Media

di Roberto Signori

Lotti di acqua minerale richiamati dal Ministero della Salute

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il Ministero della Salute ha richiamato dagli scaffali tutti i lotti dell’acqua minerale Primia a causa di rischio chimico. Il prodotto in questione è venduto sia in bottiglie da mezzo litro (commercializzate singolarmente e in confezioni da otto pezzi) che in bottiglie da un litro e mezzo (commercializzate singolarmente e in confezioni da sei pezzi). L’avviso di richiamo del 17 aprile, ma pubblicato il 19 aprile, è visibile sul sito ufficiale del Ministero. I consumatori sono invitati a non bere l’acqua minerale in questione a causa di “Analisi Chimiche non Conformi”. L’azienda che produce l’acqua Primia è la Pian della Mussa srl per Agorà Network Scarl.

Il richiamo da parte del Ministero della Salute precede quello diramato alcuni giorni fa dalle catene di supermercati Iperal, Tigros e Basko. Nel caso in questione, l’avvertimento riguardava solo un lotto dell’acqua minerale: il numero L066 con Tmc 03/2025. Il motivo era lo stesso: la non conformità delle analisi chimiche.

L’allarme, tuttavia, riguarda adesso tutte le confezioni messe in commercio dell’acqua minerale Primia. Il Ministero della Salute consiglia ai possibili acquirenti la non consumazione del prodotto, ma di restituire le bottiglie e/o le confezioni al punto vendita per la sostituzione.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/04/2023
0206/2023
Ss. Marcellino e Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Migrazioni ed Europa

“Il mio lavoro? Trovare persone da portare in Italia”. A “Quarta Repubblica” parla un t rafficante di migranti che organizza i viaggi in mare verso l’Europa.

Leggi tutto

Storie

Salmone affumicato ritirato dal mercato per Listeria

Alcuni lotti di salmone affumicato sono stati ritirati dal mercato per presenza di Listeria. Il Minsitero della Salute ha rilasciato oggi una nota ufficiale.

Leggi tutto

Storie

Allarme salmonella, le confezioni di salame ritirate

Il ministero della Salute ha diramato sul proprio sito un avviso di richiamo di prodotti alimentari a causa dell’elevato rischio di contaminazione microbiologica da salmonella: ecco perché il dicastero ha invitato chiunque sia in possesso di un prodotto proveniente dallo specifico lotto per cui è stato lanciato l’alert a riportarlo al medesimo punto di vendita presso il quale è avvenuto l’acquisto.

Leggi tutto

Storie

Volley - “Tu discriminata perché nera, io perché grassa, mi dimetto”

Un’arbitra di serie B di pallavolo, Martina Scavelli, ha annunciato su Facebook di essersi dimessa perché stanca di essere discriminata per il sovrappeso. In particolare, nel messaggio social la donna, che vive a Catanzaro, si rivolge alla giocatrice di pallavolo Paola Egonu, dicendole: “Tu sei nera, io sono grassa! Per questo motivo stamattina ho comunicato le dimissioni dal ruolo di arbitro di serie B alla Fipav (Federazione Italiana Pallavolo). Non sopporto più di essere misurata e pesata come si fa con le vacche!”.

Leggi tutto

Società

Ex-dirigente di TikTok: Pechino accede a tutti i dati

L’ex responsabile dello sviluppo ingegneristico di ByteDancen negli Stati Uniti ha intentato una causa contro la società. Nella denuncia TikTok è accusata di aver rubato contenuti da altre piattaforme e di censura. Su Douyin, la versione cinese, l’algoritmo promuove contenuti anti-giapponesi e le critiche alle proteste di Hong Kong. L’attività di lobbying dell’azienda negli Stati Uniti e in Europa contro l’adozione di misure di regolamentazione

Leggi tutto

Società

Guarita e con due dosi,  la fanno scendere di notte dal treno

Nemmeno di fronte all’evidenza e all’eccezionalità del caso, nemmeno di fronte alla prospettiva di lasciare una ragazzetta da sola in stazione per tutta la notte i controllori hanno ritenuto di «lasciare correre». Anna è stata costretta a scendere e ad aspettare che la madre la venisse a prendere dalla Liguria, onde evitare di passare le ore che la separavano dall’arrivo del prossimo treno, la mattina successiva, in balia di sbandati ed irregolari in una angusta stazione ferroviaria italiana.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano