{if 0 != 1 AND 0 != 7 AND 0 != 8 AND 'n' == 'n'} Il Papa riceve in udienza il primo ministro dell’Ucraina Denys Shmyhal

Politica

di Tommaso Ciccotti

Il Papa riceve in udienza il primo ministro dell’Ucraina Denys Shmyhal

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quando i missili russi si sono abbattuti negli ultimi giorni di febbraio e i primi di marzo dello scorso anno su Borodjanka, a nord dell’Ucraina, tra le macerie di un condominio devastato era rimasto in piedi solo un armadio con sopra un galletto di ceramica. Completamente intatto. Il soprammobile è diventato subito un simbolo per l’Ucraina: simbolo di resistenza, simbolo di un popolo che rimane in piedi nonostante il dramma della guerra. Una riproduzione del “galletto” nella forma di una caraffa è stata consegnata oggi a Papa Francesco dal primo ministro ucraino, Denys Shmyhal, ricevuto questa mattina, 27 aprile, in udienza nel Palazzo Apostolico.

Il colloquio privato con il Pontefice nella Biblioteca Apostolica è durato circa mezz’ora, dalle 9.20 alle 9.50, e Shmyhal - come ha rivelato lui stesso in una successiva conferenza alla sede della Stampa Estera di Roma - ha ribadito al Papa l’invito a visitare la capitale Kyiv e gli ha chiesto aiuto per il ritorno dei bambini deportati con la forza in Russia. “Nell’incontro avuto oggi con il Papa in Vaticano abbiamo parlato della formula di pace e del possibile aiuto di Sua Santità e del Vaticano nel raggiungimento di tutti i passi del piano di pace del presidente Zelensky”, ha detto. “Ho chiesto anche a Sua Santità l’aiuto nel ritorno a casa degli ucraini e dei bambini ucraini che sono detenuti, arrestati, deportati in Russia forzatamente. Inoltre ho invitato il Santo Padre a venire a visitare personalmente il nostro Paese”.

In Vaticano Shmyhal - che ieri ha incontrato il presidente del Consiglio, Giorgia Meloni - dopo il dialogo con Francesco, si è trasferito in Segreteria di Stato per il colloquio con il cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin, e il segretario per i Rapporti con gli Stati e le Organizzazioni Internazionali, monsignor Paul Richard Gallagher. “Cordiali colloqui”, riferisce una nota della Sala Stampa vaticana, durante i quali sono stati trattati “diversi argomenti che riguardano la vita e l’attività delle Chiese nel Paese” e, naturalmente, “sono state evidenziate le varie questioni collegate alla guerra in Ucraina, riservando una particolare attenzione all’aspetto umanitario e agli sforzi per ristabilire la pace”

.La stessa pace simboleggiata dal dono che il Papa ha fatto al primo ministro ucraino: una fusione in bronzo di un fiore che nasce con la scritta “La pace è un fiore fragile”. Francesco ha consegnato pure il Messaggio per la Giornata mondiale della Pace 2023, il Documento sulla Fratellanza Umana siglato ad Abu Dhabi e il libro sulla Statio Orbis del 27 marzo 2020, a cura della LEV. In dono anche il volume “Un’Enciclica sulla pace in Ucraina”. Shmyhal ha ricambiato con il già citato gallo in ceramica e un libro di foto sulla guerra in corso e la resistenza del popolo ucraino. Da parte del premier del Paese aggredito anche delle spighe di grano dall’Ucraina. Anch’esse un simbolo: il simbolo dell’accordo internazionale, siglato nel luglio 2022, per permettere il passaggio in sicurezza di navi che trasportano i cereali ucraini attraverso il mar Nero.

Accordo che però rischia di concludersi la prossima settimana, dopo che la Russia ha dichiarato che non approverà nessuna nuova nave a meno che i loro operatori non garantiscano che i transiti saranno effettuati entro il 18 maggio. Sulla questione, Shmyhal ha detto di aver chiesto all’Italia e alla Santa Sede - che aveva dato il suo sostegno all’intesa - un aiuto perché possa sostenere questi “corridoi della solidarietà”, evitando il blocco dell’export del grano ucraino. “Stiamo aspettando il sostegno di tutti i partner, per creare una pressione appropriata in modo che la Russia proroghi il lavoro del corridoio del grano senza ulteriori ostacoli anche dopo il 18 maggio e non blocchi l’esportazione di grano ucraino, come sta accadendo ora purtroppo. Certo, ho chiesto sia alla leadership italiana che alla Santa Sede di aiutare l’Ucraina a continuare a far funzionare il corridoio senza ostacoli, e in generale, a liberare l’esportazione di grano ucraino dalle limitazioni deliberatamente create dalla Russia”. Interpellato dai giornalisti alla Stampa Estera, il premier ha commentato positivamente il colloquio telefonico avvenuto ieri tra il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, e l’omologo cinese, Xi Jinping: un dialogo “fruttuoso e importante” che “apre una nuova fase nei nostri rapporti”, ha affermato. Mentre ha parlato di “atmosfera promettente” in merito alla Conferenza bilaterale sulla ricostruzione che si è svolta ieri 26 aprile a Roma: “Abbiamo firmato sei memorandum nel campo di ecologia, industria, logistica, settore energetico; due memorandum sono stati firmati dalle regioni dell’Ucraina e dell’Italia e questo dimostra lo stabilimento dei rapporti diretti tra le nostre comunità e i cittadini”, ha detto, illustrando i risultati dei lavori. “Per le imprese italiane abbiamo tracciato le direzioni chiave per la nostra veloce ricostruzione cosicché le aziende italiane sanno quando e cosa aspettarsi per poi venire in Ucraina”. Si parla di rinnovo della capacità energetica; bonifica dei terreni minati; restauro delle abitazioni delle persone (quelle non completamente distrutte, ma solo danneggiate); ripristino delle infrastrutture critiche e anche della capacità economica nel campo di piccole e media imprese. “Il business italiano ha dimostrato l’interesse straordinario a partecipare alla ricostruzione dell’Ucraina. In questo processo di ricostruzione il nostro principio è di essere uniti nella difesa, uniti nella ricostruzione per dare il segnale che, con i partner con i quali oggi siamo su questa strada, continueremo ad andare avanti”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

28/04/2023
2002/2024
San Zefirino

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Wojtyla, il Papa della famiglia

Antologia del magistero di San Giovanni Paolo II sui temi della famiglia, a dieci anni dalla morte

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa ringrazia per don Milani

Il vero motivo del viaggio a Barbiana, dalle parole stesse del Pontefice, è quello di dare finalmente una risposta alla richiesta di don Milani al suo vescovo, cui chiedeva «un qualsiasi atto solenne», perché altrimenti il suo apostolato sarebbe «apparso come un fatto privato». Sì, concede il Papa, dal Cardinale Silvano Piovanelli in poi, gli arcivescovi di Firenze hanno dato riconoscimento a don Lorenzo ma, ieri, lui lo ha fatto come vescovo di Roma e, questo, «non cancella le amarezze che hanno accompagnato la vita di don Milani – non si tratta di cancellare la storia o di negarla, bensì di comprenderne circostanze e umanità in gioco –, ma dice che la Chiesa riconosce in quella vita un modo esemplare di servire il Vangelo, i poveri e la Chiesa stessa».

Leggi tutto

Storie

Papa Francesco: da Gesù arriva la chiamata a cercare l’unità

All’udienza generale in Aula Paolo VI il Papa richiama i cristiani all’unità, a non creare separazioni e differenze sociali. Catechesi sulla Lettera ai Galati - 8. Siamo figli di Dio

Leggi tutto

Chiesa

DA SANT’AUREA, IL CARDINALE OSTIENSE: “IL BENE ANCHE AL DI LÀ DELLE NOSTRE PARROCCHIE”

Giovanni Battista Re, decano dei cardinali della curia romana e titolare della Cattedrale di Ostia “Sant’Aurea” apre il ‘teatro’, benedice il palio e invita a un bene che apre all’altro senza compromessi

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: rafforzare la logica della solidarietà”

Nel messaggio inviato al direttore generale della Fao, Qu Dongyu, in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione di domani, Papa Francesco afferma che “sconfiggere la fame una volta per tutte” è “una delle sfide più grandi dell’umanità” ed è “una meta ambiziosa”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il Natale in pandemia

Ricevendo in Vaticano i partecipanti e gli organizzatori del “Christmas Contest”, concorso canoro rivolto ai giovani,  Papa Francesco ricorda che la nascita di Cristo è “la festa della compassione” e della “tenerezza” e che sono i piccoli gesti a generare “dinamiche culturali, sociali ed educative”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano