Storie

di Nathan Algren

NICARAGUA - Espulse le suore che amministravano un Centro educativo

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Avevano di recente celebrato il trentesimo anniversario della fondazione dell’Istituto Tecnico Santa Luisa de Marillac, Yalí, Jinotega in Nicaragua, le suore della Congregazione Hijas de Santa Luisa de Marillac che sono state allontanate dal Centro educativo ora occupato dalle forze di polizia.

Le suore erano responsabili dell’amministrazione del Centro di San Sebastián de Yalí. Quelle straniere sono state private della loro residenza e hanno un ordine di espulsione, mentre le suore nicaraguensi sono state confinate nei rispettivi conventi.
Questo è solo uno dei molteplici episodi che stanno riecheggiando negli ultimi mesi in merito a gravi episodi di abusi di diritti umani ai danni di istituti religiosi, sacerdoti, suore (vedi Agenzia Fides 26/5/2023).
Durante la celebrazione in occasione della festa di Pentecoste, il 28 maggio l’Arcivescovo di Managua, Cardinale Leopoldo Brenes, aveva esortato a “non aver paura” in situazioni difficili. Il Cardinale ha colto l’occasione per invitare le persone a vivere la speranza che porta la venuta dello Spirito Santo di fronte a situazioni avverse.
In merito al contesto che sta vivendo la Chiesa cattolica in Nicaragua, e che nei giorni scorsi aveva portato alla cattura di tre sacerdoti, il cardinale Brenes ha anche affermato che la “Chiesa è nelle mani dello Spirito Santo”. L’Arcivescovo di Managua ha esortato i fedeli e tutti i parrocchiani a non lasciarsi influenzare dai social network che molto spesso disinformano. “Vi invito a non perdere la calma e a non ascoltare tante notizie, tante pubblicazioni che esagerano, si dichiarano fonti attendibili e non lo sono. Quindi rimaniamo sereni, senza dubbio lo Spirito Santo è colui che guida questa chiesa e presto avremo le risposte giuste”, ha detto al termine della liturgia eucaristica nella cattedrale di Managua.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

01/06/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

18 Marzo 1536 – Apparizione Madonna della Misericordia

Madonna della Misericordia - Il 18 marzo 1536, Antonio Botta, un contadino nativo della valle di San Bernardo, a sei chilometri da Savona, si reca di buon mattino nella sua piccola vigna per completare la potatura delle viti. Strada facendo recita, come suo solito, il santo Rosario; giunto al piccolo torrente che deve attraversare pensa di rinfrescarsi in quelle acque, e proprio in quel momento gli appare la Madonna. La sua deposizione ufficiale è conservata nel Santuario, incisa su lastra di marmo fin dal 1596.

Leggi tutto

Chiesa

Coe:appello per la pace in Etiopia e in Terra Santa

l Comitato Esecutivo del Consiglio Ecumenico delle Chiese - Coe, esprimono solidarietà per il popolo etiope, che sta affrontando una grave crisi, unendosi alle preghiere delle Chiese locali ed evidenziano gli ostacoli che in Terra Santa impediscono una pacifica convivenza fra israeliani e palestinesi.

Leggi tutto

Chiesa

ETIOPIA - La Chiesa “soffre e condivide ansie e dolori dell’umanità”

La lettera, pervenuta all’Agenzia Fides, è indirizzata a “tutto il clero cattolico, religiosi e religiose, credenti laici e persone di buona volontà” e giunge a al termine di un anno segnato dall’escalation militare che ha visto fronteggiarsi l’esercito regolare e i ribelli del TPLF (Fronte popolare di liberazione del Tigray) senza esclusione di colpi.

Leggi tutto

Storie

Il Messaggio di libertà di don Emanuele Personeni

Don Emanuele Personeni, parroco di Mapello, scrive una lunga lettera annunciando che venerdì 11 febbraio intraprenderà un cammino per l’Italia per portare una riflessione su come vengono trattate le persone che hanno deciso di non vaccinarsi.

Leggi tutto

Media

Todi: rassegna “Gesù nel cinema”

“Gesù nel cinema” è la rassegna in programma dal 10 al 18 aprile a Todi con il patrocinio della diocesi Orvieto-Todi

Leggi tutto

Politica

Sako: i cristiani iracheni sono veri patrioti

Nel suo contributo, tra le altre cose, il Patriarca ribadisce che “dalla caduta del precedente regime, nell’aprile 2003, in Iraq non ha ancora visto la luce una vita politica normale, visti i continui fallimenti dei governi nel realizzare ciò di cui il popolo ha bisogno”. Il Primate della Chiesa caldea critica anche il fatto che la Costituzione citi solo l’islam come fonte della legislazione, offrendo la base giuridica per pratiche politiche e sociali che finiscono inevitabilmente per discriminare i cristiani e gli appartenenti a altre comunità di fede come “cittadini di serie B”.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano