Società

di Nathan Algren

Oman - Via libera ai matrimoni con stranieri

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Gli abitanti dell’Oman non dovranno più richiedere il permesso dello Stato per sposare un cittadino straniero. La “rivoluzione”, raro esempio di apertura nelle dinamiche sociali in una nazione del Golfo di impronta conservatrice nei costumi, è stata introdotta in questi giorni in seguito a un decreto reale emesso dai vertici del Sultanato. Un cambiamento che si inserisce nel solco delle aperture volute dal leader Haitham bin Tariq al-Said che, da quando ha assunto il potere nel 2020 dopo i 50 anni di regno del defunto predecessore Qaboos, ha intrapreso riforme troppo a lungo ritardate per migliorare la stabilità fiscale e attirare investimenti stranieri.

Secondo i media del Paese, sotto stretto controllo governativo in una realtà in cui il governo tende a reprimere il dissenso, in precedenza i cittadini dell’Oman dovevano soddisfare determinate condizioni per sposare uno straniero, fra le quali una soglia minima di età. In passato i matrimoni non autorizzati sono stati sanzionati con multe e annullamenti. Il decreto 23/2023 a firma del sultano annulla la precedente legge del 1993 che assegnava al ministero degli Interni il compito e l’autorità per “approvare” le unioni con immigrati o persone prive della cittadinanza.

Interpellato da Reuters e dal quotidiano omanita Shabiba l’avvocato ed esperto di questioni civili Salah al-Maqbali sottolinea che “i fatti e le circostanze della vita sono cambiati”, così come “la situazione economica si è modificata” rispetto ai tempi in cui è stata introdotta la legge del 1993. Il nuovo decreto specifica che le nozze non devono violare la sharia, la legge islamica, l’ordine pubblico o altre disposizioni che limitano le nozze con stranieri per i titolari di ruoli o di particolari mansioni in ambito governativo. Per il resto, conclude il legale, “i matrimoni ritenuti fuorilegge in passato ora possono essere legalizzati” anche se tutti i punti della riforma saranno chiariti una volta pubblicato il testo completo del decreto.

Il Sultanato dell’Oman è situato nella parte sud-orientale della regione ed è diviso in 11 governatorati e 61 province. La popolazione è di circa 3,8 milioni di persone (poco più della metà cittadini), in prevalenza arabi e una significativa percentuale di lavoratori stranieri provenienti da altri Paesi del Medio oriente, Filippine, India e Pakistan. Come molte nazioni dell’area ha una economia fondata sugli idrocarburi, soprattutto gas naturale, unito al settore del turismo. Le riforme di recente introduzione, con la riduzione del debito al 40% del Pil lo scorso anno (era il 60% nel 2021), hanno spinto l’agenzia di rating S&P a rivedere le prospettive “da stabili a positive”.

L’islam è religione di Stato e la sharia la principale fonte del diritto, ma viene affermato anche il principio della libertà religiosa e il divieto di discriminazioni a sfondo confessionale. L’86% degli omaniti è di fede musulmana, i cristiani rappresentano il 6,5% della popolazione pari a circa 300mila persone. Il 70% circa è cattolico, il 13% ortodosso e il 6% protestante; il rimanente 11% è formato da gruppi indipendenti o piccole comunità. I fedeli sono quasi esclusivamente migranti economici provenienti da altre nazioni dell’Asia, in particolare dalle Filippine e dall’India, e vivono nei grandi centri urbani, dalla capitale Mascate a Sohar e Salalah.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

21/04/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

La proposta di Costanza Miriano: separiamoci tutti

La protesta della scrittrice contro il ddl Cirinnà è una idea tutta da leggere, paradossale ma non troppo: un motivo in più per essere in piazza il 20 giugno

Leggi tutto

Politica

Ucraina e matrimonio

Ora Zelensky ha 10 giorni per rispondere.

Leggi tutto

Società

Se un single adotta una down

La notizia impazza sulle pagine dei giornali come prodromica dell’annunciata e formidabile riforma Boschi sulle adozioni (nella quale, comunque, potranno continuare ad adottare «anche le
famiglie tradizionali» – sic!). La sola crudele certezza, invece, è che abbiamo costruito un sostrato sociale in cui otto coppie possono abbandonare una neonata solo perché affetta da trisomia 21

Leggi tutto

Storie

ASIA - Sposi con fede diversa

Il matrimonio interreligioso è una realtà complessa ed è un fenomeno crescente in Asia

Leggi tutto

Storie

Madre promette in sposa la figlia di 12 anni

È stata promessa sposa a soli 12 anni dalla madre, ma il padre ha scoperto tutto e ha denunciato l’ex moglie. Il tutto è accaduto in Italia, a Lecce. La bambina avrebbe dovuto sposare un pakistano di 22 anni residente in Germania. La procura dei minori di Lecce ha chiesto e ottenuto dal tribunale la sospensione della potestà genitoriale per la donna che aveva promesso in sposa la figlia 12enne.

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - Ragazze obbligate al matrimonio precoce

E’ un dato drammatico quello diffuso dall’Unicef ​nelle scorse settimane, che indica come circa il 51% delle ragazze sotto i 18 anni in Bangladesh è obbligato al matrimonio precoce. A causa di una pratica culturale, che tocca quindi donne di diverse religioni, la nazione ha la più alta incidenza di matrimoni precoci nell’Asia meridionale, con circa 34,5 milioni di ragazze sposate prima dei 18 anni e oltre 13 milioni sposate prima dei 15 anni, afferma il rapporto dell’Unicef

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano