Storie

di Nathan Algren

Cina - Registro on line di preti

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Da oggi nella Repubblica popolare cinese un registro on line raccoglie le informazioni su tutti i religiosi cattolici, protestanti e musulmani “che sono stati riconosciuti secondo la legge”. Un’operazione presentata dall’Amministrazione statale per gli affari religiosi (Sara) come un’“apertura” nella gestione degli affari religiosi e un servizio ai fedeli per smascherare i “truffatori”. Anche se - essendo un servizio a cui si può accedere solo identificandosi attraverso il proprio numero di telefono - sarà di fatto anche un ulteriore strumento di controllo sull’attività religiosa in Cina. Oltre, evidentemente, a screditare anche tutti quei sacerdoti legittimamente ordinati nelle comunità sotterranee e che, in coscienza, si sono opposti alla registrazione negli organismi ufficiali controllati dal Partito comunista cinese.

Il registro operativo da oggi segue uno strumento analogo a quello che era stato introdotto il 22 febbraio per verificare l’identità dei monaci buddhisti e taoisti. L’identità dei religiosi è verificabile sia dal sito dell’Amministrazione statale per gli affari religiosi sia da quello dell’Associazione patriottica dei cattolici cinesi e degli organismi analoghi per le comunità protestanti e musulmane. Per ogni religioso su cui viene effettuata una ricerca si apre una schedina in cui - insieme ai dati anagrafici, al titolo religioso e al numero della registrazione ufficiale - appare anche una fotografia.

L’utilizzo delle app come ulteriore strumento di controllo dell’attività religiosa in Cina è un’eventualità tutt’altro che remota. Va ricordato che – come denunciato nello scorso mese di marzo - nell’Henan i fedeli di ogni credo sono già obbligati a registrarsi per poter assistere alle funzioni religiose: vale per chiese, moschee come templi buddhisti. Devono riempire un modulo disponibile sull’applicazione “Religione intelligente”, sviluppata dalla Commissione provinciale per gli affari etnici e religiosi. La compilazione richiede l’indicazione di dati come nome, telefono, carta d’identità, residenza permanente, occupazione e data di nascita.

Quanto alla prevenzione delle “truffe” da parte di “finti religiosi”, proprio ieri China Aid denunciava il caso di tre donne cristiane - Li Bingrong, Xie Lihong e Huang Qiuyan – arrestate per sospetto di “frode” nella città di Suining, nella provincia del Sichuan. Secondo quanto riferito, tutti e tre lavoravano per una banca e aiutavano semplicemente a depositare e trasferire donazioni per un’organizzazione cristiana. L’accusa di frode è uno dei volti della persecuzione contro le “chiese domestiche”, cioè le comunità di matrice evangelica non ufficialmente registrate. I funzionari del Partito comunista rivolgono questa accusa a molti pastori e credenti laici per limitare ogni attività estranea alle comunità “ufficiali”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

24/05/2023
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

I Vescovi di Francia contro eutanasia e suicidio assistito

I 118 presuli d’Oltralpe vergano un importante documento contro le derive mortifere di una politica radicale di massa. Un testo luminoso e ragionevole. Quali che siano le nostre convinzioni, il fine vita è una tempo che vivremo tutti e un’inquietudine che condividiamo. Ciascuno deve quindi potervi riflettere il più serenamente possibile, schivando gli scogli delle passioni e delle pressioni.

Leggi tutto

Storie

HAPPY HOUR, L’EPIDEMIA DISTOPICA DI FERRUCCIO PARAZZOLI

Ci si sveglia un giorno a caso in una qualunque periferia dell’Occidente medicalizzato, l’Occidente iperconnesso del XXI secolo, e di colpo la bolla patinata d’onnipotenza transumanista è svanita: basta un ridicolo microrganismo, un miasma invisibile a seminare un panico atavico.

Leggi tutto

Chiesa

Il programma ufficiale del viaggio spirituale di Papa Francesco in Ungheria e Slovacchia

Tre giorni ricchissimi di impegni, dal 12 al 15 settembre prossimi, per Papa Francesco che presiederà la Messa finale del Congresso Eucaristico internazionale a Budapest per poi trasferirsi a Bratislava. Visite nelle città di Košice, Prešov e Šaštin. Appuntamenti con giovani, vescovi, rom e una Divina liturgia bizantina.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco alle suore: siete presenza viva nella Chiesa

Papa Francesco ha ricevuto le religiose di Santa Giovanna Antida Thouret riunite per il Capitolo generale, la cui apertura coincide con l’avvio del percorso sinodale

Leggi tutto

Chiesa

Papa: i 60 anni della facoltà di medicina del Sacro Cuore

Nel celebrare la Messa in occasione dei 60 anni della Facoltà di Medicina e Chirurgia all’Università Cattolica del Sacro Cuore, Francesco ricorda che per amare davvero Dio bisogna appassionarsi all’uomo che vive il dolore: condividere, sostenersi, andare avanti insieme “è il futuro della sanità cattolica”.

Leggi tutto

Chiesa

Conclusa la 75.ma Assemblea generale straordinaria della CEI

Si è conclusa la 75.ma Assemblea generale straordinaria della Conferenza episcopale italiana, inaugurata da Papa Francesco il 22 novembre.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano