Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Il Papa alle consacrate: siate coraggiose

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un invito a camminare insieme nella Chiesa, tornando sempre al Vangelo per trovare nuove strade e parole per il mondo attuale. Il Papa lo rivolge alle circa 300 partecipanti alla 70.ma Assemblea Generale dell’Unione Superiore Maggiori d’Italia (USMI) sul tema In cammino sinodale, donne testimoni del Risorto, ricevute in Sala Clementina. Alle religiose Francesco chiede di essere generatrici di speranza, fermento di Dio in mezzo all’umanità. “Se una consacrata non testimonia il Risorto”, secondo il Pontefice, “finisce lì la sua vita”

Le donne sono state le prime testimoni della Resurrezione. Loro sono il modello di discepole a cui guardare perché – spiega Francesco – ci ricordano “che se abbiamo il coraggio di recuperare la freschezza originale del Vangelo spuntano nuove strade, metodi creativi, altre forme di espressione, segni più eloquenti, parole cariche di rinnovato significato per il mondo attuale”.

“Gesù Cristo può anche rompere gli schemi noiosi nei quali pretendiamo di imprigionarlo e ci sorprende con la sua costante creatività divina”, perché “Cristo è il ‘Vangelo eterno’” e “la sua ricchezza e la sua bellezza sono inesauribili”:

Sempre andare con coraggio, cercare il Signore che cosa ci dice oggi; non che cosa ci ha detto ieri. È vero che ognuna di voi ha il proprio carisma, e questo è lo spirito con il quale voi volete fare la domanda: con quello spirito dei fondatori che voi avete nel cuore, fate la domanda, oggi: “Signore, oggi che devo fare? Cosa dobbiamo fare?”. E le donne sono brave per questo, sanno creare cammini nuovi, sanno dare… sono coraggiose.

Il mattino di Pasqua la corsa delle donne per dare l’annuncio della Resurrezione ai discepoli è ispiratore di un’autentica conversione sinodale. Esse non tengono la gioia per sé, non camminano da sole “perchè è proprio della donna essere generosa, dare la vita, aprire strade, chiamare altri”. “La presenza di Gesù infatti – secondo il Vescovo di Roma - non ci chiude in noi stessi, ci spinge verso l’incontro con gli altri e verso la decisione di camminare con gli altri”. La sinodalità è la strada maestra per la Chiesa:

Non dimentichiamo che il cammino sinodale è lo Spirito Santo: Lui è il capo del cammino sinodale, Lui è il protagonista. E le donne, in questa dinamica, vanno avanti. Con i Pastori anche quando tante volte voi non vi sentite valorizzate e a volte comprese, siete disponibili ad ascoltare, a incontrare, a dialogare, a fare progetti insieme. Il cammino sinodale non è avere risposte e prendere decisioni: no. Il cammino sinodale è camminare, ascoltare – ascoltare! – sentire e andare avanti. Il cammino sinodale non è un parlamento; il cammino sinodale non è una raccolta di opinioni. Il cammino sinodale è mettersi all’ascolto della vita sotto la guida dello Spirito Santo che è il protagonista del Sinodo. E voi andate su questa strada con rinnovato entusiasmo, donne testimoni del Risorto.

Ascoltare, guardare e toccare la realtà, mai distaccarsi da essa ed essere “in orbita”, raccomanda il Pontefice che alle Superiore Maggiori d’Italia rivolge anche l’appello ad essere seminatrici di speranza di fronte alle poche vocazioni, al problema delle opere, all’esigenze dell’interculturalità della vita consacrata. “Le sfide - ammonisce – esistono per essere superate” e la speranza è “la più piccola, ma la più forte delle virtù”: Siamo realisti, ma senza perdere l’allegria, l’audacia e la dedizione piena di speranza! I vostri numerosi progetti parlano di questa dedizione piena di speranza. Continuate su questa strada! Parlando a braccio Francesco mette quindi in guardia dalle malattie della vita consacrata in particolare dall’amarezza, “quello spirito di acidità dentro” che guarda solo alle difficoltà o erige “un monumento al ‘ma, però’, sempre ricercando ciò che non va”. “L’amarezza” infatti secondo il Papa “è il liquore del diavolo” ed è un’antitesi della speranza. Quando si coltiva l’aceto invece dello zucchero, qualcosa non funziona. L’amarezza, l’acidità del cuore, fa tanto male. Per favore, quando voi vedrete che in una comunità qualche suora che è su questo, aiutatela a uscire da questa situazione; aiutate a uscire dalla situazione delle persone malinconiche che sempre pensano: “Ma, gli altri tempi erano meglio, le cose non vanno, che qui, che là …”. Questo è l’elisir del diavolo, questa amarezza, liquore di amarezza. Per favore, niente di questo, soltanto lasciare che sia lo Spirito a darci questa dolcezza che è una dolcezza spirituale.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

13/04/2023
2306/2024
San Giuseppe Cafasso

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

IL GIOCO DELLE PARTI

Il Popolo della Famiglia depositerà in Corte di Cassazione tra due settimane il disegno di legge di iniziativa popolare sul diritto alla vita, che comprende reddito di maternità e sostegno alla disabilità e alla vecchiai

Leggi tutto

Chiesa

RELIGIOUS ITINERARIES SUPERVISION - A TORINO LA CHIESA DI DON BOSCO

Proprio ieri si è celebrato il giorno che ricorda il ritorno alla casa del Padre di Don Bosco. A tale scopo, dando anche il via a questa nostra nuova rubrica che abbiamo chiamato RELIGIOUS ITINERARIES SUPERVISION, andiamo a curiosare nella Basilica di Torino nella quale riposano le spoglie di San Giovanni Bosco e non solo…..
https://www.youtube.com/watch?v=2k9kXQUa23s

Leggi tutto

Chiesa

Papa: basta con l’odio!

Nuovo tweet del Papa dall’account @Pontifex: “No a guerre e divisioni che portano all’autodistruzione”

Leggi tutto

Chiesa

La ferita mortale di questa civiltà

Due interessanti video di don Centofanti

Leggi tutto

Storie

L’isola gallese dai cieli più bui d’Europa

Il primo sito europeo a guadagnarsi la certificazione di International Dark Sky Sanctuary rilasciata dalla International Dark-Sky Association è la piccola isola Ynys Enlli, al largo della costa nord-occidentale del Galles

Leggi tutto

Chiesa

A Baghdad cattolici e sciiti insieme per un futuro di pace

Una lettera di Papa Francesco è stata consegnata al Grande Ayatollah Al Sistani in occasione del convegno “Cattolici e sciiti davanti al futuro. Globalizzazione dell’amore contro quella dell’indifferenza” organizzato in Iraq dalla Comunità di Sant’Egidio e dall’Istituto Al-Khoei di Najaf

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano