Chiesa

di Tommaso Ciccotti

I buddisti thailandesi in Vaticano

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Un minuto di riflessione silenziosa “per portare davvero tutti qui e ora” ha aperto l’incontro tra una delegazione di monaci buddisti, e il loro seguito, e i rappresentanti del Dicastero per il Dialogo Interreligioso all’Istituto Augustinianum di Roma.

La delegazione avrebbe dovuto incontrare Papa Francesco durante una visita di due giorni in Vaticano, ma a causa della convalescenza in corso del Pontefice al Policlinico Gemelli, gli ha scritto una lettera, firmata dal venerabile Somdet Phra Mahathirachan, abate del Tempio Reale di Wat Phra Cetuphon.

Con circa 80 membri, la delegazione thailandese è composta da membri del Consiglio supremo del Sangha della Thailandia, dell’Assemblea del Sangha di Wat Phra Chetuphon, dell’Ufficio di regolamentazione per i Dhammaduta Bhikkhus d’oltremare e del personale dell’Istituto del Re Prajadhipok. Tutti si sono riuniti nell’Aula magna dell’Augustininum, a pochi passi da San Pietro, insieme ai membri del Dicastero per il Dialogo interreligioso, guidato dal cardinale Miguel Angel Ayuso, prefetto, e dal segretario monsignor Indunil Kodithuwakku

.La lettera, scritta in italiano a nome di tutti i membri della delegazione, dell’arcivescovo di Chiang Mai, Francesco Saverio Vira Arpondratana e delle Ambasciate della Thailandia in Italia e presso la Santa Sede, si apre assicurando a Papa Francesco di tenerlo profondamente presente nelle loro preghiere. monaci buddisti hanno poi pregato per la pace e fatto visita alla tomba del defunto Papa Benedetto XVI, raccogliendosi intorno e rimanendo per qualche istante in silenzio. Hanno poi pregato insieme per Papa Francesco, augurandogli una pronta guarigione.

Nel suo saluto alla delegazione, il cardinale Ayuso ha ricordato che, “come amici”, condividiamo “le stesse gioie, gli stessi dolori, le stesse preoccupazioni e visioni”. Le due delegazioni, cattolica e buddista rappresentano un pellegrinaggio di amici, ha proseguito il porporato, di cui Papa Francesco è testimone.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/06/2023
2102/2024
Sant'Eleuterio

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Chiesa

Sacerdoti oggi

Vi sembrerà impossibile, lo so. Anche a me oggi, a 45 anni, fa ancora lo stesso effetto. A volte mi sveglio di notte da incubi spaventosi e mi domando: ma è stato tutto vero o me lo sono inventato io? Durante l’esperienza del liceo e poi dell’università ci ho provato a staccarmi. Per fortuna allora non esistevano i cellulari. Ma vi posso assicurare che la sua presenza era totalizzante anche a distanza. Non esagero se vi dico che ci sono state settimane e mesi nelle quali mi arrivano non meno di trenta telefonate al giorno tutte sue. Ero suo e non era immaginabile che io prendessi il volo per sempre. Mi controllava. Durante la fase della tesi di laurea ho iniziato a soffrire di attacchi di panico. Quest’anno festeggio i 22 anni di convivenza con questa brutta bestia che ti schianta il cuore e il fisico. La vita è sempre stata una vista passata a scappare. A fare non-scelte. Compresa quella di entrare in seminario dopo la laurea in filosofia. E ne ero convinto in un certo senso, ero convinto di avere la vocazione. In realtà non era così: scappavo ancora una volta dal mostro. A venticinque anni che cosa potevo fare nella vita? Non ero capace di fare niente. E allora perché non entrare in seminario? Il prete sapevo farlo, figuriamoci, con tutta l’esperienza di anni e anni passata a fare ogni cosa in parrocchia ed in oratorio! E poi, forse, se fossi diventato prete avrei finalmente avuto la scusa giusta per allontanarmi dal mostro. Il Vescovo mi avrebbe spedito a chilometri di distanza dal prete-mostro e allora la mia prigione sarebbe finita. In seminario ci sono restato 9 mesi. Il periodo più importante e decisivo per la mia vita. Decisivo per affrontare di petto per la prima volta chi ero davvero e che cosa volevo davvero diventare.

Leggi tutto

Chiesa

Quella di Krajewski non è stata una bravata, ecco qui perché

Il sottotesto della controversa scelta era una ridda di complicazioni burocratiche dal nodo gordiano

Leggi tutto

Politica

IL PDF TRA NUOVI ELETTI E NUOVE GRANDI SFIDE

La nostra sfida per un progetto politico autonomo di ispirazione cristiana che cresce e va al governo delle comunità si sposta da qui a otto mesi alle elezioni nelle grandi città  del maggio 2021. Siamo un popolo, non ci faremo trovare impreparati. Dovremo affrontare due settimane dei ballottaggi importanti in cui saremo protagonisti grazie ai risultati ottenuti a Chieti (0,6%) ma soprattutto a Matera (3,5%) e Castrovillari (11,1%). Non solo, tra due settimane il Popolo della Famiglia torna in campo anche per il primo turno delle amministrative siciliane ad Agrigento, a Tremestieri ed a Mislimeri

Leggi tutto

Società

Libano - Scuole cristiane, il Patriarca esonera le famiglie dal pagamento

Il Patriarca siro cattolico Ignace Youssef III Younan, ha dato disposizione di esentare dal pagamento delle rette scolastiche per l’anno 2021-2022, le famiglie degli studenti siro-cattolici che frequentano le scuole collegate al Patriarcato.

Leggi tutto

Chiesa

Papa Francesco: aiutiamo chi scappa per vivere

Papa Francesco incontra 50 giovani di Scholas Occurrentes nel Pontificio Collegio Internazionale Maria Mater Ecclesiae.

Leggi tutto

Chiesa

Vaticano: stop alle spese militari!

A Ginevra, alla Conferenza della revisione della CCW, monsignor Putzer esorta a proseguire ogni sforzo verso un disarmo generale

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2024 La Croce Quotidiano