Storie

di Giuseppe Udinov

SUDAN - Combattimenti, aggressioni militari, abusi

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

A otto settimane dallo scoppio della guerra tra le forze armate sudanesi (SAF) e le forze di supporto rapido (RSF) persistono combattimenti, abusi, violenze bel Paese e nella capitale Khartoum. Secondo quanto riferito dalla stampa locale, l’isola di Tuti composta da solo un piccolo villaggio ma circondata da Khartoum, Omdurman e Khartoum North, è sotto assedio e l’organismo Sudan Emergency Lawyers ha denunciato la catastrofe umanitaria. Nella regione del Darfur non è possibile far giungere gli aiuti umanitari e la popolazione è allo stremo. Per l’ottavo giorno consecutivo, le RSF avrebbero chiuso i due ponti che collegano Tuti Island a Khartoum e Khartoum North, impedendo l’ingresso e l’uscita di persone, scorte di cibo e medicinali. “Stanno sparando a chiunque si avvicini alle rive del Nilo per lasciare l’isola”, riferiscono. “Hanno impedito alle persone di seppellire i corpi dei morti nel cimitero di Hillat Hamed, e hanno ripiegato sull’isola. Inoltre, l’RSF non ha consentito ai pazienti in condizioni critiche e ai casi di emergenza di attraversare i ponti. La situazione umanitaria sta peggiorando rapidamente, le farmacie hanno esaurito le medicine e mancano le scorte di cibo”.

Tra le atrocità che questa guerra sta alimentando non mancano le aggressioni sessuali ai danni di donne e bambine: “la maggior parte delle vittime sono donne e ragazze di età compresa tra 12 e 17 anni” hanno dichiarato dall’Organismo per la lotta alla violenza contro le donne presso il Ministero degli Affari sociali. Pur rientrando in questa tragica cornice i crimini di violenza sessuale e di genere (SGBV) e la violenza contro le donne e le ragazze (VAW/G) sono sottostimati, a causa del caos creato dalla guerra, dalle scarse telecomunicazioni e connessioni Internet e dallo stigma subito dalle vittime di stupro. Alla fine di maggio è stato segnalato un numero crescente di casi di stupro nell’area metropolitana di Khartoum e nel Darfur. I criminali approfittano in cambio di bisogni primari, di molte donne che sono diventate ancora più vulnerabili finanziariamente a causa del conflitto in corso.
La situazione militare a Khartoum rimane molto grave per la continua aggressione militare contro istituzioni e civili da parte delle milizie e per i bombardamenti dell’esercito. Sono state devastate le ambasciate di Arabia Saudita e del Bahrein e saccheggiati gli uffici e le residenze dei diplomatici. L’esercito è accusato di aver bombardato scuole causando molte vittime, con il pretesto che siano nascosti i miliziani del pronto intervento.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

09/06/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Storie

Il Vaticano ed i timori per il Sudan

Dichiarazione della Missione Permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, durante la 36.ma sessione speciale del Consiglio dei diritti umani sull’impatto sui diritti umani del conflitto in corso nel Paese africano:

Leggi tutto

Chiesa

SUDAN - “Tutti possiamo contribuire a portare pace sulla terra”

Secondo un recente rapporto, le condizioni di precarietà nello Stato sono in aumento. Mons. Hiiboro evidenzia che quasi la metà dei quartieri della contea sono più svantaggiati rispetto a cinque anni fa. “Celebrando la nascita di Gesù, ci viene data rinnovata fiducia nel potere della bontà e dell’amore, e ci incoraggia a mostrare e condividere quella bontà e quell’amore tutto l’anno. Tutti possiamo contribuire a portare pace sulla terra e buona volontà a tutti.”

Leggi tutto

Storie

SUDAN - La popolazione chiede alle suore di non andar via

Stanno bene le missionarie Figlie di Maria Ausiliatrice (FMA) a Karthoum, la cui casa era stata colpita da un ordigno bellico lo scorso 3 novembr

Leggi tutto

Storie

Sudan - Allarme abuso di droghe tra i giovani

Un aumento della criminalità che non ha precedenti nella regione di Kassala, a causa dell’abuso e della disponibilità di droghe, è stato denunciato dal capo del dipartimento della National Campaign to Combat Drugs (NCCD) della città. Il fenomeno è particolarmente diffuso tra i giovani ma al momento non c’è una stima ufficiale sul numero di tossicodipendenti.

Leggi tutto

Storie

SUDAN - “Il Paese è al sicuro solo se ogni singolo cittadino lo è”

“Libertà, pace, giustizia e un Paese che accolga tutti e che guardi al cambiamento e alla costruzione di un nuovo Sudan in cui tutti siano uguali, come un popolo e una nazione” è lo slogan della rivoluzione popolare conclusa con il rovesciamento del settimo Capo di Stato, Omar al-Bashir, dopo tre decenni al potere, che il Vescovo della diocesi di El Obeid, Mons. Yunan Tombe Trille Kuku, ha evidenziato in occasione del suo messaggio di Natale e Capodanno 2022.

Leggi tutto

Chiesa

Zuppi: sugli abusi non esiste prescrizione nella Chiesa

Il presidente della Cei, a margine della conferenza stampa di chiusura dell’Assemblea straordinaria dei vescovi italiani ad Assisi, sottolinea che, anche a distanza di anni, nella Chiesa “chiunque viene ascoltato”. Sull’Ucraina assicura che “si farà tutto quello che serve” e sullo sciopero previsto in Italia spiega che c’è “un diritto che va difeso, ma c’è anche una limitazione del diritto che va difesa”

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano