Chiesa

di Raffaele Dicembrino

Il Papa e la famiglia

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La famiglia è il principale antidoto alla povertà, materiale e spirituale, e anche al problema dell’inverno demografico”. Lo scrive Papa Francesco nel tweet di questa mattina sull’account Pontifex, in occasione della Giornata Internazionale della famiglia 2023, istituita dalle Nazioni Unite nel 1989 e celebrata la prima volta nel 1993, alla vigilia dell’Anno Internazionale della Famiglia del 1994. “È necessario - scrive ancora il Papa - che in tutti i Paesi siano promosse politiche sociali, economiche e culturali ‘amiche della famiglia’ e dell’accoglienza della vita”.

Il tema scelto dall’Onu per questa Giornata 2023 è infatti “Tendenze demografiche e famiglie”. Come ha rimarcato lo stesso Francesco, intervenendo venerdì mattina 12 maggio alla terza edizione degli Stati Generali della Natalità, promossa dal Forum delle Associazioni familiari, in Italia nel 2022 ci sono stati “appena 393 mila” nuovi nati. E’ il dato più basso dall’Unità d’Italia, per la prima volta sotto le 400 mila nascite in un anno.

In quell’occasione, il Pontefice ha espresso la sua preoccupazione per il calo demografico che caratterizza tutta l’Europa, perché “la nascita dei figli è l’indicatore principale della speranza di un popolo”. La stessa preoccupazione Papa Francesco l’ha manifestata per la cultura di oggi, “nemica” della famiglia, che ha esortato a contrastare mettendo al mondo nuove vite. Superando anche, ha spiegato, quei “condizionamenti quasi insormontabili per le donne”: le “più danneggiate” e “schiave di questo lavoro selettivo”. Per questo “occorrono politiche lungimiranti”, che predispongano un terreno fertile “per far fiorire una nuova primavera e lasciarci alle spalle questo inverno demografico”. E ha raccomandato di non contrapporre mai “natalità e accoglienza”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/05/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Papa Francesco ai musicisti: date voce al vostro cuore con l’arte

Papa Francesco ha ricevuto in udienza i partecipanti al Christmas Contest, un concorso artistico per giovani che scrivono brani inediti ispirati ai valori del Natale: “La musica - ha detto il Pontefice - non ci parla solo di noi, ma anche della ricerca di Dio, e talvolta di Dio stesso”

Leggi tutto

Chiesa

Sinodo, i testi di San Basilio

Durante il suo discorso in apertura della prima Congregazione generale dell’assise sulla sinodalità, il Papa ha fatto distribuire una antologia di testi patristici sul tema dello Spirito Santo

Leggi tutto

Chiesa

Il Papa: in noi è impressa l’immagine di Dio

Cittadini responsabili che contribuiscono alla società, impegnandosi per il bene comune, ma consapevoli che tutto appartiene al Signore: così la vita dei cristiani. Lo ricorda Papa Francesco all’Angelus di questa domenica in cui la liturgia ripropone le parole di Gesù: “Rendete a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio”.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: troppe guerre e sofferenze, Dio porti a una pace giusta

Dopo la catechesi dell’udienza generale, Francesco rinnova la sua esortazione a pregare per i popoli che patiscono per i vari conflitti, ricordando in particolare la martoriata Ucraina e israeliani e palestines

Leggi tutto

Chiesa

Catechesi. La passione per l’evangelizzazione: lo zelo apostolico del credente.

L’udienza generale di Papa Francesco

Leggi tutto

Politica

VALDITARA E CONCIA, SUPERARE LA SUBALTERNITÀ

Sono stato il primo a porre a nome del Popolo della Famiglia la questione della nomina di Paola Concia contestandola al ministro Valditara già giovedì sera, poche ore dopo che era stata comunicata, l’ho fatto in tv a Piazza Pulita su La7. Il dialogo con il conduttore Corrado Formigli è stato esemplificativo. Il tema era il consueto “patriarcato” ed ero stato interrogato sul valore politico di ciò che stava avvenendo, visto che la destra era al governo. Io ho risposto citando la nomina della Concia e spiegando la mia contrarietà, che serviva anche a dimostrare i complessi culturali di cui questa destra soffre, intellettualmente subalterna nei confronti della sinistra. Formigli, tra i più intelligenti ma anche faziosi giornalisti di sinistra del panorama televisivo, subito mi incalzava dicendo che la mia contrarietà era dovuta al fatto che Paola Concia “è omosessuale”. Insomma, l’accusa era chiara anche se celata: sei omofobo.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano