Chiesa

di Nathan Algren

Papa Francesco ed il Vangelo in Cina

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

“La buona novella di Cristo crocifisso e risorto possa essere annunciata nella sua pienezza, bellezza e libertà, portando frutti per il bene della Chiesa cattolica e di tutta la società cinese”. È l’invocazione che al termine dell’udienza generale del mercoledì in piazza San Pietro papa Francesco ha invitato tutti i fedeli a rivolgere a Dio nell’odierna Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa cattolica in Cina, che si celebra oggi nella festa della Beata Vergine Maria Aiuto dei cristiani, venerata nel santuario di Nostra Signora di Sheshan a Shanghai.

“In questa circostanza - ha detto il pontefice - desidero assicurare il ricordo ed esprimere la vicinanza ai nostri fratelli e sorelle e in Cina condividendo le loro gioie e le loro speranze”. Ma il papa ha citato espressamente anche quanti in Cina sperimentano sofferenze a causa della loro fede. “Un pensiero speciale - ha aggiunto - è rivolto a tutti coloro che soffrono, pastori e fedeli, affinché nella comunione e nella solidarietà della Chiesa universale possano sperimentare consolazione e incoraggiamento”.

La Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa cattolica in Cina si celebra da quindici anni per volontà di Benedetto XVI che la istituì con la sua Lettera ai cattolici cinesi del 2007. Quest’anno cade in una fase particolarmente delicata dei rapporti tra la Santa Sede e Pechino. Dopo il secondo rinnovo dell’Accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi, avvenuto nell’ottobre 2022, vi sono state due forzature evidenti da parte della Repubblica popolare cinese: a novembre il Vaticano aveva denunciato la violazione dell’intesa da parte delle autorità cinesi con la nomina di mons. Giovanni Peng Weizhao come vescovo ausiliare della diocesi di Jiangxi. Ad aprile, poi, vi è stato l’insediamento proprio a Shanghai del vescovo Shen Bin, trasferito unilateralmente dalla sede di Haimen dal Consiglio dei vescovi cinesi (non riconosciuto dalla Santa Sede e controllato dal Partito comunista cinese). È dall’8 settembre 2021 - ormai venti mesi fa – che nella Chiesa in Cina non avviene alcuna nomina episcopale concordata con Roma, nonostante un terzo delle diocesi cinesi siano oggi vacanti.

In questo senso è significativo che papa Francesco parlando dell’annuncio del Vangelo in Cina abbia usato anche il termine “libertà” e ricordato che nella comunità cattolica vi sono anche “pastori e fedeli che soffrono”. Tra loro - come ricordavamo pochi giorni fa – c’è per esempio il vicario della diocesi di Xuanhua nell’Hebei mons. Simone Zhang Jianlin agli arresti da due anni nella stessa diocesi in cui il vescovo sotterraneo Agostino Cui Tai da ben 16 anni è sottoposto periodicamente a misure detentive.

Dopo la pandemia in questo mese di maggio anche in Cina quest’anno si è potuto tornare a celebrare con i pellegrinaggi la festa della Madonna di Sheshan. L’arcivescovo Shen Bin ha presieduto la scorsa settimana quello dell’arcidiocesi di Shanghai durante il quale ha recitato la preghiera composta da Benedetto XVI nel 2008 in occasione della prima Giornata mondiale di preghiera per la Chiesa cattolica in Cina.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2023
2402/2024
San Sergio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

SILENZIO, PREGHIERA, CANI SELVAGGI

Silenzio. Dire la sua e poi tacere. Perché la verità è mite, la verità è silenziosa, la verità non è rumorosa. Non è facile, quello che ha fatto Gesù; ma c’è la dignità del cristiano che è ancorata nella forza di Dio. Con le persone che non hanno buona volontà, con le persone che cercano soltanto lo scandalo, che cercano soltanto la divisione, che cercano soltanto la distruzione, anche nelle famiglie: silenzio. E preghiera». Francesco ha detto la sua: a chi vuole buttarlo giù oppone il silenzio di Gesù, che è lo stesso davanti alle accuse ripetute da Pilato. Non si difende, perché “la verità è mite e silenziosa”. Bisogna chiedersi perché il Papa non abbia pronunciato un semplice “non è vero”, davanti alla non provabile denuncia di Viganò di averlo avvertito del dossier su McCarrick. Un furbo l’avrebbe fatto, chi potrebbe smentire un’asserzione del Papa? La scelta del silenzio, ora, è ancora più convincente.

Leggi tutto

Società

Al Campus bio-medico di Roma non si insegna l’#aborto, e l’AMICA insorge

Chiedono la sospensione dell’istituto come “ente formativo” i membri dell’Associazione degli abortisti: la colpa sarebbe la fedeltà al giuramento di Ippocrate. Il sistema bio-politico che appiattisce le differenze (ovvero l’uniformità che diviene controllo), sono un modo per dettare legge sul pensiero delle masse: per il gender riguarda le differenze fisiche che non devono essere valorizzate, nel caso dell’economia si tratta dell’eliminazione del merito… non è però l’uguaglianza, quella della quale la cultura ha bisogno, perché il rispetto non nasce dall’equiparare le differenze. Si tratta solo di una forma di controllo: eliminare la libertà educativa, che in questo caso riguarda il presupposto col quale effettuare interventi chirurgici ginecologici ma in altri può significare molto di più (si pensi ai corsi scolastici su bullismo o erotismo) è una forma di controllo.

Leggi tutto

Chiesa

18 Marzo 1536 – Apparizione Madonna della Misericordia

Madonna della Misericordia - Il 18 marzo 1536, Antonio Botta, un contadino nativo della valle di San Bernardo, a sei chilometri da Savona, si reca di buon mattino nella sua piccola vigna per completare la potatura delle viti. Strada facendo recita, come suo solito, il santo Rosario; giunto al piccolo torrente che deve attraversare pensa di rinfrescarsi in quelle acque, e proprio in quel momento gli appare la Madonna. La sua deposizione ufficiale è conservata nel Santuario, incisa su lastra di marmo fin dal 1596.

Leggi tutto

Chiesa

Papa: l’Europa malata di stanchezza

Papa Francesco celebra a San Pietro la Messa coi partecipanti alla plenaria del Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa (Ccee), per il 50.mo dell’istituzione.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la libertà cristiana, fermento universale di liberazione

Nella catechesi dell’udienza generale di oggi, l’undicesima dedicata alla Lettera di san Paolo ai Galati, il Papa ha sottolineato che la libertà donata dal Cristo risorto non entra in conflitto con le culture e le tradizioni. E che la tentazione dell’uniformità, di “un solo modello culturale”, ha provocato tanti “errori nell’ evangelizzazione”

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco ed il Natale in pandemia

Ricevendo in Vaticano i partecipanti e gli organizzatori del “Christmas Contest”, concorso canoro rivolto ai giovani,  Papa Francesco ricorda che la nascita di Cristo è “la festa della compassione” e della “tenerezza” e che sono i piccoli gesti a generare “dinamiche culturali, sociali ed educative”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano