Chiesa

di Giampaolo Centofanti

Don Centofanti: Vangelo mercoledì 24 maggio e commento

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Gv 17,11b-19 Mercoledì 24 maggio 2023, VII settimana di Pasqua

In quel tempo, [Gesù, alzàti gli occhi al cielo, pregò dicendo:]
«Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perché siano una sola cosa, come noi.
Quand’ero con loro, io li custodivo nel tuo nome, quello che mi hai dato, e li ho conservati, e nessuno di loro è andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perché si compisse la Scrittura. Ma ora io vengo a te e dico questo mentre sono nel mondo, perché abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. Io ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perché essi non sono del mondo, come io non sono del mondo.
Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Consacrali nella verità. La tua parola è verità. Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; per loro io consacro me stesso, perché siano anch’essi consacrati nella verità».

***

Gesù prega incessantemente il Padre nello Spirito per noi. Prima di tutto di tutto chiede che veniamo custoditi in Gesù stesso, perché nessuno vada perduto. Che al di là di qualsiasi eventuale peccato accogliamo sempre la misericordia divina in Cristo.

Poi chiede che siamo portati nella pienezza della gioia. Gradualmente sempre più attenti ai criteri della fede che sono diversi da quelli terreni ma al tempo stesso accogliendo ogni persona, ogni cosa, a suo modo come grazia, imparando il buono, ciò che è di Gesù, da ciascuno. Imparando dunque a non cadere nei due estremi opposti di isolarsi dal mondo o di confondersi con esso.

Chiede dunque che non veniamo confusi dal Maligno. Il Maligno tende proprio a dividere. Diavolo da dia’ – ballo, getto in mezzo. Isolati dal mondo, vivendo una legge astratta. Un fare senza comprensione umana che orienta a vivere di sensi di colpa, forzature, risposte meccaniche, senza l’apertura allo Spirito che fa discernere di volta in volta in modo diverso, adeguato alle specifiche situazioni, approfondendo sempre più il senso del vangelo.

O all’opposto cercando un vitalismo, un’emozionalismo, scambiati per criteri validi. Con la conseguenza di ritenere buoni i sentimenti positivi e cattivi quelli negativi mentre i sentimenti, pur così belli, umani, non sono né buoni né cattivi perché vengono da soli. Rabbie, rancori, giudizi istintivi, pensieri sessuali istintivi, non sono peccati perché appunto non scaturiscono dalla nostra volontà.

Per questo Gesù chiede che veniamo consacrati nella verità. La verità non è una regola astratta né un benessere emozionale ma il cuore che cerca di accogliere la luce che scende delicatamente, gradualmente, come una colomba. La parola di Gesù non è un concetto da comprendere con la mente e applicare con le proprie forze ma un seme che, accolto, cresce gradualmente, a misura della specifica persona.

Quando cerchiamo con semplicità di essere noi stessi nel bene che possiamo vivere con buonsenso nella luce lì è Gesù che ci sta prendendo per mano e portando sulla via della vita, verso il pieno compimento della sua parola. La sequela di Gesù, la ricerca del vero, sta dunque nel cercare di stare uniti a lui nel cuore, nelle intenzioni sincere, cercando di vivere il bene semplice e pieno di buonsenso che realmente di volta in volta possiamo, nel quale gradualmente veniamo portati dalla grazia a crescere.

Dunque la domanda sul mio cammino autentico non è: ho seguito meccanicamente una regola? Né: mi sono sentito bene? Ma: ho cercato di ascoltare la luce serena e piena di buonsenso, di gradualità, che illumina il mio cuore?

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2023
2402/2024
San Sergio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Utero in affitto? No grazie!

Il bambino, che durante la propria gestazione viene cullato dal ventre materno e che impara a riconoscere i rumori che lo circondano (la voce della mamma sicuramente, ma anche la voce del papà e dei fratelli), i sapori che lo nutriranno (e che vengono filtrati grazie al liquido amniotico che ingerisce) e le emozioni che vive chi lo sta ospitando (il ruolo dei neurormoni è ritenuto fondamentale per lo sviluppo fetale), si lega moltissimo alla madre. Grazie agli studi che sono stati compiuti e che oramai danno per scontato tutto un mondo fatto di relazione tra madre e nascituro, è stata messa a punto tutta una serie di accorgimenti clinici che si basano sul “dialogo” e sulle interazioni fisiche che sono vitali per il nascituro.

Leggi tutto

Chiesa

Una preghiera di tutti che apre le strade

Preghiera per Maria

Leggi tutto

Società

Il canto del gallo e la globalizzazione

Piccolo magnificat. Un canto di tanti canti. Ecco delle poesiole dove faccio cantare tante persone. In una persino Gesù. Spesso parla direttamente il protagonista, anche dove non scrivo tra parentesi un nome, sempre di fantasia. Sono storie inventate, nate però dal vivere in mezzo alla gente.
Composizioni, scritte al volo, di un prete che cerca di partecipare di cuore alla vita dei fratelli e insieme a loro cresce e sente il loro canto.

Leggi tutto

Chiesa

Festa della mamma: benedizione ad Ostia

Feste e benedizione per la festa della mamma

Leggi tutto

Chiesa

“L’amore familiare: vocazione e via di santità”

Presentato il decimo Incontro Mondiale delle Famiglie che si svolgerà a Roma dal 22 al 26 giugno. Dopo il festival di apertura in Aula Paolo VI e i tre giorni di congresso, il sabato la celebrazione della Messa con il Papa in Piazza San Pietro.

Leggi tutto

Media

Matrimonio gay e fecondazione artificiale in Buzz Lightyear

La Disney sta usando i suoi cartoni per fare propaganda gender e LGBTQIA+ davanti a milioni di bambini in tutto il mondo

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano