Chiesa

di Jack Harper

COLOMBIA - La ricerca della pace si basa sul rispetto della vita

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

La pratica scandalosa e crudele di reclutare minori e usarli per la guerra, così frequente da parte di diversi gruppi armati, indica l’alto livello di degrado del conflitto nel paese. Lo Stato colombiano deve garantire la protezione dei bambini, delle bambine e degli adolescenti, pagando il debito storico che ha con loro”: lo ribadiscono i Vescovi della Colombia in una dichiarazione intitolata “Difendere la vita per raggiungere la pace”, diffusa il 23 maggio, in seguito agli episodi di violenza accaduti recentemente in diverse regioni del paese, e in particolare all’omicidio di quattro minori indigeni reclutati con la forza da un gruppo armato, avvenuto nel dipartimento di Putumayo.

Secondo le informazioni raccolte da Fides, il Coordinamento per i diritti umani dell’Organizzazione nazionale dei popoli indigeni dell’Amazzonia colombiana (Opiac) ha denunciato l’omicidio di quattro minorenni che erano stati rapiti da un gruppo armato illegale. Le comunità indigene affermano di aver costantemente subito violazioni dei diritti umani e violazioni del diritto internazionale umanitario, compresi i diritti di bambini e adolescenti. Il 26 marzo 2023, i membri del Fronte Carolina Ramírez hanno reclutato con la forza un giovane minorenne della Comunità Guaquira degli indigeni Murui. Il 15 maggio il ragazzo ha deciso di fuggire da questo gruppo armato insieme ad altri tre giovani che si trovavano nella stessa situazione, anch’essi membri del popolo Murui. Dopo la fuga, nel pomeriggio del 17 maggio i membri del gruppo armato hanno ritrovato i fuggitivi nella comunità dello Stretto tra Caquetá e Amazonas, e li hanno giustiziati a colpi di arma da fuoco.
Di fronte all’attuale situazione del paese per quanto riguarda il conflitto armato, i Vescovi esprimono il loro fermo rifiuto “per questi fatti inaccettabili” e invitano tutti a riflettere e ad agire per raggiungere definitivamente la desiderata pace. In primo luogo richiamano, ancora una volta, al rispetto della vita di ogni essere umano. “La morte non può essere uno strumento da usare per raggiungere meschini interessi particolari”.
Esprimono quindi solidarietà alle famiglie e alle comunità dei minori assassinati, invocando dal Signore la forza necessaria per affrontare questi momenti di dolore. I Vescovi invitano il popolo colombiano “a perseverare nella preghiera per la pace e a non desistere dall’impegno della trasformazione sociale attraverso la non violenza”. Dal momento che la guerra genera altra guerra, “la ricerca della pace, basata sul rispetto per la vita, la dignità umana e il dialogo, è la strada per superare le molteplici violenze nel paese”.
Il presidente della Colombia, Gustavo Petro, ha definito “un crimine atroce” l’omicidio dei quattro giovani. Il governo colombiano ha deciso di sospendere il cessate il fuoco bilaterale concordato con il gruppo dissidente delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc) in seguito ai recenti atti di violenza di cui questo gruppo armato si è reso responsabile. Quindi il cessate il fuoco in atto nei dipartimenti di Meta, Caquetá, Guaviare e Putumayo viene sospeso. Da parte loro le ex Farc hanno giudicato negativamente la decisione, accusando l’esercito di violazioni del cessate il fuoco.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

26/05/2023
2302/2024
San Policarpo di Smime

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Tag associati

Articoli correlati

Politica

Residenza permanente USA per Charlie Gard

L’azione politica degli USA, cioè la concessione della residenza permanente, potrebbe rappresentare l’ultima spinta per convincere i soggetti coinvolti dell’opportunità di una soluzione del contenzioso a favore della famiglia Gard, ma potrebbe anche essere accolta dagli inglesi come un’indebita ingerenza nei propri affari interni, esacerbando ancora di più gli avvocati e il giudice Francis, inducendoli a non cedere alle nuove evidenze per il solo motivo di mostrare al mondo la superiorità del loro sistema legislativo. Francis ha già dichiarato alla seduta della settimana scorsa che è suo preciso dovere perseguire il bene del bambino e applicare la legge indipendentemente dalle ingerenze politiche e mediatiche.

Leggi tutto

Politica

Una strada per liberi e forti

Nei giorni in cui c’è stato e c’è chi insistentemente afferma che il Popolo della Famiglia non serve più a niente non avendolo condotto immediatamente al seggio parlamentare, dunque meglio acconciarsi a sostenere i nuovi potenti e il governo del Trentennio, io resto sempre più convinto del progetto pidieffino e provo a delinearlo per quello che è, per quello per cui l’abbiamo fondato nel marzo 2016, per quello per cui credo che abbia ancora lo stesso inalterato senso ventotto mesi dopo e nel futuro a venire.

Leggi tutto

Politica

Lettera al signor ministro

Lei è Ministro delle Pari Opportunità e poi dopo della Famiglia. Quindi per Lei le Pari Opportunità sono più importanti. Perfetto, allora, iniziamo con queste. Uomini e donne vivono la famiglia e il lavoro diversamente: spiace iniziare con la biologia, ma le mamme mettono ancora al mondo bambini e ne hanno bisogno (si pensi a quante donne, passati i trentacinque anni, chiedono di avere accesso alle tecniche di fecondazione assistita: circa 78 mila coppie nel 2017, ma ahinoi solo 13 mila bambini, nascono), i bambini poppano ancora da mamma e/o comunque hanno necessità di stare con questa più a lungo possibile. Inoltre i bambini maturano la loro parziale autonomia nei primi tre anni di vita, e durante questi tre anni (dalla nascita ai 36 mesi), si forma tutto il loro bagaglio psicologico che la Teoria dell’Attaccamento (cfr. 100.000 baci

Leggi tutto

Media

Cardinale Comastri: non cancellate mamma e papà

Dieci comandamenti per dieci cardinali è il titolo del libro del vaticanista Fabio Marchese Ragona. Anticipiamo un breve stralcio tratto dalla riflessione dell’ arciprete emerito della Basilica di San Pietro, su “Onora il padre e la madre”

Leggi tutto

Società

La Colombia rifiuta l’eutanasia

La Camera dei deputati della Colombia ha bocciato un disegno di legge per l’eutanasia, anche se la Corte Costituzionale aveva stabilito che era da legalizzare

Leggi tutto

Società

Medici cattolici, Boscia (Amci): “Il medico è per la vita

I medici cattolici ritengono che l’intera problematica del fine vita con tutti i suoi aspetti umani, personali e familiari, etici e giuridici, politici e legislativi, rappresenti al tempo presente certamente un’opportunità di dialogo, di confronto, di perfezionamento assistenziale verso l’eubiosia (contrario di eutanasia), cioè buona vita, vera sfida per un rinnovato umanesimo della cura, da riaffermare esaltando quel mirabile impegno personale e professionale, scientifico ed umano, che da sempre contraddistingue l’azione medica nella quotidiana lotta contro la malattia e la mai sufficientemente compresa dignità della vita.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano