Chiesa

di Tommaso Ciccotti

I compiti del Revisore Generale durante la Sede vacante

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

L’Ufficio del Revisore Generale continuerà ad esercitare l’ordinaria amministrazione e i controlli contabili anche in caso di Sede Apostolica vacante, ovvero il tempo che va dalla morte del Papa regnante fino al Conclave per l’elezione del nuovo Pontefice. È uno dei punti stabiliti da Papa Francesco in un Rescritto - seguito all’udienza concessa il 24 aprile scorso al cardinale segretario di Stato, Pietro Parolin - che precisa compiti e aspetti del lavoro svolto dall’organismo istituito dallo stesso Francesco nel 2014 per compiere la revisione contabile degli enti e degli organi della Santa Sede e della Città del Vaticano. Il documento, pubblicato oggi 24 maggio, di fatto colma alcuni ‘vuoti normativi’ e allinea lo statuto dell’Ufficio del Revisore Generale del 2019 alla Costituzione apostolica Praedicate Evangelium, pubblicata il 19 marzo 2022.

Più nel dettaglio, nella Praedicate Evangelium l’articolo 18 comma 2 stabilisce che: “Durante la Sede vacante i Segretari si occupano del governo ordinario delle Istituzioni curiali, curando soltanto gli affari di ordinaria amministrazione”. Nella stessa Costituzione, tuttavia, non è prevista la figura del Segretario all’interno dell’Ufficio del Revisore Generale, quindi di colui che possa supervisionare e far proseguire le funzioni dell’organismo. Perciò con il Rescritto di oggi il Papa dispone “che l’ordinaria amministrazione, in caso di Sede Apostolica vacante, non venga interrotta e che la funzione di controllo continui ad essere esercitata dall’Ufficio del Revisore Generale sotto la supervisione del cardinale Camerlengo”.

Un altro punto importante del Rescritto è la conferma della natura dell’Ufficio del Revisore Generale. “Per quanto non disposto negli artt. 222-224 della costituzione apostolica Praedicate Evangelium, emanata il 19 marzo 2022, si osservano le disposizioni contenute nello Statuto dell’Ufficio del Revisore Generale, entrato in vigore il 16 febbraio 2019”, si legge nel documento.

Più precisamente, si conferma la validità dei commi 1 e 3 dell’articolo 1 dello Statuto dell’Ufficio del Revisore Generale che ne stabilisce la natura di “Ente della Santa Sede al quale è affidato il compito della revisione contabile del bilancio consolidato della Santa Sede e del bilancio consolidato del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano”. E anche che l’Ufficio continua ad essere “l’Autorità Anticorruzione ai sensi della Convenzione di Mérida, in vigore per la Santa Sede e per lo Stato della Città del Vaticano dal 19 ottobre 2016”

Infine l’ultima precisazione del Rescritto è l’aggiunta del cardinale coordinatore del Consiglio per l’Economia tra i referenti a cui il Revisore Generale potrà inviare, qualora necessario, una relazione con l’analisi delle segnalazioni ricevute. Così si legge nel documento: “Il Santo Padre ha stabilito che la seconda parte dell’articolo 7 § 1 dello Statuto dell’Ufficio del Revisore Generale che recita ‘Il Revisore Generale analizza le segnalazioni e le presenta con una relazione a un’apposita commissione composta dall’Assessore per gli Affari Generali della Segreteria di Stato, dal Prelato Segretario del Consiglio per l’Economia e dal Segretario della Segreteria per l’Economia’ venga sin d’ora sostituita, nelle parti che interessano, dalla redazione dell’art. 224 § 2 della Costituzione Apostolica Praedicate Evangelium che prevede che il Revisore Generale esamina le segnalazioni e ‘le presenta con una relazione al Prefetto della Segreteria per l’Economia e, qualora lo ritenga necessario, anche al Cardinale Coordinatore del Consiglio per l’Economia’”. Rimane comunque la previsione dell’articolo 4 dello Statuto in base alla quale le segnalazioni, “quando esse presentino elementi di fondatezza”, vengano trasmesse dal Revisore all’Autorità giudiziaria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2023
1808/2023
Santa Elena

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Società

Francesco lo chiede, noi non diserteremo

Eccoci, noi della Croce di certo non disertiamo. Di questo non possiamo essere accusati.

Leggi tutto

Chiesa

La Riforma e le Riforme nella Chiesa

Come indicato direttamente dall’autore, il volume entra nel dibattito sull’interpretazione del Concilio Vaticano II, che è uno dei temi ai quali monsignor Marchetto ha dedicato una parte importante della sua vita. Cercare di comprendere meglio il Concilio significa, infatti, disporsi ad accoglierne la grazia e il dono, per la Chiesa e per il mondo.
Il Concilio Vaticano II è stato un grande dono di Dio alla Chiesa e, come tutti i doni, va rettamente compreso per potere essere valorizzato fino in fondo. Per esempio, posso regalare a un amico un computer, ma se lui non lo sa usare… è un regalo, per così dire, dimezzato. In effetti, l’interpretazione del Concilio è una questione disputata di questo nostro tempo, nella costante tensione tra i due fuochi di una medesima ellisse ermeneutica. Da un lato il fuoco della novità, dall’altro quello della tradizione, da un lato quello della riforma dall’altro quello della conservazione.

Leggi tutto

Chiesa

Ecco-i-nuovi-otto candidati agli altari

Tre decreti su altrettanti miracoli, due sul martirio, tre sulle virtù eroiche, per otto candidati agli altari. È quanto emerge dal Bollettino della Sala Stampa vaticana,

Leggi tutto

Storie

ODE A DIEGO ARMANDO MARADONA

Ho letto che da qualche giorno, il 23 ottobre, Pelè ha compiuto ottant’anni e che tra qualche giorno, il 30 ottobre, Diego Armando Maradona ne compirà sessanta. Non so se avremo un’altra occasione con la cifra tonda per celebrarli entrambi in vita e non so neanche dire se sia più facile che Pelè non arrivi ai novanta che piuttosto Maradona non arrivi ai settanta. So per certo però che ora possiamo congratularci e sorridere con lor

Leggi tutto

Media

Padre Andrea Mandonico e il Premio Letterario su Charles de Foucauld

L’onorificenza al vice postulatore della causa di canonizzazione del religioso francese è per il volume edito dalla LEV “Mio Dio, come sei buono. La vita e il messaggio di Charles de Foucauld”. Mandonico sottolinea che “visse l’amicizia con i popoli del Sahara non a parole ma con la prossimità, stando anche in silenzio quando necessario, offrendo la propria vita nella piena carità evangelica”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco alle suore: siete presenza viva nella Chiesa

Papa Francesco ha ricevuto le religiose di Santa Giovanna Antida Thouret riunite per il Capitolo generale, la cui apertura coincide con l’avvio del percorso sinodale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano