Storie

di Giuseppe Udinov

Il primo sacerdote nel villaggio di Maria

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

Il 9 giugno è stato un giorno storico per gli abitanti del villaggio di Mariapally di Satkhira, nella parte meridionale del Bangladesh. Per la prima volta nella sua storia, infatti, la locale comunità cristiana locale ha visto un proprio figlio diventare prete. A presiedere l’ordinazione sacerdotale di p. Ruben Robel Biswas, religioso della Congregazione della Santa Croce, di fronte a un’assemblea di 800 persone è stato il vescovo di Khulna, mons. James Romen Boiragi.

“Oggi sono molto felice perché abbiamo il primo sacerdote del nostro villaggio. Spero che molti altri ragazzi e ragazze si uniscano alla vita religiosa vedendo l’esempio di p. Ruben”, ha detto Marcus Sardar, un abitante del villaggio di Mariapally.

P. Biswas ha raccontato che il loro villaggio conta 550 cattolici in 115 famiglie. Oltre 70 anni fa i missionari Saveriani italiani – presenti in questa regione dal 1895 - hanno portato per la prima volta il Vangelo nel villaggio tra gli Horijon, i cosiddenti “intoccabili” nel sistema delle caste. Gli abitanti di Mariapally sono agricoltori, lavoratori a giornata, barbieri e calzolai, solo il 20% delle persone è istruito: è stato con l’arrivo dei missionari che è iniziata l’opera di alfabetizzazione.

P. Biswas – che ha 36 anni ed è figlio di un elettricista e di una casalinga – ha raccontato di dovere molto alla testimonianza dei sacerdoti italiani che hanno sostenuto i suoi studi. In particolare ha citato la figura di p. Marino Rigon, che ha contribuito allo sviluppo socio-economico della diocesi di Khulna e di Mariapally e venne anche insignito dell’onorificenza di “Amico della guerra di liberazione” in Bangladesh. Ha poi aggiunto di essere stato ispirato alla vocazione al sacerdozio dalla figura del vescovo Michael A. D’Rozario: “Visitava le nostre case. Vedendo il suo stile di vita santo sono entrato in seminario”, ha ricordato.

Prima del 2003 il nome del villaggio era Putimari. “Sono stati i missionari saveriani a rinominarlo Mariapally, che significa villaggio di Maria. Ci hanno incoraggiato a pregare attraverso la Madonna che ci salverà da ogni pericolo”, ha spiegato p. Biswas. Ora tutti gli abitanti del villaggio sono cattolici. “I sacerdoti saveriani hanno piantato il seme della buona novella e oggi abbiamo ottenuto i frutti”, ha commentato Pieal Biswas, fratello maggiore del nuovo sacerdote.

P. Ruben ora svolgerà il suo ministero nella parrocchia di Pirgacha della diocesi di Mymensing come viceparroco. “Dio scelse Geremia per parlare - gli ha detto nell’omelia mons. Boiragi -. Anche tu adesso abbi fede in Lui, ed Egli parlerà alla gente con la tua vita, con la tua bocca e con il tuo cuore, ispirandoti a lavorare tra la gente”.

Abbonati agli albi cartacei de La Croce e all’archivio storico del quotidiano

16/06/2023
1908/2023
San Giovanni Eudes

Voglio la
Mamma

Vai alla sezione

Politica

Vai alla sezione

Articoli correlati

Media

Netflix Italia celebra l’utero in affitto

La pellicola, di Marco Puccioni e Luca De Bei, ha come protagonisti una coppia di uomini che hanno avuto un bambino grazie al ricorso all’utero in affitto e, come viene dichiaratamente espresso anche nello stesso trailer, il film fa passare un messaggio “positivo” nel far uso di questa abominevole pratica.

Leggi tutto

Storie

Sagaing: la giunta militare attacca un villaggio cristiano

Sono almeno 20 le case bruciate in questi giorni a Chan Thar, oltre 500 le scorte di riso andate perse e parecchi gli sfollati. I soldati hanno fatto irruzione e dato fuoco alle abitazioni “senza alcuna ragione”.

Leggi tutto

Storie

Il buddhismo e la crisi in Thailandia

Le trasformazioni del Paese ma anche i comportamenti opinabili di diversi esponenti religiosi ha ridotto sensibilmente il numero dei giovani che entrano in monastero entro i 20 anni

Leggi tutto

Società

PAKISTAN - Diritti delle minoranze

Nasira Iqbal, giudice in pensione, ha dichiarato: “Sono passati otto anni dall’emanazione di quel pronunciamento e stiamo ancora aspettando la sua attuazione. È responsabilità del governo attuare gli ordini dei tribunali e affrontare gravi problemi che le minoranze incontrano in Pakistan. La sentenza sottolinea l’uguaglianza dei diritti per tutti i cittadini, indipendentemente dalla fede, pertanto il governo deve sviluppare programmi di studio inclusivi e tolleranti per tutti, come disposto dal tribunale”.

Leggi tutto

Società

Il pensiero unico fa a meno della realtà

Davvero singolare la cultura attuale che genera spegnimento, disinteresse, ignoranza.

Leggi tutto

Storie

Haiti - Impotenti di fronte alla violenza

Monsignor Max Leroy Mesidor parla del Paese caraibico sprofondato nel dramma sanguinoso scatenato dalle gang criminali, che ha fatto centinaia di morti: non ci può essere pace quando gran parte della popolazione vive in condizioni disastrose.

Leggi tutto

La Croce Quotidiano, C.F. P.IVA 12050921001

© 2014-2023 La Croce Quotidiano