Storie

di Roberto Signori

Listeria, mozzarella ritirata dai supermercati:

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un lotto di mozzarella a marchio Val Trebbia (lotto di produzione 10-05-2023, 100g/200g/1 kg, data di scadenza 30-05-2023) è stato richiamato per «presenza di Listeria Monocytogenes su 3 di 5 campioni», si legge nell’avviso pubblicato sul sito del ministero della Salute. Il produttore è Cascina Bosco Gerolo Soc. Agr. srl, con sede in Località Gerolo a Rivergaro nel Piacentino.

La Listeria, o meglio Listeria monocytogenes è un batterio ampiamente diffuso nell’ambiente e si trova, in particolare, nel terreno, nelle acque di superficie e nel materiale fecale.

L’infezione, detta listeriosi, si contrae prevalentemente consumando alimenti contaminati crudi (in alcuni casi anche cotti) come prodotti lattiero-caseari a limitata maturazione, würstel, insaccati con stagionatura breve e prodotti similari, ortaggi pronti al consumo, ma anche prodotti di gastronomia con farcitura fresca come, ad esempio, tramezzini, ed è favorita dalla capacità della Listeria monocytogenes di crescere e sopravvivere alle temperature abituali dei frigoriferi.

Rispetto ad altre tossinfezioni alimentari, la listeriosi ha un’incidenza modesta, ma può causare complicanze potenzialmente letali con un tasso di mortalità che oscilla tra il 20 e il 30%. Le persone che più devono stare attente alle infezioni da Listeria sono gli anziani, le donne in gravidanza, i neonati ed i soggetti immunocompromessi.

La listeriosi può provocare delle reazioni lievi o più gravi. Nel primo caso i sintomi sono quelli simi-influenzali e gastroenterici. Chi è stato contagiato, dunque, potrà avere febbre, brividi, cefalea, dolori muscolari, nausea e diarrea.

Le reazioni più gravi, invece, sono dovute alla diffusione dell’infezione dal tessuto intestinale ad altri distretti corporei. Le manifestazioni variano a seconda dell’organo colpito e comprendono reazioni cutanee, batteriemia, encefalite, meningite, endocardite e peritonite. Nel caso di donne in gravidanza i rischi sono quelli di corioamnionite, aborto spontaneo, parto prematuro, morte intrauterina e gravi patologie neonatali.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

25/05/2023
2406/2024
Natività di San Giovanni Battista

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Allarme aflatossine: richiamati tre lotti di mandorle sgusciate

Richiamo per le mandorle sgusciate, contenute in vaschette compostabili 200-400 grammi, con marchio ‘I&D Srl’ con sede dello stabilimento a Frattamaggiore (Na); Movida catering (secchiello plastica da 1000 g e secchiello plastica da 700 g) e Dattilo (bustine da 40 g). Lo riporta il sito del ministero della Salute.

Leggi tutto

Chiesa

Padre Radcliffe: una Chiesa senza confini sul sentiero della speranza

Nelle meditazioni al ritiro presinodale di Sacrofano, il padre domenicano ha offerto una panoramica spirituale ed esperienziale sul senso del “camminare insieme”

Leggi tutto

Storie

Sciroppi per la tosse ritirati dal mercato

Allarme sciroppo per la tosse. L’Ema, l’agenzia europea per i medicinali, in una nota ha raccomandato di revocare dal mercato i medicinali contro la tosse contenenti il principio attivo della folcodina: questi farmaci non potranno dunque essere assunti né venduti in tutta l’Unione Europea. Si tratta di farmaci che solitamente vengono usati per raffreddore, influenza e tosse: il motivo sono i problemi di salute emersi per chi li ha assunti.

Leggi tutto

Storie

Salmone affumicato ritirato dal mercato per Listeria

Alcuni lotti di salmone affumicato sono stati ritirati dal mercato per presenza di Listeria. Il Minsitero della Salute ha rilasciato oggi una nota ufficiale.

Leggi tutto

Storie

Cioccolatini Lindor a forma di cuore ritirati dai supermercati

Cioccolatini Lindor ripieni al pistacchio ritirati dal mercato. Si tratta di diversi lotti di praline di cioccolato al latte e morbido a forma di cuore Lindt: sono ritirati dal commercio a causa di un rischio allergeni, dovuta alla mancata indicazione, in etichetta, della presenza del pistacchio come ingrediente.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano