Storie

di Jack Harper

Libano: il Contingente italiano dona materiale a supporto dell’agricoltura

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Prosegue l’impegno della MIBIL, missione militare italiana che opera in Libano dal 2015 nel settore del training a favore delle Forze di Sicurezza locali e in diversi settori a supporto delle Autorità libanesi.

Negli ultimi giorni sono stati distribuiti oltre 18.000 chilogrammi di fertilizzante per agricoltura, di diversa tipologia e caratteristiche chimiche, a favore di 360 piccoli agricoltori ripartiti in tre importanti municipalità a Nord di Beirut, in cui la stessa MIBIL opera quotidianamente addestrando le unità militari libanesi.
La distribuzione del fertilizzante, riporta lo Stato Maggiore, consentirà di migliorare nel breve termine la resa dei terreni di piccole aziende agricole in difficoltà a causa dell’attuale grave crisi economica in cui versa il Libano e rappresenta un primo passo di un ben più ampio e strutturato progetto volto ad incrementare la sostenibilità dell’agricoltura in Libano che proseguirà nei prossimi mesi.
La donazione è stata resa possibile grazie alla collaborazione avviata dalla componente CIMIC (Cooperazione Civile e Militare) della MIBIL con le tre municipalità interessate e al fondamentale supporto dell’Avsi, fondazione che opera in Libano con progetti nel settore. Una interazione, spiega la Difesa, che ha consentito di individuare gli agricoltori maggiormente bisognosi del supporto, selezionati sulla base delle reali necessità e della resa del terreno agricolo destinatario.
Alla cerimonia di donazione sono intervenuti il Colonnello Angelo Sacco, Comandante della MIBIL, i sindaci delle Municipalità interessate, insieme ad una rappresentanza degli agricoltori beneficiari.
Nell’occasione, il Colonnello Sacco ha sottolineato l’importanza di supportare il settore dell’agricoltura, quale strumento di sviluppo e di ripresa economica per il Paese.
Le Autorità locali presenti hanno tutte ringraziato l’Italia, la MIBIL e le Forze Armate italiane per l’importante donazione ricevuta e la vicinanza al Libano in un momento estremamente difficile, auspicando un percorso di miglioramento per il futuro.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

05/06/2023
2802/2024
San Romano

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Politica

Volete o non volete cambiare il Paese?

Il Popolo della Famiglia lancia la proposta a tutti gli uomini e le donne “liberi e forti” d’Italia: ora impegnarsi in prima persona

Leggi tutto

Storie

Quale vino bevono gli italiani?

La domanda che spesso si pongono gli amanti del vino ha finalmente una risposta! Quali sono i vini più diffusi tra gli italiani? Secondo lo studio realizzato da Tiendeo.it, ad andare per la maggiore tra chi sfoglia i volantini dei punti vendita sono i vini rossi, in particolare Montepulciano, Nero d’Avola e Chianti

Leggi tutto

Politica

Piazza del Duomo a Milano è ancora “del Duomo”?

Per chi vive nell’idea che il diverso è impuro e inferiore scoprire la grandezza in ciò che da loro è diverso potrebbe essere veramente fonte di profonda crisi.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: la pace è compito di tutti

In occasione della Veglia ecumenica di Pentecoste organizzata da Charis International, Francesco diffonde un videomessaggio in cui torna a parlare delle ferite dell’umanità sconvolta da malattie, fame, esili, guerre. Il pensiero è all’invasione dell’Ucraina, ma anche alle sofferenze dello Yemen, del popolo Rohingya, del Libano.

Leggi tutto

Politica

Le regole del Mite per risparmiare sul gas

Zakarova: “gli italiani soffriranno”

Leggi tutto

Politica

LA ” BENEDIZIONE” PIDIEFFINA

Non c’è confronto in cui non ci venga chiesto quale sia la missione attuale del Popolo della Famiglia: sembra (ripeto, sembra) che la nascita del Governo Meloni abbia decretato la fine del movimentismo nato dalle ultime due grandi piazze “per la vita e per la famiglia”. La frase tipo che ti rifilano come risposta preconfenzionata è sempre la stessa: ci pensa Giorgia. Povero Presidente del Consiglio: una croce così grande e nemmeno un Simone di Cirene? Sì ve lo ricordate, almeno per sbaglio per averne sentito passare il nome in una domenica d’infanzia? Colui che aiutò Gesù a portare la croce durante il cammino prima di salire sul Golgotha.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano