei anni spara alla maestra

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Abbandono di minore, questa l’accusa rivolta alla mamma di un bambino di sei anni che lo scorso gennaio ha sparato alla maestra mentre si trovava in una scuola di Newport, con l’arma che aveva preso in casa senza che la madre se ne accorgesse. Lo ha annunciato un procuratore della Virginia.

Deja Taylor è stata anche accusata da un gran giurì di aver lasciato «incautamente un’arma carica, mettendo così in pericolo un bambino». L’avvocato della donna, James Ellenson, ha dichiarato che la sua cliente «si costituirà entro la fine di questa settimana». Il mese scorso lo stesso procuratore, Howard Gwynn, aveva annunciato che contro il bambino di sei anni non sarebbe stata mossa alcuna accusa. Secondo la ricostruzione della polizia, lo scorso 6 gennaio il bambino di prima elementare ha estratto dallo zaino una pistola Taurus da 9 mm, che era stata acquistata legalmente da sua madre, e ha sparato alla sua maestra Abigail Zwerner. La 25enne è stata ricoverata in ospedale per due settimane, con ferite alla mano e al torace. L’insegnante ha intentato una causa civile contro i funzionari scolastici e chiede 40 milioni di dollari di risarcimento danni.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

12/04/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

EPIFANIA A OSTIA: A SAN NICOLA PUOI ESSERE TRA I RE MAGI

Il Centro Aiuto alla Vita raccoglierà pannolini e vestiti invernali per i bambini bisognosi. Domenica 6 Gennaio, epifania del Signore: ore 18.30, a San Nicola di Bari scegli la vita, di no a Erode e alla cultura della morte

Leggi tutto

Storie

Fai la mamma o lavori

Battute a sfondo sessuale, un trasferimento e poi il licenziamento. E’ quello che è successo a una trentenne di Chivasso, nel Torinese, licenziata dopo avere riferito ai suoi datori di lavoro la volontà di sottoporsi alla fecondazione in vitro per diventare mamma. La donna, che era impiegata in un’azienda di idrotermosanitari, per lo stress avrebbe anche perso il bambino. Ora ha fatto causa contro l’azienda.

Leggi tutto

Società

Turchia - I danni alla ‘moschea’ Santa Sofia

Il passaggio di stato voluto da Erdogan rischia di compromettere il patrimonio Unesco. Senza opere di manutenzione “entro il 2050” la cupola rischia di crollare sui fedeli.

Leggi tutto

Politica

La scelta di essere mamma

Gregory Pincus (pillola) era un uomo, Robert Edwards (PMA), Patrick Steptoe (PMA), Julius From (preservativo), tutti uomini. Quindi, tornando al convegno sulla fertilità, non trovo granché strano che siano uomini, i medici che sono stati invitati. E non mi si dica che di donne scienziate non ne esistono poiché obbligate al focolare, perché  Marie Curie e Irène Joliot-Curie, Rita Levi Montalcini, Rosalind Franklin, Dorothy Crawfoot Hodgkin, Francoise Barré-Sinoussi, sono tutte donne (alcune anche madri). Le donne, all’interno del mondo della fertilità, esistono, ma alcune si distinguono non certo per grande spirito femminile, o meglio, fanno parte di tutte quelle donne che credono di sostenere le donne attraverso la promozione dell’aborto volontario (che, per inciso, uccide anche le donne nel grembo materno, quindi
non è certo campanilismo femminista): parliamo di Faye Alyce Wattleton o Margaret Louise Higgins Sanger, ‘mamme’ di Plannet Parenthood, ente non proprio sano e a favore della salute pubblica. Per contro noi possediamo Flora Gualdani e Paola Bonzi (e tantissime altre volontarie e ostetriche che si muovono nel silenzio e nel nascondimento), che difendono la vita del bambino sapendo che la donna che riesce a non abortire, poi ringrazierà dell’essere divenuta madre.

Leggi tutto

I Carabinieri arrestano il latitante Matteo Messina Denaro

Aresto di mafia da parte dei Carabinieri

Leggi tutto

Storie

Djokovic,prigioniero “politico”

Il caso Djokovic è divenuta una verra e propria disputa internazionale.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano