{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Manila, Chiesa e giovani

Storie

di Nathan Algren

Manila, Chiesa e giovani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Una esperienza che mi ha aiutato a “capire e imparare” l’importanza della pastorale giovanile nella Chiesa, prendere decisioni “sagge” sulla vita, la guida, l’accompagnamento e il discernimento, umano e cristiano nello specifico, come nel caso del matrimonio o della vita consacrata. Le parole di Maria Lea Lee, una delle centinaia di giovani partecipanti, delineano l’importanza della tre giorni di conferenza nelle Filippine conclusa oggi. “Ho colto - racconta la ragazza - il valore dell’unicità della vita, determinare il mio posto e il mio ruolo all’interno della comunità e a lavorare per ottenere i risultati desiderati”.

L’International Conference on Youth Ministry si è svolta dal 13 al 15 aprile all’Università di Manila, a Quezon City, ateneo guidato dai gesuiti fra i più prestigiosi delle Filippine. L’evento, promosso e organizzato dalla Loyola School of Theology e dalla Don Bosco School of Theology, ha riunito oltre 700 partecipanti provenienti da 30 nazioni nel mondo, dall’Asia all’Europa. I presenti hanno potuto approfondire, riflettere e analizzare il rapporto fra la Chiesa e i giovani, il valore della pastorale e le vie attraverso le quali laici e gerarchia ecclesiastica possono servirli al meglio. Uno dei messaggi che hanno caratterizzato l’evento, infatti, è stato quello di “accompagnare i ragazzi nel loro percorso di maturazione nella fede e missione nella società moderna”.

P. Enrico C. Eusebio Jr, un gesuita, spiega che l’intero programma era finalizzato ad “animare, guidare e sostenere” i giovani, per “accompagnarli nei loro viaggi di fede” e nei diversi “contesti di vita”. Il sacerdote, presidente della conferenza e della stessa Loyola School of Theology, ricorda che come per i genitori, anche la Chiesa “si impegna ad accompagnarli verso la maturità della fede e la realizzazione della loro missione” con “compassione, impegno e cura”. I giovani, prosegue, “sono chiamati a rendere il loro servizio attraverso il tempo, il talento e tesori” di cui dispongono per il “bene comune” in ogni fase e in ogni loro scelta, dal matrimonio alla vita consacrata, come sacerdoti o suore, come laici o religiosi.

Jayeel Serrano Cornelio, decano della Manila University, definisce la conferenza una opportunità per “dialogare” con quanti hanno a cuore il mondo giovanile. Il ministero a loro dedicato, avverte, è uno “sforzo in chiave di evangelizzazione” fatto per “guidarli nella pienezza della vita in Gesù e perché possano essere protagonisti dinamici” della loro vita e nel loro ambiente. La “tre giorni di studio” si è quindi concentrata sulla visione, i principi e le pratiche della Chiesa, interventi in ottica plenaria e 20 gruppi di lavoro su vari argomenti e tematiche del mondo giovanile.

Presenti esperti e professionisti del settore provenienti da Filippine, Indonesia, India, Vietnam, Stati Uniti, Francia, Croazia e Italia fra gli altri che, attraverso eventi e iniziative culturali, hanno mostrato la ricchezza e la diversità delle Chiese e delle popolazioni dell’Asia, del Pacifico e oltre.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/04/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Hadjadj: non scegliete il male minore

L’Italia è chiamata al referendum su una riforma costituzionale molto pervasiva; la Francia
vede prepararsi le elezioni con i cattolici che propendono (come avviene anche nel Belpaese) per il
centrodestra, diviso oggi tra liberalconservatori e nazionalisti duri e puri. Il filosofo Fabrice Hadjadj,
intervistato da Famille Chrétienne, invita a «tracciare un sentiero nel mezzo di Mordor»

Leggi tutto

Società

INDIPENDENZA NON E’ AUTODETERMINAZIONE

La Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti è fondamentale per tre regioni: cita esplicitamente “Dio” e non in termini rituali, richiama con chiarezza la “Legge di Natura” ed è dunque un Carta giusnaturalista, infine indica come primo diritto quello alla Vita, cui consegue il diritto alla Libertà (e sì, come dicevamo, quello molto american-mucciniano alla “ricerca della felicità”). Queste premesse fanno sì che ancora oggi, duecentoquarantuno anni dopo quel 4 luglio 1776, le banconote dei dollari americani contengano un esplicito riferimento alla fede (“In God we trust”) e qualsiasi presidente americano, di qualsiasi colore politico, non possa concludere un suo discorso pubblico senza invocare la benedizione divina sul proprio paese: God bless America.

Leggi tutto

Media

Il manuale d’imperfezione e resistenza firmato Costanza Miriano

Spiritualità nell’era del web, comunione dei santi all’età della connessione perpetua, digiuno e preghiera. I temi dell’ennesimo libro della giornalista perugina cadono sul mercato come una doccia nel deserto, raccogliendo i lettori in quella grande famiglia che l’autrice stessa chiama “compagnia dell’Agnello”

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Chiesa

Il mercoledì delle Ceneri

Concluso il carnevale con festeggiamenti in modo minore causa covid, da oggi inizia il tempo di Quaresima con il mercoledì delle Ceneri. Andiamo a rivisitare la storia di questo giorno che avvia un periodo di conversione di 40 giorni sino alla grande festa della Pasqua.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano