Chiesa

di Nathan Algren

Le missionarie di Maria a Manila

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

ffrire una “seconda possibilità” a migliaia di giovani che hanno già sperimentato problemi con la giustizia nei quartieri più poveri di Manila. È l’obiettivo del Second Chance Program (SCP), un progetto promosso nelle Filippine dalla congregazione religiosa della Missionarie di Maria che in questi giorni ha festeggiato i suoi vent’anni insieme a tanti ragazzi e ragazze che – usciti dal carcere o da situazioni difficili – hanno trovato in questa realtà una possibilità di riscatto.

L’idea è cresciuta nell’ambito dell’Association of Compassion Asian Youth (ACAY), nata nel 1997 da un’idea di sr. Sophie de Jésus e di altre tre consorelle (sr. Laetitia Gorczyca, sr. Rachel Myriam Luxford e sr. Edith Fabian). Dentro questo alveo sono nati due importanti programmi: al School of Life pensata per le ragazze e – appunto – il Second Chance Program, che ha aperto i battenti nel 2002 per i ragazzi appena usciti dal carcere.

“Quando siamo arrivate nelle Filippine nel 1997 - racconta sr. Edith Fabian – ci siamo accorte che molti progetti si concentravano sui bambini, ma pochi offrivano invece risposte agli adolescenti e ai giovani in difficoltà. L’idea è stata così quella di aprire una ‘Casa della gioventù’, dove i ragazzi più problematici avrebbero potuto crescere e diventare cittadini responsabili, rispettosi e propensi ad aiutare il prossimo”.

Il nome del programma è nato dalla convinzione delle missionarie che le “seconde opportunità” esistono, e che occorre sempre promuovere speranza: i ragazzi che si sono formati nell’ACAY ne sono la testimonianza vivente. L’anniversario per i vent’anni dell’SCP è stato un momento significativo attraverso il quale si è riconosciuta l’importanza del progetto, contribuendo al loro coinvolgimento nella vita comunitaria. “Quest’anno rinnoviamo il nostro credo nelle seconde possibilità, sia per chi fruisce delle attività del progetto, sia per chi ci lavora”, ha detto Marlou Simangon-Dumao, manager dell’SCP.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/05/2023
2502/2024
San Tarasio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Perdono, genocidio e misericordia

San Giovanni Paolo II, più volte, aveva parlato prima delle tensioni nel paese e, fin dall’Aprile del 1994, non mancò di appellarsi al ritorno della pace: «Le tragiche notizie che giungono dal Ruanda suscitano nell’animo di tutti noi una grande sofferenza. Un nuovo indicibile dramma: l’assassinio dei capi di Stato di Ruanda e Burundi e del seguito; il capo del Governo ruandese e la sua famiglia trucidati; sacerdoti, religiosi e religiose uccisi. Ovunque odio, vendette, sangue fraterno versato. In nome di Cristo, vi supplico, deponete le armi, non rendete vano il prezzo della Redenzione, aprite il cuore all’imperativo di pace del Risorto! Rivolgo il mio appello a tutti i responsabili, anche della comunità internazionale, perché non desistano dal cercare ogni via che possa porre argine a tanta distruzione e morte» (Regina Coeli 10 Aprile 1994). Qualche settimana dopo, la voce del Papa si fa ancora più sofferente e vibrante: «Vi invito accoratamente, ad una preghiera sofferta e fervorosa per il Ruanda. La tragedia di quelle popolazioni sembra non voler arrestarsi: barbarie, vendette, uccisioni, sangue innocente versato, ovunque orrore e morte. Invito quanti detengono responsabilità ad una azione generosa ed efficace perché si arresti questo genocidio. È l’ora della fraternità! È l’ora della riconciliazione!» (Udienza Generale 27 aprile 1994).

Leggi tutto

Chiesa

Messori ci richiama al cristianesimo primario

Se ne sente davvero il bisogno in un tempo in cui, per usare la formula più che trentennale del filosofo svizzero Romano Amerio, dilaga il «cristianesimo secondario». Con questa espressione Amerio voleva indicare quel cristianesimo preoccupato più che altro di produrre opere terrene, tutto assorbito dall’impegno sociale e dall’edificazione della città dell’uomo. In buona sostanza, Amerio se la prendeva con quel cristianesimo “engagé” che sembra prefiggersi, come prima e unica preoccupazione, quella di perfezionare la natura umana lasciando da parte la trascurabile questione della salvezza eterna.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco incontra la diocesi di Roma

Papa - Parlando questa mattina in Aula Paolo VI alla diocesi di Roma, Papa Francesco ha rivolto un forte incoraggiamento a seguire la voce dello Spirito Santo che non conosce confini, ad ascoltare ciascun appartenente all’unico popolo di Dio e anche quanti vivono ai margini della comunità.

Leggi tutto

Chiesa

Quanta Ostia “sugli altari della “mensa” di Dio

Dalla Cattedrale della Basilica di Sant’Aurea fino alla chiesa di Regina Pacis e Santa Monica, nel Servizio presso l’altare: i “riti” della chiesa, Ostia in prima linea: servirli, capirli, crescerci.

Leggi tutto

Società

Benin - Conservare la memoria della Chiesa cattolica in Africa

Non si finirà mai di lodare l’opera dei catechisti in Africa”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco consacrerà Russia e Ucraina al Cuore Immacolato di Maria

L’atto avverrà il prossimo 25 Marzo durante la Celebrazione della Penitenza che Papa Francesco presiederà alle 17 nella Basilica di San Pietro.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano