Storie

di Nathan Algren

Iraq, attacchi al cardinale Sako.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Dopo una manifestazione di solidarietà di circa 200 cristiani nel centro di Baghdad, ora anche i governi di undici diversi Paesi europei si schierano a fianco al patriarca iracheno Louis Raphaël Sako. Il capo della Chiesa caldea, creato cardinale dal Papa nel 2018, è finito al centro di una dura campagna mediatica a seguito di alcune sue dichiarazioni critiche circa la rappresentanza politica della minoranza cristiana dell’Iraq. Più nel dettaglio, il patriarca Sako - e prima di lui i vescovi iracheni - aveva criticato il fatto che partiti politici di maggioranza occupassero i seggi riservati per legge in parlamento componenti minoritarie della popolazione, tra cui i cristiani.

La controversa questione aveva riacceso nelle scorse settimane scontri e polemiche nel Paese. In Iraq, ricorda l’agenzia Fides, la legge elettorale in vigore prevede che cinque seggi del parlamento siano riservati a candidati appartenenti alle comunità cristiane autoctone. Un modo per permettere alla componente cristiana di poter esprimere le proprie istanze nell’esercizio del potere legislativo. Tuttavia il voto per eleggere i candidati destinati a occupare i seggi riservati alle minoranze non è esercitato in via esclusiva da elettori cristiani. Anche i non cristiani possono votare; il rischio è che forze politiche maggioritarie possano pilotare le elezioni. Una questione, questa, già emersa in occasione delle elezioni politiche irachene del 2018, durante le quali, secondo diversi osservatori, forze politiche maggioritarie avrebbero dirottato una parte dei propri voti sui candidati in corsa per la conquista dei seggi riservati ai cristiani. Al centro delle tensioni c’è in particolare, a il “Movimento Babilonia”, proiezione politica di una milizia formatasi nel contesto delle operazioni militari contro Daesh. Attualmente occupa ben 4 dei 5 seggi riservati a candidati cristiani.

I vescovi delle Chiese presenti a Mosul e nella Piana di Ninive avevano criticato tutto questo e annunciato il possibile boicottaggio delle prossime tornate elettorali da parte della componente cristiana irachena. Il patriarca caldeo Sako è poi intervenuto sulla vicenda e lo scorso 8 maggio, in un’intervista a un’emittente televisiva del Kurdistan iracheno, ha accennato anche alla possibilità di ricorrere a organi di giustizia internazionali per tutelare la corretta e non manipolata distribuzione della quota di seggi parlamentari.

Dichiarazioni che hanno attirato una serie di attacchi e denigrazioni contro il patriarca, in particolare sui social, da parte di soggetti legati al “Movimento Babilonia” con toni sempre più aspri. I responsabili dell’Ufficio per le dotazioni alle comunità di fede minoritarie (cristiani, yazidi, mandei-sabei, shabak) sono presto intervenuti con un comunicato per esprimere solidarietà al patriarca e respingere con forza le accuse mosse. La sera del 12 maggio più di 200 cristiani - è ancora Fides a riferirlo - si sono riuniti in piazza Tahrir, al centro di Baghdad, per un “presidio di solidarietà”. Erano presenti anche suore e sacerdoti con in mano bandierine dell’Iraq, candele, ramoscelli d’ulivo e striscioni, che hanno pregato e ripetuto slogan a sostegno della pace sociale. Lo stesso raduno - riferiscono fonti irachene - è stato interrotto dall’arrivo di un gruppo organizzato di persone sopraggiunte a lanciare urla e slogan offensivi nei confronti di Sako. Dopo circa una mezz’ora, il “presidio” è stato sciolto.

Domenica sera, 14 maggio, il patriarca caldeo ha ricevuto una delegazione di ambasciatori e rappresentanti diplomatici in Iraq provenienti da Francia, Italia, Spagna, Regno Unito e Unione Europea, i quali hanno espresso “solidarietà” da parte dei rispettivi governi e sottolineato l’importanza degli “sforzi” del porporato “per proteggere i diritti dei cristiani sul suolo che abitano da due millenni”. Dopo l’incontro è stata rilasciata una dichiarazione che ha visto l’approvazione anche degli ambasciatori di Germania, Polonia, Repubblica Ceca, Romania, Svezia e Ungheria. Nella dichiarazione, i diplomatici sottolineano di aver voluto esprimere al cardinale Sako “solidarietà riguardo ai recenti attacchi pubblici” e la “preoccupazione per i cristiani e le altre comunità religiose dell’Iraq”. Quindi hanno lanciato un appello ai cristiani del Paese a lavorare insieme e a fare in modo che “i problemi vengano superati e si raggiunga una sempre maggiore cooperazione tra le Chiese” e preservando la “diversità del Paese, che è una delle sue principali risorse”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

17/05/2023
2202/2024
Cattedra di S. Pietro

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Verso la stage dei penultimi

Leggo Renzi che dice a Conte che deve fare come il presidente del Trentino e modificare il Dpcm tenendo aperto tutto fino alle 22. Questi manco si mettono d’accordo tra loro prima di varare un provvedimento più dannoso che inutile. Ormai siamo al Governo di Pulcinellopoli. Tra sei giorni saremo a trentamila contagi/giorno. E dovranno fare un nuovo Dpcm. Non credo ricalcato su quello del Trentino.

Leggi tutto

Chiesa

Cantalamessa e la seconda predica d’Avvento

Il predicatore della Casa Pontificia ha tenuto la seconda predica di Avvento in Aula Paolo VI, alla presenza di Papa Francesco.

Leggi tutto

Chiesa

Ucraina - Orionini e Salesiani, impegnati nell’accoglienza dei profughi

I Salesiani sono presenti nelle grandi città del Paese: Kiev, Leopoli, Zhytomyr, Dnipro, Odessa, così come a Korostyshiv, Peremyshlany e Bibrka, e restano vicini alla popolazione cercando di dare speranza. Attualmente i Salesiani stanno già accogliendo un centinaio di minori nei loro rifugi, dando la priorità ai bambini degli orfanatrofi, e si prevede possano ospitarne altre centinaia a Leopoli con l’arrivo dei primi profughi dall’est del Paese. “Vi chiedo anzitutto di pregare per l’Ucraina e anche di essere accoglienti se arriveranno profughi nel vostro Paese. Vi ringrazio per ogni vostro aiuto e sostegno” conclude don Chaban.

Leggi tutto

Storie

MYANMAR - giunta militare attacca un villaggio cristiano

Sono almeno 20 le case bruciate in questi giorni a Chan Thar, oltre 500 le scorte di riso andate perse e parecchi gli sfollati.

Leggi tutto

Storie

BANGLADESH - Preghiera per l’abolizione della pena di morte

In Bangladesh, negli ultimi 6 mesi, 162 persone sono state condannate a morte nei tribunali di tutto il paese. La disposizione della pena di morte è in vigore nel Codice penale del Bangladesh per 33 reati. Nel 2020 il governo ha approvato la pena di morte anche come pena massima per il reato di stupro. Secondo Amnesty International, il numero di esecuzioni capitali in Bangladesh è aumentato del 60% nel 2021 rispetto all’anno precedente.

Leggi tutto

Chiesa

Parolin ed i sacerdoti

Messa del cardinale Segretario di Stato nella Basilica di San Pietro per il convegno sulla formazione permanente dei preti

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano