Società

di Giuseppe Udinov

Dal sapere al saper fare nei giovani

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Cresce la voglia di imparare a fare nei giovani che scelgono i percorse di IeFP (Istruzione e formazione professionale). Anche nell’anno formativo 2020-2021 aumenta il numero di iscrizioni alla nuova sussidiarietà: +79% rispetto all’anno precedente. Gli iscritti sono in tutto 33.663, poco meno dei 35.286 dell’integrativa e assorbono quasi 15 mila dei 36 mila iscritti persi nell’ultimo anno dai due modelli sussidiari in via di estinzione. Aumentano anche gli iscritti al duale (+11,4%), seppur ad un ritmo meno sostenuto dell’anno precedente. In cinque anni formativi sono di fatto raddoppiati. La partecipazione al sistema della IeFP registra invece una diminuzione del 10,9%, da addebitare perlopiù agli istituti professionali (-23%) e per la prima volta anche ai centri accreditati (-2,8%). Se si osserva il solo triennio, si registra una flessione delle iscrizioni del -10,8% (205.789 iscritti a fronte dei 230.811 dell’anno precedente).

È quanto emerge dal XX Rapporto di monitoraggio del sistema di istruzione e formazione professionale e dei percorsi in duale nella IeFP. Il report che ogni anno l’Inapp (Istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche) realizza per conto del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali.
“Da quanto osservato - ha affermato Sebastiano Fadda, Presidente dell’Inapp - si può concludere che l’offerta scolastica tradizionale di IeFP stia andando progressivamente a confluire nel nuovo modello e che le Regioni stiano adeguando l’offerta al rinnovamento dell’istituto della sussidiarietà prospettato dal decreto attuativo della riforma degli Istituti Professionali. Questo fatto, insieme al rafforzamento del sistema duale, è molto importante per ridurre il gap che ancora persiste tra domanda e offerta di competenze collegato alle qualifiche e diplomi IeFP”. Tuttavia, questo non basta; per raggiungere risultati soddisfacenti sono necessari un forte ancoraggio dell’offerta formativa a un attendibile quadro previsionale dei fabbisogni professionali e un rinnovato ed efficace sistema di orientamento”.
Si rileva, infatti, un considerevole mismatch tra fabbisogni espressi dalle imprese e media annua dei qualificati e diplomati (periodo 2022-2026). Nello specifico, l’offerta complessiva di circa 79mila giovani qualificati e diplomati soddisfa solo il 67,6% della domanda potenziale di circa 117mila posti di lavoro. Mancano all’appello 38mila professionisti che si concentrano particolarmente nei seguenti settori: 17mila nel settore meccanico, oltre 12mila in quello edile ed elettrico, più di 11mila in quello amministrativo segretariale e servizi di vendita.
Viceversa, esistono figure la cui offerta in prospettiva dovrebbe superare la domanda, tra cui quelle dei settori ristorazione, agricolo, grafico, tessile e soprattutto benessere.
Nello specifico, le figure professionali nella IeFP che hanno ricevuto il gradimento maggiore da parte dei corsisti sono l’operatore alla ristorazione (37.723 iscritti) e l’operatore del benessere (29.502 iscritti), seguono l’operatore meccanico (13.298 iscritti), l’operatore elettrico (11.121 iscritti) e l’operatore alla riparazione dei veicoli a motore (11.001 iscritti). Tra le nuove figure professionali, spicca l’operatore informatico che pur essendo stata introdotta solo da questa annualità formativa, registra più iscritti al primo anno (846) rispetto ad altri percorsi di qualifica consolidati da tempo.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/06/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Il vuoto pneumatico

...... Ma io che vedo ogni cosa straniata in questo tempo da un pensiero malato, io sento anche un invincibile canto, come il fiore germogliato nella crepa del muro, come il verso imperterrito del gallo…

Leggi tutto

Storie

160 milioni le bambine e i bambini lavoratori nel mondo

I dati internazionali sono allarmanti: secondo l’ILO sono 160 milioni i bambini e le bambine coinvolti in lavoro minorile. Per la prima volta in 20 anni, il fenomeno è in aumento a livello mondiale e il COVID ha esposto quasi 9 milioni di bambini in più al rischio di sfruttamento lavorativo.

Leggi tutto

Politica

LAVORO - SMART WORKING E SALUTE

Lavoro - Con la diffusione dello Smart Working è calato bruscamente il numero degli infortuni nel tragitto casa-lavoro, tuttavia questa nuova modalità agile non è esente da rischi per la salute. Lo ha messo nero su bianco l’indagine della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro “Salute e sicurezza sul lavoro nella pandemia: nuovi rischi e prospettive di evoluzione dei modelli di gestione”, realizzata nell’anno della pandemia.

Leggi tutto

Società

Cina: 200 milioni di cinesi lavorano per le piattaforme tecnologiche

Quasi un quarto della popolazione attiva è impiegata a vario titolo nelle attività legate ai servizi informatici e all’e-commerce.Tra le professioni in più rapida crescita gli autisti dei servizi di trasporto a chimata. I 5 milioni di fattorini dopo il Covid hanno ampliato la tipologia delle loro consegne.

Leggi tutto

Società

Baby Gangs imperversano a Ostia: è il “Paese dei Palocchi”

15enne minaccia con la pistola giocattolo un NCC. È il collasso di una società radical chic costruita sull’ ipocrisia del denaro, del successo o su valori che escludono. E il Santo Padre indica all’Angelus: «Vicinanza, compassione e tenerezza: sono queste le trasgressioni di Dio».

Leggi tutto

Politica

Il popolo della famiglia cresce in nome dei valori e del radicamento

“Auguriamo buon lavoro al Popolo della Famiglia e i suoi dirigenti, insieme stiamo facendo un grande lavoro che ci porterà a grandi soddisfazioni, in città come in provincia - così saluta il consigliere comunale Bianca D’Angelo (Napoli Capitale - Popolo della Famiglia) le due nomine fatte dal partito.”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano