Politica

di Mario Adinolfi

PERCHÉ VOLERE BENE AL POPOLO DELLA FAMIGLIA

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Quando nacque il Popolo della Famiglia, alle soglie della primavera del 2016, fummo accolti da quello che eufemisticamente potremmo chiamare “scetticismo”. C’erano da fare le liste in tutte le grandi città e venivamo dati per morti in culla: “Non ce la possono fare: troppe firme da raccogliere in troppo poco tempo”. E invece i gruppi fecero ovunque il miracolo: da Torino a Napoli, da Roma a Cagliari presentammo ovunque i candidati sindaci pidieffini e con essi per la prima volta il nostro simbolo. Il 14 e 15 maggio 2023 si voterà per un’altra tornata amministrativa e ancora una volta protagonisti saranno i candidati sindaci pidieffini nella più popolosa città del Piemonte che va al voto (Ivrea) e in quella veneta (Treviso), con i nostri dirigenti storici Carlo Bravi e Luigino Rancan, con le squadre locali coordinate da donne di valore come Cristina Zaccanti e Carla Condurso.

Non si può non volere bene alla tenacia pidieffina. In un panorama politico in cui tutti hanno sbracato, in cui in Veneto il buon Luca Zaia fa votare le mozioni di Cappato a favore di suicidio assistito e eutanasia dopo aver finanziato siti sanitari pubblici per il cambio di genere sessuale, in cui in Parlamento non c’è stato un solo gruppo politico che abbia trovato il coraggio di votare contro la mozione del Pd sul presunto “diritto all’aborto”, è rimasto solo il PdF a costituire presidio sui principi non negoziabili. Abbiamo inventato e trascritto in proposta di legge l’idea del reddito di maternità, l’abbiamo corredata di oltre cinquantamila firme e consegnata al Parlamento, ce la siamo fatta copiare dalla Meloni senza gridare al furto quando ci fece sopra la campagna elettorale per le europee 2019 (però poi, come spesso capita, se ne è dimenticata), abbiamo manifestato contro le idee di Cappato che incarnano la cultura della morte davanti ai tribunali italiani e fin sulle scale della Corte di Cassazione mentre cercava di piazzare l’imbroglio dei referendum sull’eutanasia e sulle droghe, abbiamo rappresentato il baluardo contro il ddl Zan quando sembrava inevitabile la sua approvazione e nessuno voleva mettere la faccia contro la violenza liberticida di quella norma e della lobby Lgbt, abbiamo accettato il confronto mediatico trattati come malsopportata minoranza cui tendere agguati televisivi uscendone con dignità e talvolta tra gli applausi, abbiamo lottato in piazza con le nostre bandiere contro lo Stato che voleva umiliare la persona e lederla nei suoi diritti fondamentali, oggi in ogni nostra iniziativa pubblica dobbiamo essere protetti da polizia e carabinieri, anche se vogliamo semplicemente presentare un libro. Perché si conoscono ormai perfettamente le nostre idee e Popolo della Famiglia è diventato un marchio inequivocabile di nettezza della testimonianza. Abbiamo difeso la Chiesa, il Papa, i sacerdoti, le suore, i presepi a scuola e i crocifissi nelle aule, la fede di molti noi per difendere la libertà di tutti e dare alla parola laicità un significato vero, più profondo di quello dell’equiparazione con l’ateismo.

Per questa battaglia perenne, costosissima, faticosissima, abbiamo ottenuto qualcosa in cambio? No. Nessuna poltrona di rilievo e infatti quelli che s’erano imbarcati con noi con la speranza che la politica facesse loro sbarcare il lunario sono scesi rapidamente dalla nave, nel 2018 e nel 2022. Certo non abbiamo ottenuto il consenso delle masse, oscilliamo tra i cento e i duecentomila simpatizzanti mettendo insieme i risultati delle due elezioni politiche, delle europee e di tutte le elezioni locali che in questi sette anni abbiamo affrontato con il coordinamento sempre solido e preciso di Nicola Di Matteo. Bisognerebbe almeno quadruplicare quel livello di consenso e sono certo che già dalle amministrative del 14 e 15 maggio trarremo qualche buona indicazione di crescita. Ma alla fine non è questo che conta. Conta che la ormai proverbiale tenacia pidieffina abbia tenuta accesa la fiammella. Abbiamo ottenuto, con la nostra determinazione, che nel terreno decisivo della politica l’avanzata di un pensiero unico avaloriale, profondamente anticristiano, contro la vita e contro la famiglia naturale, non possa avvenire senza la resistenza di un gruppo che si oppone.

Quel gruppo siamo noi e sappiamo che, alla fine, persino negli avversari che quotidianamente ci insultano, la serietà con cui svolgiamo il nostro ruolo storicamente legittimato e necessario non può che suscitare rispetto. E, tutto sommato, un po’ di simpatia.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

08/05/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Con pazienza e costanza

Il lavoro di costruzione del soggetto politico del Popolo della Famiglia prosegue

Leggi tutto

Politica

I traguardi e gli obiettivi

Conclusa questa fase e la necessaria pausa estiva, a settembre una nuova assemblea nazionale di tutti gli iscritti al Popolo della Famiglia determinerà le decisioni che riguarderanno il traguardo elettorale del marzo 2018, quando superando lo sbarramento del 3% grazie al fatto che si potrà votare Pdf non in 35 comuni ma in tutti gli oltre ottomila comuni d’Italia, i “quattro gatti” (come sprezzantemente alcuni ci definivano) già trasformatisi in centomila gatti nei citati 35 comuni, diventeranno almeno un milione di gatti in tutta Italia. Chi ha paura del fatto che il Popolo della Famiglia raggiunga il suo obiettivo e possa con decine di parlamentari bloccare davvero ogni ulteriore legge contro la vita e contro la famiglia naturale, proponendo invece la straordinaria rivoluzione del reddito di maternità, del quoziente familiare, del diritto universale a nascere e ad essere curati, contrapposto al terribile nichilismo mortifero dei falsi diritti all’aborto e all’eutanasia? Perché considerare un male il Pdf, battersi con tutte le forze contro di esso, se si dice di condividerne le stesse ragioni ideali? Mistero misterioso. O forse neanche tanto, le miserie umane di chi si era promesso a questo o a quel partito con addosso la maglietta del Family Day appartengono all’inevitabile. Rafforzano la nostra determinazione, sappiamo di dover combattere censure e danni procurati di ogni tipo, così chi si mette in battaglia al nostro fianco arriva preparato e ben presto si corazza. E rivolge ai cecchini del fuoco amico la domanda fatidica: ci sparate addosso per conto di chi, l’alternativa al Popolo della Famiglia qual è, una legislatura come quella appena passata? La proposta unitaria rimane per noi sul tavolo: ritroviamoci tutti nel Popolo della Famiglia, che ha porte aperte e finestre spalancate, ha memoria utilmente corta se serve e non serba rancore. Uniti potremmo davvero strappare l’Italia alla cultura di morte che la ghermisce. Tutti iscritti al Pdf, facciamo la storia, come è scritto sulla nostra tessera 2017. Facciamola insieme, si può sul serio.
Noi comunque proseguiamo per la nostra strada, pregando e agendo. Che lo sguardo benevolo di Maria Vergine protegga tutti noi, che Dio benedica l’Italia, che Dio benedica il Popolo della Famiglia.

Leggi tutto

Politica

La 5 ragioni per votate PDF a Roma X (e non solo)

Ci sono cinque ragioni fondamentali per votare domenica per il Popolo della Famiglia, facendo una croce sul nostro bellissimo simbolo e vado ad elencarle. Mutatis mutandis, sono ragioni valide non solo al municipio Roma X, ma credo valide per motivare il voto al Pdf in ogni contrada d’Italia anche alle prossime politiche.

Leggi tutto

Politica

Cosa accade realmente nel Popolo della Famiglia

Mario Adinolfi traccia un’analisi degli avvenimenti che hanno contraddistinto la settimana del PDF.

Leggi tutto

Società

Parla Hadjadj: «La società del comfort totale è suicidaria»

Il problema sta nel clima spirituale della nostra epoca, intessuto di un superbo efficientismo.

Leggi tutto

Società

LA LOBBY PIÙ VIOLENTA DEL MONDO

Solo chi ha figli sa il trauma che l’allontanamento neonatale dalla mamma comporta. Ma che problema c’è, basta chiamarla “partoriente” e farla sparire dalla foto, poi costruire la narrazione dei “due papà” e del tabù rotto. Noi continueremo in maniera estenuante a batterci affinché questo orrore violento nei confronti dei bambini e delle madri in Italia non possa essere mai perpetrato.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano